Esistono Solo Due Tipi di Potenziali Clienti

Il succo è: su quale dei due tipi investire?

scritto da Francesco Gavello [+] il 08 luglio 2014 | Un Commento in: Featured | Ispirazioni

Come trovare il cliente giusto

Esistono solo due tipi di potenziali clienti che puoi inseguire.

I primi li hai probabilmente già intorno.
Sono coloro che in qualche forma apprezzano ciò che fai.

Clienti attuali, lettori del tuo sito, iscritti alla newsletter o fan della tua pagina aziendale su Facebook. Sono persone che, nella loro forma attuale, sono potenzialmente incuriositi dalla tua figura (quando non già tuoi clienti) o inclini a collaborare con te.

Il secondo tipo è composto da …tutti gli altri.
Persone, pure con lo stesso problema da risolvere dei primi, per nulla interessate a ciò che fai.

Clienti forse solo lontanamente potenziali per motivazioni diverse. In alcuni casi per motivazioni che con i risultati centrano poco. Persone che dubitano, in cuor loro, del prodotto o dell’idea. A torto o a ragione, sono tutti da convincere a cambiare brand, prodotto, servizio.

Ora, da professionista, puoi fare due cose.

Rischio calcolato

Puoi inventare complesse strategie per manifestare ai secondi la tua esistenza. Puoi argomentare e controbattere, strappando il prezzo migliore lavorando sotto l’occhio di chi, come detto, non ci crede poi troppo. Investire tempo e energia per convincere coloro che non ci credono che in realtà si sbagliano. Ricordi la storia dei fratelli Wright?

Oppure puoi impiegare il tuo tempo per dare sempre più motivazioni a chi già ti segue, a chi già è tuo cliente, per esserlo a lungo e crescere insieme a te.

Qual è la scelta più lungimirante?

Dimostrare il contrario a un cliente che non vuole o non ha intenzione di cambiare punti di riferimento è un rischio d’impresa bello tosto. Una scelta strategica da ponderare adeguatamente e spesso, semplicemente, controproducente.

Le persone like-minded tendono (come tutte le altre, per il resto) ad aggregarsi. È tutto qui. Ha molto più senso potenziare la tua credibilità verso chi sta già credendo in te piuttosto che convincere uno scettico del contrario. È l’unico modo per parlare di vero passaparola. Quello in grado di fare la differenza.

foto: Alejandro Escamilla

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Un Commento

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. Bell’articolo e considerazioni condivisibili. Ma solo se il bacino di utenza di chi già ti segue è ampio. Se, al contrario, hai pochi ‘followers’ non ti rimane che convincere quelli che… non sono interessati a quel che fai. E la maggior parte di coloro che ti stanno leggendo, si colloca in questa categoria…

    Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!