La Corsa in Ascensore: Perché al Tuo Blog Serve un Elevator Pitch e Come Iniziare a Scriverne Uno

Sai come promuovere il tuo blog nel giro di trenta secondi?

scritto da Francesco Gavello [+] il 10 giugno 2009 | 10 Commenti in: Scrivere Contenuti

elevator-pitch

Wikipedia definisce Elevator Pitch come “[...] un tipo di discorso ed una forma di comunicazione con cui ci si presenta, per motivi professionali, ad un’altra persona o organizzazione.”

La metafora dell’ascensore è presto spiegata: immaginando di avere un tempo limitato per convincere il nostro interlocutore ci si costringe a soppesare attentamente ogni parola, cercando di essere incisivi quanto basta per stimolare ulteriore curiosità dall’altro lato.

La letteratura specialistica definisce questo “tempo limitato” in ben cinque minuti.

Ora, non so dove mai possa andare a finire un ascensore in cinque minuti netti di corsa, ma per il momento atteniamoci al piano.

E il piano è che ti serve un buon elevator pitch.

Non importa se leggendo le righe qui sopra hai pensato di non essere un imprenditore e di non avere in effetti nessuna intenzione di andare in giro a raccogliere finanziamenti per la tua startup.

A dire il vero, questo non è il solo scopo di un elevator pitch.

Soprattutto se sei un blogger e gestisci dei contenuti su web, allora sappi che focalizzare il tuo “approccio da ascensore” è una delle prime cose a cui dovresti pensare.

Concetti fondamentali

Un elevator pitch non è solo una frasetta simpatica da piazzare nel footer o sotto al tuo logo, mettendo insieme alla rinfusa alcuni concetti che ti sembrano possano sembrare sensati. Niente affatto: costruirne uno (che funziona) richiede tempo e, beh, un minimo di introspezione.

  • E’ breve. Non esiste una lunghezza precisa per un buon elevator pitch. Tuttavia, se stai gettando troppa carne al fuoco e stai spendendo più di due paragrafi, forse hai già scritto troppo.
  • E’ parte del tuo brand. Come un logo o un layout, sarà rapidamente associato al tuo blog, con tutti i vantaggi in termini di riconoscibilità e chiarezza nella marea di altre pagine, persone e progetti attualmente presenti in rete.
  • Si evolve con te. Ed esattamente come un logo o un layout, cresce mano a mano che cresci tu stesso. Considera di rivedere il tuo elevator pitch a intervalli periodici per stabilire se questo rifletta ancora al meglio il tuo modo di porti online.
  • Non è una scatola chiusa. Soprattutto se intendi usare il tuo elevator pitch in una discussione, devi essere pronto a difenderlo e motivarlo con la stessa grinta che hai usato per scriverlo. Renditi in grado di argomentare ogni singolo concetto che decidi di inserire al suo interno.
  • E’ dannatamente semplice da comprendere. Se nemmeno tu riesci ad avere un’idea chiara di cosa stai facendo, allora è molto probabile che nemmeno i tuoi lettori ce l’abbiano. Un elevator pitch ti può aiutare a fare chiarezza dentro e fuori le tue pagine.

Mi preme in particolar modo sottolineare l’ultimo punto. Un elevator pitch che funziona non è probabilmente semplice da scrivere, ma è semplice da comprendere.

E perché sia semplice da comprendere, tu per primo devi possedere una visione estremamente chiara e precisa di ciò che stai facendo online. Avere coscienza dell’utilizzo che fai dello spazio che gestisci.

Un piccolo esempio: pubblichi articoli e ricette sul mondo della cucina ma talvolta vai off topic con i resoconti dei tuoi viaggi? Perfetto, purché tu ne sia cosciente e non consideri invece le tue pagine come un grosso contenitore di materiale disomogeneo (perché a conti fatti non lo sono).

Una volta raggiunta questa piccola consapevolezza, puoi iniziare a delineare il tuo elevator pitch.

Da dove partire?

Per cominciare a gettare attivamente le basi per il tuo elevator pitch ci sono alcune domande dalle quali potresti partire. Se riesci a rispondere a molte di esse rimanendo conciso e interessante da leggere, sei sulla strada giusta.

  • A chi mi sto rivolgendo?
  • Che tipo di problema cerco di risolvere?
  • In che modo raggiungo il mio obiettivo?
  • Quali risultati ho già ottenutio?
  • Quali sono i miei progetti nell’immediato futuro?

Puoi costruirne diverse versioni di diversa lunghezza: alcune leggermente più estese da destinare alla tua pagina “Chi Sono”, altre più sintetiche da utilizzare come complemento al nome del tuo blog. Sperimenta sino a che il tuo elevator pitch non diventa così naturale ed intrigante da non suonare mai noioso o scontato.

Un paio di considerazioni finali

Più che per un discorso prettamente letterario, credo che possedere un proprio elevator pitch sia piuttosto questione di consapevolezza.

Per i motivi più disparati potresti anche decidere di non esplicitarlo sul tuo blog o sul tuo biglietto da visita, ma non per questo non dovresti comunque conoscerlo a menadito e averlo fissato in mente.

Perché rappresenta l’impostazione stessa che decidi di dare al tuo lavoro, racchiude il messaggio di fondo che stai cercando di passare ai tuoi lettori.

Cominciare a pensare al tuo elevator pitch sin dai primi giorni di vita del tuo blog ti aiuterà a rimanere focalizzato sulla tua idea originale, evitando le fin troppo facili derive che colpiscono i blogger nei loro primi momenti di crisi.

Hai mai pensato al tuo elevator pitch?
Lo usi sulle tue pagine? Hai intenzione di farlo?

E ancora più importante: dentro di te, sai cosa recita il tuo elevator pitch?

foto: Guwashi999

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

10 Commenti

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. Sheik ha detto:

    Per fare un esempio concreto, il tuo Elevator Pitch è “Creativo, Web Designer, Blogger.”, giusto?
    mi sembra incarnare perfettamente tutti i punti elencati, ma se è lui in che modo è possibile “usarlo in una discussione”?

    Rispondi
  2. Francesco Gavello ha detto:

    Esatto, ma non solo. E’ una sintesi di un e.p. un filo più esteso che sto tenendo da parte ancora per qualche tempo.

    Due altri esempi: Copyblogger usa “Copywriting Tips for Online Marketing Success”; ShoeMoney invece punta su “Skills to Pay the Bills”.

    Se vogliamo sono tutte contrazioni di discorsi di un paio di minuti. Usarli in una discussione significa semplicemente saper argomentare cosa sta dietro a questa manciata di parole senza tornare alle banalità ;)

    Rispondi
  3. Engelium ha detto:

    Beh finchè si tratta blog “pseudo-tecnici” o comunque tematici è più o meno facile … ma cosa succede nel momento in cui si tratta di veri blog, ovvero pagine che raccontano la propria vita a 360° ? … è difficile (non impossibile lo ammetto) in quel caso poter rendere il tutto con un “elevetor pitch”

    Rispondi
  4. Daniel Londero ha detto:

    @Engelium
    Secondo te i blog personali hanno bisogno di un elevator pitch? A qualcuno che scrive unicamente ciò che compra in centro o delle serate con gli amici può interessare l’andamento del proprio blog in termini di visite/hype/contatti?

    Personalmente ritengo che a meno di non parlare di “vip” e di persone che vivono della propria immagine chi parla solo di sè non si crea molti problemi sul successo del blog.

    Se invece il blog è tecnico o comunque genera contenuti utili ai propri lettori magari sulla base della propria esperienza lavorativa, aggiungendo pure, con l’intento di trarre giovamento per la stessa (quindi si autoalimenta) allora sì che c’è l’interesse per un elevator pitch.

    Che ne pensi? E voi che ne pensate?

    Rispondi
  5. Engelium ha detto:

    In linea generale quel che dici è vero… però è anche vero che c’è blog personale e blog personale … ad esempio tu stesso fai l’esempio dei VIP, ma non credo sia il solo caso

    Ad esempio, nonostante si possa pensare il contrario, io non credo che il blog di Gioxx’ sia un vero blog tecnico ma più un blog personale… è vero che parla di molte cose informatiche ma è anche vero che parla di se stesso e della sua vita … ecco un blog del genere è esattamente il problema di cui parlavo sopra

    Secondo voi è un modo sbagliato di pensare? Un elevetor pitch non dovrebbe essere preso in considerazione? … ormai svisceriamo la questione :D

    Rispondi
  6. Daniel Londero ha detto:

    Scorrendo tutte i post nella home di Gioxx mi pare sia tutto tecnico…comunque sia se prendiamo per esempio un blog misto credo che basti focalizzare l’attenzione sulla parte più tecnica per lavorare sull’e.p.

    Credo comunque siamo tutti d’accordo che il blog più adatto all’e.p. è quello che punta ad essere la vetrina e non solo di un professionista. Prendi per esempio proprio questo blog di Francesco che secondo me è un’ottima presenza in rete per la sua professione, altro esempio potrebbe essere JuliusDesign e via dicendo.

    Insomma un blog che è parte del tuo business e che concorre alla creazione del tuo brand.

    Rispondi
  7. [...] e spero soprattutto di vostro gradimento.Vi lascio alle mie segnalazioni ed alla prossima!Blogging:Francesco Gavello – Come iniziare a scrivere un elevator pitch.Ottimi consigli su come iniziare a scrivere una brevissima descrizione d’effetto che riesca a [...]

    Rispondi
  8. [...] Blogging:Francesco Gavello – Come iniziare a scrivere un elevator pitch.Ottimi consigli su come iniziare a scrivere una brevissima descrizione d’effetto che riesca a convincere il lettore all’azione.Guadagno su internet – 8 modi per stimolare la tua creatività.8 consigli per aiutarti ad aumentare la tua creatività nei periodi difficili trovando gli stimoli giusti per ripartire.Technotizienews – Come scrivere titoli di qualità per il proprio blog.Breve guida sullo scrivere e scegliere degli ottimi titoli per gli articoli che dovrai pubblicare.Efficacemente – Come trovare il tempo per le tue passioni.Come imparare a creare il tempo per poter realizzare i tuoi desideri.Nicchia popolare vs. nicchia specifica: pro e contro.Considerazioni riguardo l’eterno dilemma: argomento popolare e inflazionato o argomento specifico e meno seguito?   Strumenti per Twitter: Ikaro – Come scoprire utenti interessanti su Twitter. Due ottimi strumenti strumenti che semplificano la funzionalità di Twitter.   Piattaforma Blogger: Guadagnare con internet ora – Retweet “Tweetmeeme” anche su blogspot.Breve script per blogger per inserire il Retweet del proprio articolo in Twitter con pulsante. Meglio della settimana [...]

    Rispondi
  9. giova ha detto:

    Ciao Francesco ma l’ Elevator pitch corrisponde anche a quello che viene chiamata tagline? O anche payoff ? Nel tuo caso ora è : Blog Marketing Tips, Web & Blogosfera
    Quindi l’Elevator pitch possiamo dire è qualcosa di più dettagliato,da appunto corsa in ascensore che ne spiega brevemente l’idea di fondo?

    Rispondi
    • Francesco Gavello ha detto:

      Ciao Giova, un elevator pitch è qualcosa di più dettagliato che presenti ciò che sai fare e i tuoi punti di forza nel giro di un minuto, circa.

      Sai, quegli approcci che potresti tentare senza neppure riprender fiato incrociando una persona a un qualsiasi evento e che debbano colpire tanta attenzione nel tuo ascoltatore quanto basti a fargli chiedere: “Dimmi di più di…”.

      Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!