È LinkedIn il Miglior Social Network per Trovare Clienti?

Sì. Sul serio.

scritto da Francesco Gavello [+] il 03 febbraio 2012 | 5 Commenti in: Featured | Social Media

Quale che sia la tua attività o il prodotto che stai vendendo, hai bisogno di un costante afflusso di nuovi clienti. Che il tuo prodotto sia fisico, o espressamente legato a un servizio sul web, capire come gestire il ricambio di persone interessate a te e al tuo brand è uno degli aspetti principali che ti permetteranno di rimanere a lungo su piazza.

Spesso, quando parliamo di trovare & portare in casa potenziali clienti attraverso una strategia di web marketing (la cosiddetta lead generation, appunto) la mente viaggia rapida verso campagne DEM, advertising su AdWords o Facebook Ads.

E il caro vecchio LinkedIn?

È di questa settimana lo studio dei ragazzi di HubSpot, compiuto su più di cinquemila aziende nel settore B2B e B2C attive su LinkedIn che dimostra come il network risulti il 277% più efficace dei classici Facebook e Twitter nell’acquisire clienti.

Trovare clienti con LinkedIn

Di molto inferiori, come si può osservare nel grafico in alto, Facebook con solo lo 0.77% e Twitter con un altrettanto basso 0.69%.

LinkedIn, riporta Rebecca Corliss nell’articolo di cui sopra, con il suo orientamento esclusivamente professionale rispetto ai due concorrenti, permette al singolo utente di fruire nello stesso lasso di tempo di contenuto molto più “concentrato”. Niente foto delle vacanze o divagazioni sui programmi tv. Ogni secondo speso su LinkedIn è potenzialmente rivolto a diventare cliente di qualcun’altro.

Se è quindi vero che nei numeri grezzi LinkedIn non si posiziona certo in vetta (qui l’articolo originale di Shareaholic), è anche vero che l’utenza che lo percorre si dimostra estremamente più propensa delle rispettive controparti a masticare contenuti aziendali, esplicitamente promozionali e (perché no?) autoreferenziali.

Hai già considerato LinkedIn come piattaforma di promozione attiva?

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

5 Commenti

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. Emilio ha detto:

    Articolo veramente rivelatore, non me l’aspettavo! L’unica cosa è che bisogna trovare il giusto modo di porsi su Linkedin. Voglio dire, se una persona adotta un profilo informale per fare personal branding, come porsi su un social network “ingessato” come Linkedin? Mantenere il profilo informale o adeguarsi e cercare di porsi in modo un po’ più aziendale?

    P. S. Non c’entra nulla, ma ti posso chiedere come è realizzato il tuo social box a fondo articolo? Plug-in o php?

    Rispondi
  2. aldopinga ha detto:

    hubspot conserva un ancora un posto di riguardo per trovare informazioni e risorse, sono contento ad non essere l’unico a pensarla ancora così

    Rispondi
  3. bellimbusto ha detto:

    Personalmente il tutto mi ha meravigliato.
    Sinceramente era un risultato che non mi aspettavo assolutamente e, probabilmente per mia ignoranza, vedevo i social come Facebook e Twitter, più utili dal punto di vista del risultato finale.

    A mio avviso anche per Pinterest il risultato è ottimo dal momento che nel sito non sono presenti “Mi piace”, “G+”, condivisione nei Social Network.

    Rispondi
  4. Mi stupisce, ma fino ad un certo punto.

    Il traffico di LinkedIn è tutto traffico “buono”, ovvero, di persone che utilizzano uno strumento proffessionale come tale.

    Chi arriva su Linkedin e va su pagine pubblicitarie, lo fà perchè sta cercando realmente qualcosa e non perchè ci è arrivato per caso come su Facebook o su altri Social più sbarazzini

    Rispondi
  5. Marco Mocca ha detto:

    Francamente penso che dipenda dal tipo di figura professionale che si sta parlando.
    Per quanto mi riguarda ritengo che Dribbble offra possibilità più concrete rispetto a quanto possa fare il polveroso/grigio/tedioso LinkedIn.

    Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!