Postare nei giorni festivi? Argh!

flickr.com/photos/karolina-lus

Esiste da tempo una regola non scritta che i blogger di ogni genere e tempo si tramandano l’un l’altro.

La regola, quanto di più semplice ed essenziale si possa concepire, riassume in poche parole “l’ansia da post sprecato”, “la sindrome da zero commenti” e una cronica , tipica, pigrizia di fondo, fenomeno al quale colui che scrive non si considera peraltro estraneo.

La regola: “Non postare nel fine settimana”

Tutto qui.

Non postare nel fine settimana, o in qualunque altro giorno festivo, feriale, prefestivo o durante il quale si festeggi alcunché riguardante qualunque religione conosciuta.

Sventure si predicono a coloro che si fanno beffe di cotanta saggezza. Layout che vanno in pezzi, CSS che emigrano lasciano il blog nudo come il creatore (non) l’ha fatto, pestilenze e carestie. Ma più che altro, calo di accessi, interesse per l’articolo azzerato e commenti inesistenti.

Con buona pace di chi potrebbe pensare che nel fine settimana, con maggiore tempo libero, lo si dedichi ai propri interessi, giustamente trascurati e lasciati da parte nella dura settimana lavorativa.

Si noti come alcuni tentino di aggirare il problema con abili trucchi mentali alla Jedi: “guarda che non sto postando, sto raccogliendo il meglio della settimana”, o “il post era programmato, quindi tecnicamente non ho scritto durante il weekend”.

Ma davvero serve preoccuparsi di quando si posta ?

E, ancora meglio, il problema secondo voi esiste ?

Al di là di un calo fisiologico di visite, che spiega in due parole come in ufficio ogni tanto si faccia anche altro oltre che lavorare a ritmo serrato, davvero notate degli effetti negativi nel postare di sabato o domenica?

Tralasciando eventi eccezionali come Blogfest, news scottanti dell’ultimo minuto e temi che richiedono una copertura “on the fly”, ha ancora senso evitare come la peste due giorni potenzialmente “utili” ?

Mi piacerebbe davvero conoscere il vostro parere.

Certo le risposte potrebbero essere varie e sopratutto discordi, probabilmente anche in relazione alla tipologia di blog che un utente gestisce e al rapporto (e qui secondo me sta la chiave) che si è venuto a creare con i propri utenti.

Io qualche idea me la sono fatta, e voi?

Francesco Gavello

Francesco Gavello

Consulente, formatore e public speaker in Advertising e Web Analytics. Sviluppo strategie di Inbound Marketing per progetti web di grandi dimensioni. Appassionato da sempre di illusionismo, un’arte che ha molto da spartire con il marketing.

19 commenti

  1. Beh, io ho una rubrica domenicale. Ce l’ho più per sport che per altro: i commenti non sono tanti, ma le visite ci sono…

    Insomma, una serie di link all’insegna dello “share the love” che male non fanno mai.

  2. Uno cerca le parole esatte per giorni e le trova dopo 3 settimane sul blog di un altro: “ansia da post sprecato”, ecco cosa non mi veniva in mente!

    Il mio punto di vista l’ho espresso appunto poche settimane fa qui. Secondo me se praticato con contenuti di qualità, postare nel weekend può essere addirittura vantaggioso (ad alcune condizioni). Sostanzialmente però è vero, esiste quell’ansia da prestazione che fa da sottofondo alla stragrande maggioranza dei blogger.

    Per finire, personalmente se non ho cose di cui mi interessa scrivere preferisco non scrivere affatto, per cui finora ho evitato come la peste anche i surrogati stile “Delicious links for” o “Il meglio di” nelle sue varie salse; tuttavia non giudico male chi lo fa, sono scelte personali da rispettare.

  3. Sicuramente in settimana in periodo lavorativo si intende è fisiologico avere meno visite del solito

    Ho notato nella blogosfera che alcuni non postano proprio, o altri continuano nella frenesia di postare 4 10 articoli.

    Io sono del parere che è di buona norma pubblicare almeno un articolo più leggero e curioso come “Il meglio di” o “Video Ispiration” nel mio caso

    Articoli leggeri con poco margine di tempo da scrivere cosi da cominciare a organizzarsi per la nuova settimana, anche i blogger hanno una vita sociale, alcuni…

    Personalmente non sono uno di quelli che gli vengono le turbe mentali se non ho ricevuto commenti o meno..

    Anzi mi è molto utile anche come fenomeno da studiare per eventuali cambi di contenuti o altro

    Ovviamente è una scelta libera questa…

    Un saluto

  4. Io abitualmente non scrivo tutti i giorni, a maggior ragione non pubblico niente nel weekend. Preferisco puntare su pochi contenuti selezionati, e programmarli durante la settimana.

    Per il mio blog personale il discorso è diverso. E’ nato da poche settimane, ma mi è già capitato di scrivere durante il weekend semplicemente perchè avevo voglia di farlo 🙂

  5. C’è da dire che pianificare un contenuto specifico solo per il fine settimana aiuta il lettore a farsi un’idea chiara di quando può tornare, e per trovare cosa.

    …ma alla fine…

    i Delicious link li legge mai qualcuno ?
    Ho nei feed blog che oramai sono fatti al 70% solo da finto-post di questo tipo 😀

  6. Io il sabato ho lanciato il “Coming next week” per anticipare alcuni contenuti della settimana a venire. Altri postano nel weekend una raccolta di link di post che ritengono interessanti come segnalazione ai propri lettori.

    Detto questo mi pare che cmq i post con la “sostanza”, almeno personalmente, vengono postati durante la settimana.

  7. Io ho due rubriche fisse e devo dire che quella della domenica (“alleniamo la mente”) va particolarmente bene.
    In questo modo tengo accontento i visitatori del Week-end e accontento me perchè impiego poco tempo per scrivere questi due post:)

  8. Personalmente non posto quasi mai nel weekend 😀

    Questo perchè non voglio mai postare forzatamente, preferisco farlo quando ho l’ispirazione (o non sto male come la settimana scorsa 😀 )

    Non credo ci sia una regola, sarebbe carino postare ogni giorno per mostrarlo sempre dinamico, ma non si può fare tutto ^^

  9. Quindi vedo che la prassi è di rimanere su contenuti “marginali”, leggeri o comunque di solo sostegno al posting settimanale “serio”.

    Mi ha fatto riflettere Daniel Londero che dice di postare una specie di teaser dei contenuti a venire. Domanda: ma così non rischi di mangiarti una buona fetta di visitatori occasionali che potrebbero passare a vedere cosa c’è di nuovo solo per il gusto dell’imprevedibile ? 😉

    …alla fine la aprirò anch’io la mia finestra di strilli domenicali 😀

  10. Credo di essere la prima (l’unica?) donna a rispondere e forse perchè ho blog di argomenti completamente diversi dai vostri non trovo affatto che postare nel week-end sia una perdita di tempo, io posto normalmente e non ho inflessioni di rilevanza nelle visite o nei commenti 🙂
    Grazie per l’interessante post Francesco 😉

  11. @Francesco
    Nel coming next week anticipo solo un paio di temi che verranno trattati in mezzo a tutti gli altri. Tra l’altro non dico il giorno di pubblicazione ma li mescolo ogni settimana in giorni diversi e questo non credo faccia male ai visitatori occasionali, anche perchè se è qualcuno che ritorna a vedere cosa c’è di nuovo non è poi così occasionale.

    Ne avevo parlato più approfonditamente qui:
    http://www.vivaborabora.net/2008/07/29/come-far-tornare-i-visitatori-sul-proprio-blog/

    Ciao

  12. Dal mio modesto punto di vista credo che i weekend potrebbero essere uno spazio dedicato a noi stessi, alle nostre passioni al di fuori dell’informatica, a cose che magari non c’entrano niente con la tematica del nostro blog, in modo da attirare tipologie di utenza diverse..

    Infatti è mia intenzione a ottobre lanciare una rubrica (non so ancora bene su cosa), che non c’entrerà niente con l’informatica.

  13. Non è detto che il punto di vista di Fedeweb sia poi così fuori dal mondo 😀

    Prima erano pochi, praticamente un paio, i blog che seguivo che postavano contenuti OT nel fine settimana, ma ultimamente stanno aumentando sempre di più…

    Un tocco più umano?
    Forse. E non è detto che sia un male…

  14. Credo che le soluzioni proposte da Fedeweb & Daniel Londero siano molto interessanti, alla fine però queste tipologie di post, per tornare a quanto scritto da te Fancesco rientrano nei trucchi Jedi, del postare/non postare.

    Infatti perchè dovrei parlare di me stesso (non voglio assolutamente criticare Fedeweb) la Domenica? non posso farlo il Lunedì o il Mercoledì?

    Alla fine molto dipende dal “rapporto” che si è instaurato con i propri lettori, e poi dovremmo essere un pò più liberi da queste “pare”, se si scrive per il piacere di farlo e di comunicare con gli altri; ben venga il post domenicale (o quando il raptus da post di prende).

  15. Sono convinto che alla lunga il post quotidiano paghi. La percentuale di nuovi visitatori ad esempio è molto alta. Inoltre potendo programmare il post anche se non sei in casa non ti porta via molto tempo. Volendo proprio fare una pausa (aspetto che può costituire anche un messaggio positivo per gli internauti…cioè ogni tanto state lontano dal computer!!) credo che il sabato sia in assoluto la giornata con i risultati meno brillanti.

  16. Forse proprio perchè nel fine settimana mi distacco un pochino dalla classica “linea editoriale” ho maggiori accessi. Comunque, dal momento che la maggior parte degli accessi arriva dai motori di ricerca per me un giorno vale l’altro. Mi programmo gli interventi sul blog senza considerare ne orari ne giorni particolari.