Perché testare è così difficile?

Governare la complessità

scritto da Francesco Gavello [+] il 27 settembre 2017 | Lascia un commento in: Ispirazioni

Perché testare è così difficile?

Stavo sfogliando qualche giorno fa un ottimo studio in tre parti di ConversionXL Institute circa l’efficienza delle pagine di prodotto all’interno di un e-commerce e ho realizzato che, semplicemente, al di là degli interessanti risvolti dell’analisi, questa sintetizza in un qualche modo la difficoltà di affrontare un test di marketing – uno fatto bene - in un contesto reale.

Perché sono capaci tutti a scrivere della bontà dell’effettuare un test.

Dell’ipotizzare di alzare o abbassare il budget.
Del cambiare layout o di ridurre o ampliare i testi.

In teoria, tutto suona bene.

Nel mondo reale invece, abbiamo a che fare con aziende che generano un fatturato grazie a un preciso scenario che da consulenti ci troviamo di fronte. Con vincoli e opportunità tutt’altro che da manuale. E affrontare un test in grado di incidere, anche momentaneamente, in modo negativo sui ritorni dell’investimento non è qualcosa che si fa a cuor leggero.

Un buon test richiede:

  • tempo
  • volumi
  • budget

Tempo e volumi, prima di tutto. Perché non puoi testare efficacemente una qualsiasi azione di marketing scegliendo come orizzonte temporale una mezza giornata o una manciata di giorni. Né puoi pensare di ottenere dei dati statisticamente rilevanti con un centinaio di utenti al giorno. Non se vuoi che i tuoi test significhino qualcosa.

Budget, subito a seguire. Perché per definizione testare significa offrire almeno due alternative per la stessa soluzione. Che si tratti di predisporre una nuova serie di landing page o di sviluppare creatività aggiuntive per i propri annunci, la stessa idea del testare richiede disporre di margine di manovra.

Ed è proprio di questo margine di manovra che molti brand, troppo piccoli o con uno scenario troppo complicato, non dispongono. Per quanto si considerino i test come la panacea di tutti i mali (e non testare è, in effetti, la cosa più sbagliata che puoi fare nel web marketing) arrivare a predisporre una logica di test sostenibile dal cliente non è così semplice.

Apro una parentesi. Una semplice regola non scritta nell’essere consulente è che non puoi chiedere duemila euro al mese a un cliente se questo ne fattura uno. Allo stesso modo se un business, un e-commerce ipotizziamo, genera 30 vendite al mese e ha bisogno di migliorare, proporre a bruciapelo un test in grado, nel caso peggiore, di ridurre quelle 30 vendite a 10-15 è piuttosto rischioso. Soprattutto se per il nostro cliente il punto di pareggio si trova proprio intorno a questi numeri.

Non significa che si testa soltanto quando le cose vanno bene (anche se testare quando le cose vanno bene è una buona pratica). Significa che testare significa essere pronti anche al peggio e, che quando un test va male, è necessario avere le spalle coperte per non far cappottare un intero business.

Altrimenti, più che di test parliamo di scommesse.

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Puoi essere il primo a commentare!

Lo sapevi che tutti i link sono NoFollow free ?

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!