Perché a Volte Dovresti Chiudere i Commenti ai Tuoi Post (e Perché Piacerà ai Tuoi Lettori)

scritto da Francesco Gavello [+] il 20 maggio 2009 | 8 Commenti in: Blogging Tips

comments1

Quando si afferma che il blog è interazione ci si riferisce naturalmente al fatto che di blog non si può parlare se non esiste un modo per chi legge di esprimere le proprie considerazioni riguardo a ciò che sta leggendo.

Partendo da questa breve ma fondamentale premessa, devo dire che sono sempre più convinto (anche dopo aver dato un paio di sguardi in giro) che le stesse premesse che rendono valida l’affermazione di cui sopra possano anche portare ad un risultato diverso.

Ovvero, che i tuoi lettori saranno più felici se chiuderai i commenti a particolari tipi di post.

Eresia?

Non poi tanto. Sicuramente non vuole essere una sorta di chiusura nei confronti di chi ci dona il suo tempo. E nemmeno un modo per evitare il dialogo, che semmai prende piede in altri spazi.

  • Segnalazioni di guest post. Per quanto possa indicare ai miei lettori di recarsi sulle pagine dove il mio guest post è stato pubblicato, forse mantenere aperti i commenti a quella che di fatto è una pura e semplice segnalazione a mo’ di cartello stradale può risultare scortese nei confronti del blogger ospitante.
  • Segnalazioni di interviste. Allo stesso modo se qualcuno ti propone un’intervista, ricevere poi critiche e complimenti sul tuo minuscolo articolo lasciando deserta quella che è in realtà la pagina più importante (quella dell’intervista) può risultare deleterio sia per te che per l’intervistatore. Chiudere i commenti e spostare la discussione a chi ti ha offerto il suo spazio sarà probabilmente più gradito.
  • Pagine del portfolio. Hai degli ottimi lavori da mostrare ai tuoi lettori. Vuoi che essi siano indicizzati a puntino e facilmente reperibili dai motori di ricerca. Credo che allora sia più consono ad un’impostazione del genere chiudere i commenti sulla pagina del progetto stesso per poi espandere la discussione circa i punti più interessanti dei tuoi lavori in un vero e proprio articolo a parte.
  • Progetti personali. Anziché dedicare un semplice post ad un progetto per il quale hai speso molto del tuo tempo libero, perché non trasformarlo in una pagina statica (senza commenti) e rimandare ad esso da una serie di articoli ai quali sia possibile interagire? Ne guadagnerai in velocità di caricamento per la pagina che per te davvero conta e riuscirai a proporre i tuoi progetti in maniera molto più libera.
  • Post datati. Una domanda diretta: dovresti chiudere i commenti ai post troppo distanti nel tempo? E se sì, quali? Non sono mai stato un grande fan della chiusura automatica ai commenti o di espedienti manuali (sebbene per alcuni potrebbero rappresentare una validissima opzione). Forse potresti trovare più facilmente gestibile un blog oramai adulto evitando di disperdere commenti (o spam) a discussioni che non intendi (o non più hai tempo di) sostenere. Inoltre, i post più datati hanno spesso dipinto su di essi un mirino per gli spammer incalliti.

Quindi, ti stai chiedendo cosa dovresti fare?

Beh, così su due piedi, dovresti solo ricordarti che la questione esiste ed è forse molto più sentita di quello che credi.

Capire dove (e come) veicolare le discussioni dei tuoi lettori è importante. E non sempre queste devono avvenire sulle tue pagine o essere in un qualche modo vincolate al singolo articolo. In molti casi, soprattutto quando stai indicando ai tuoi lettori una tua presenza altrove, è forse buona abitudine cercare per quanto possibile di farsi da parte e chiudere i commenti, privilegiando altri spazi.

Che ne pensi? In quali occasioni hai ritenuto opportuno sigillare i tuoi post e piazzare un bel link all’effettivo proseguimento della discussione?

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

8 Commenti

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. Matteo_M ha detto:

    Finora non li ho mai chiusi, sono sempre stato dell’idea che una discussione può partire in qualsiasi momento.
    Concordo però con te che alcuni post non possono più offrire, o non hanno mai offerto spunti, quindi magari sarebbe il caso di chiuderli :D

    Rispondi
  2. $ax ha detto:

    Molto interessante questo post, a dire il vero una volta ho pensato di chiudere i commenti specialmente nelle pagine “statiche”.
    Credo che sia molto a tua “descrizione” il fatto di chiudere o meno i commenti, anche se io trovo che lasciare la possibilità di commentare in un blog è fondamentale.

    Rispondi
  3. Stefan Des ha detto:

    Ciao Fra,

    io ho sempre tenuto i commenti chiusi nelle pagine del blog,come hai detto tu,ma non credo che chiudere i commenti degli articoli datati sia una cosa positiva.
    Poi rigurda sempre il tipo dell’articolo.Se un articolo può tirare fuori delle domande e o degli approfondimenti,sarebbe controindicativo chiuderli,non è detto che le persone commentano solo articoli “freschi”.

    Rispondi
  4. SeoGuru ha detto:

    Hai ragione al 1000 per cento. Ma io sono un amante incredibile degli off topic….. quindi ogni scusa (post) è buona. Non così sulle pagine statiche etc etc.

    Sono pagine di servizio, magari, dove la discussione farebbe solo ‘rumore’.

    Rispondi
  5. EmA ha detto:

    ..era una vita che leggevo solo i feed senza passare di qua, ma oggi il post mi è proprio piaciuto: NON avevo mai pensato alla complessita’ di gestire la chiusura dei commenti… ma E’ PROPRIO VERO!
    ora come ora non ho un’idea molto precisa a riguardo, ma questo post se non altro mi ha dato uno spunto per riflettere.
    eTHANKS

    Rispondi
  6. Carlo ha detto:

    Ciao Francesco,
    devo ammettere che chiudere i commenti di un vecchio post per un blogger, è una tra le operazioni più difficili da fare… molte volte ho provato a farlo, soprattutto con quelli presi di mira dagli spammer, ma sinceramente non ho ancora trovato il coraggio…

    Per gli altri punti, sono d’accordo con te!

    Bye

    Rispondi
  7. [...] Perché a volte dovresti chiudere i commenti ai tuoi post (e perché piacerà ai tuoi lettori) I tuoi lettori saranno più felici se chiuderai i commenti a particolari tipi di post. Vediamo perchè. [...]

    Rispondi
  8. Beh, Francesco, io preferisco lasciarli aperti sempre, salvo rare eccezioni, per stimolare la discussione anche col passar del tempo. Diversamente cuando trattasi di una comunicazione interna o progetto mirato, allora concordo con te, per non disperdere forze ed energie verso argomentazioni collaterali fuori dal nostro obiettivo prefissato. E poi può sempre portare visite alle pagine interne, qualora, durante una discussione sui commenti, serve la nostra presenza per segnalare ulteriori fonti all’interno del nostro Sito o Blog.

    Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!