Ciò Che Hanno in Comune Tutte le Newsletter a Cui Sono Iscritto da 2+ Anni

Il sottile fascino di una newsletter

scritto da Francesco Gavello [+] il 14 settembre 2011 | 12 Commenti in: Featured | Lavorare con le email

Tutti siamo bene o male iscritti a qualche newsletter.

Qualche volta si tratta del classico fulmine a ciel sereno, quando scopriamo un blog che incarna i nostri maggiori interessi. Altre si tratta di un “do ut des” per ottenere l’ebook o l’infoprodotto di turno.

Così, nel tempo, newsletter si accumulano una sopra l’altra lottando disperatamente contro i filtri antispam e le etichette del nostro client di posta. Solo alcune, pochissime, rimangono utili e resistono davvero a lungo.

Ecco ciò che ho notato dando uno sguardo alle newsletter a cui sono iscritto da almeno un paio di anni e che leggo ancora costantemente. Ci crederesti?

1) Sono dannatamente semplici

Purtroppo, niente fuochi d’artificio. Niente colonne multiple alternate a immagini come se piovesse. Solo un paio di colonne, nel migliore dei casi e testo quanto basta.

Lo stesso layout viene mantenuto a lungo. Per molte di esse non credo sia neppure mai cambiato. Ciò fa in modo che sia molto più semplice scansionarle di volta in volta senza dover reinterpretare il messaggio ricevuto.

2) Sono personali, senza volerlo essere a tutti i costi

La differenza tra le newsletter che vogliono essere intime a tutti i costi e quelle che cercano, garbatamente, di far sapere che conoscono le esigenze di chi le legge sta tutta in una parola: contesto.

Le newsletter a cui sono più affezionato sanno essere parte di un contesto più ampio. Anticipano articoli futuri sulla base di commenti ricevuti in passato (e ne esplicitano i processi di creazione). Si legano ad articoli e commenti già trattati e già discussi insieme al target (hey, sono io!) rendendolo partecipe delle meccaniche che stano dall’altra parte del blog.

Insomma, sanno far sentire il lettore qualcosa di più di un numerino in lista.

3) Sono imprevedibili

Non c’è niente di più noioso dello scorgere a colpo d’occhio tutte le malizie di una newsletter -e di un’autore- che vuole solo spremere la propria lista senza troppi sforzi.

Le newsletter che più amo sono in grado di mantenere una percentuale di contenuto “fisso” (strutturale) e condirlo di parti variabili come se piovesse. Alcuni usano ruotare interviste ricevute in sidebar, di fianco all’editoriale della settimana. Altri un tool degno di nota. Altri ancora un piccolo trick da seguire per approfondire un discorso introdotto sul blog.

Sanno quindi essere imprevedibili in modo da non lasciare che l’utente scorra il tuo ennesimo subject pensando: “Oh no, non ancora gli stessi RSS che ho già letto sul sito!”.

4) Possiedono il giusto timing

Due scuole di pensiero:

“Mantenere una lista calda è tutto in una buona campagna di email marketing.”

e

“Scrivere troppo spesso ai tuoi lettori li farà scappare a gambe levate.”

Dove sta il giusto mezzo? Le newsletter che ancora oggi leggo dopo due anni mi arrivano spesso. Fino a tre volte a settimana, nei momenti migliori.

Il punto è che lo fanno con tempismo. Insieme a quella che potremmo chiamare “frequenza ufficiale” (una volta alla settimana?) alternano mail puramente testuali come semplici promemoria su attività che il mittente sa essere importanti per me.

(perché io gliel’ho detto non appena ho avuto il tempo configurando il mio profilo al meglio)

Così, ogni qual volta ricevo una mail extra, so già che sarà in puro testo, conterrà al massimo 3 paragrafi ben scritti e un link a qualcosa di effettivamente utile per i prossimi giorni. Niente di meglio se ho deciso di seguire un evento, iscrivermi a un pre-lancio o seguire da vicino un’altra attività di un personaggio che seguo da vicino. Con buona pace del “non scrivere troppo ai lettori o fuggiranno”.

Cosa funziona per te?

Hai mai mantenuto così a lungo l’iscrizione a una newsletter? Esiste un particolare tipo di approccio che non respingi ma che, anzi, trovi estremamente utile per quanto riguarda i tuoi interessi?

Cos’hanno in comune le newsletter che hai ricevuto questa settimana, se vi sei rimasto iscritto da un sacco di tempo a questa parte?

foto: © Beat Bieler – Fotolia.com

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

12 Commenti

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. YouON ha detto:

    E in assoluto avere il pulsante “Non ricevere più email”, ci sono alcuni siti che ti dicono di andare nelle impostazioni del tuo profilo bla bla bla…. altri che il sistema di unsubscribing non funziona… e finiscono regolarmente nello SPAM :)

    Rispondi
  2. lullaby ha detto:

    Io sono curiosa di sapere quali sono le newsletter che segui (e che quindi reputi “buone”) :-)

    Rispondi
  3. Daniele ha detto:

    Ciao, anche io sono interessato a qualche nome: iscriversi = imparare ;-)

    Rispondi
  4. Lorenzo ha detto:

    Mi associo ai curiosi: a quali newsletter sei iscritto? :)

    Rispondi
  5. Umberto ha detto:

    Francesco personalmente non amo essere “assalito” da mail in generale, che siano newsletters, offerte promozionali o semplici messaggi che possono rimandare ad un articolo ben scritto.
    Credo che 1 o 2 giorni alla settimana sia un buon compromesso, mantieni un contatto ed allo stesso non invadi più di tanto la sacrosanta privacy del tuo lettore.

    Rispondi
  6. Francesco Gavello ha detto:

    Ok, ve ne nomino tre. :)

    1) FliyingSolo (http://www.flyingsolo.com.au/). Presenta una newsletter prettamente dedicata al mondo dei freelancer e insieme ai propri infoprodotti e promozioni si cura di offrire contenuti su misura per i lettori, insieme a veri e propri spunti di discussione che non si trovano altrove sul portale.

    2) Laura Roeder (http://lauraroeder.com/). Scrive di marketing e comunicazione online con uno stile leggero, diretto e molto molto efficace.

    3) Gideon & Yaro (http://becomeablogger.com/) . Sintetica, pulita e piena di contenuto.

    Buona lettura!

    Rispondi
  7. Marco Famà ha detto:

    Arrivo sempre tardi a commentare i tuoi post!

    Oltre alla tua, due sono le newsletter che seguo davvero da una vita: Punto Informatico e TreSiti, sempre dello stesso editore. Ci sono affezionato in un certo senso, i contenuti che mi mandano sono appropriati ed interessanti, e sono schedulati praticamente sempre alla stessa ora.
    Un po’ come per la tua newsletter, Francesco.

    Marco

    Rispondi
  8. lullaby ha detto:

    grazie per le segnalazioni :-)

    Rispondi
  9. Riccardo Mel ha detto:

    in effetti le newsletter “assillanti” sono davvero odiose….

    Rispondi
  10. Stefano Bagnara ha detto:

    Diciamo che se cercano di ottenere la mia email “con la forza” allora non mi iscrivo nemmeno. Se mi costringi a lasciarti l’email per scaricare qualcosa otterrai una bellissima casella da mailinator.com e basta.

    A parte questo la frequenza di invio deve essere adeguata e conforme a ciò che era dichiarato nel form di iscrizione (ed è bene che fosse dichiarato).

    La quantità di informazione utile deve essere maggiore rispetto alla pubblicità.

    Il titolo deve essere utile a identificare velocemente il contenuto e decidere se vale la pena aprire o se invece è meglio non perdere troppo tempo e aspettare piuttosto la newsletter successiva. Un titolo “intrigante” mi frega una volta, alla seconda finisce in spam.

    Rispondi
  11. Erika ha detto:

    Quando trovo due nuove mail è una buona giornata. Credo ci stiamo arrivando, le newsletter funzionano ma perchè averle sparpagliate?
    I social network sono saturi, ormai tutti sanno che là dentro si perde un pò di tempo congelando il cervello ma sono strutturati bene, bisogna ammetterlo. La home è cronologica e personalizzata (parola fantastica), hai tutto in pochi click e qualche scroll, e allora arriviamoci, che ognuno si crei la propria, e soprattutto una, newspage online, si farcisce di tutti i link rss dct pop e gnam gnam che affollano mail e barre ed è fatta, è tutto qui: http://www.postano.com/our-postano.php
    In via di sviluppo l’ho scoperto pochi mesi fa ed è stato amore, sta finalmente arrivando in stile social news il proprio giornale online. Era ora.

    Rispondi
  12. Max ha detto:

    L’ideale è un timing di una volta a settimana. Nel caso ci sia qualche novità rilevante, offerta o regalo allora va bene anche a spot una ulteriore news che si aggiunge a quella regolare. Concordo sulla semplicità ed immediatezza del messaggio.

    Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!