Se potessi reiniziare da zero, cosa cambieresti?

Di campanelle, rinnovamenti e fine delle vacanze

iStock.com/Floortje

Una delle discussioni che durante il mese di agosto ho avuto modo di approfondire con un paio di persone a cui tengo molto (incidentalmente, legate anch’esse al blogging come veicolo per il loro lavoro) è stata la mai troppo abusata “Se tornassi indietro nel tempo, ricominciando completamente da zero, cosa cambieresti?”

Perché si sa, settembre più che gennaio rappresenta per molti l’inizio di qualcosa di nuovo. Memori di numerosi anni scolastici passati a attendere la nuova prima campanella, ecco che quasi affrontiamo questi giorni con il rinnovamento ben stampato in mente. Il rinnovamento il dover fare i conti con un sé stesso che ci guarda dal di fuori (magari dal ricordo di una vacanza) e ci giudica impietosamente in ciò che siamo e ciò che facciamo.

Ma dicevamo, se potessi tornare indietro nel tempo, in quel giorno in cui hai sentito per la prima volta la parola “blog”.
In quei giorni in cui cercavi di orientarti tra tutte le diverse voci che raccontavano il loro modo di bloggare.

Qualcosa di diverso?

C’è stato qualche grande errore che ti ha impedito di raggiungere i tuoi obiettivi (o magari li ha solo rimandati)? Qualcosa che magari ti ha fatto rimpiangere di non averci pensato prima?

Con il senno di poi, ti getteresti nuovamente in un’avventura di questo tipo con lo stesso entusiasmo iniziale o ti concentreresti su qualche aspetto (trascurato magari al tempo) non così evidente ma altrettanto importante?

P.S. E con l’appuntamento di oggi riapre a tutti gli effetti anche il Welcome Weekend, luogo in cui finiscono tutte le domande più interessanti ricevute durante la settimana tra i commenti o direttamente nella mia inbox. Buon sabato! 😀

Francesco Gavello

Francesco Gavello

Consulente, formatore e public speaker in Advertising e Web Analytics. Sviluppo strategie di Inbound Marketing per progetti web di grandi dimensioni. Appassionato da sempre di illusionismo, un’arte che ha molto da spartire con il marketing.

13 commenti

  1. Bella domanda. Probabilmente, con il senno del poi, utilizzerei immediatamente un template meno cronologico e più concentrato sulla presentazione dei contenuti.
    Può sembrare un aspetto secondario, ma mi sono accorto che ha influito moltissimo sulla visibilità dei contenuti.

    Per il resto, ho proprio l’impressione che rifarei tutto da capo!

    Luca

  2. Nel mio caso cambierei, credo, solo il template del sito. Prenderei un template con colori Bianco e Blu.
    Ho l’impressione che riuscirei a dare piu’ risalto alle immagini e migliorerei di parecchio il look and feel del portale.

    Solo che è un lavoraccio cambiarlo, ci vorrebbe qualche metodo veloce per far tutto in 2-3 ore di lavoro….

  3. Bellissimo post, grazie Francesco di darmi l’opportunità di condividere i pensieri su questo tema. La prima azione che non rifarei è partire con un hosting di base. Dovevo prevedere che i miei contenuti avrebbero fatto collassare il Blog oscurandolo. Il famoso investimento iniziale va fatto proprio in previsione del traffico. Si..il traffico arriva, meglio affidarsi ad un server dedicato, più che a un template premium o a consulenze SEO che cambia come le stagioni!
    Secondo errore: snobbare i social network facebook e twitter. Le persone collegate a internet sono tutte lì!
    Forse se iniziassi oggi e volessi tagliare le spese alla radice, lavorerei solo con le pagine in facebook e mi impegnerei nella produzione di eBook da pubblicizzare attraverso twitter.
    Trovare collaboratori seri è il vero problema! I giovani preferiscono fare i camerieri nel fine settimana e giocare a farmville invece di investire tempo ed energia nelle opportunità del web, quando cambierà questa situazione?

    1. Mentre leggevo il tuo commento pensavo che forse servirebbe una board, una volta per tutte, per allacciare relazioni tra collaboratori per blog & community.

      Ma poi, ripensandoci, saremo davvero pronti? O saremmo sempre “i soliti nomi noti” e pochi outsider desiderosi di crescere?

      1. Qualcuno di noi è cresciuto da un pezzo e non ha il tempo far crescere anche gli altri! 🙂
        Ti ringrazio di avermi risposto, non ci speravo!
        Volevo indicarti un post molto interessante sul tema delle startup, forse lo hai già letto, si intitola Lettera aperta agli imprenditori italiani ed è un guest post di Massimo Ciociola per il tagliablog
        Si parla di problemi a spiccare il volo, partire o restare.
        Ciao, buon lavoro

      2. Alla fine sono riuscito a leggere l’articolo che mi indicavi 😛

        Avevo seguito la prima parte della discussione, circa il “prendere un aereo e volare a San Francisco”. Mi mancava questa risposta che, come dire, sento invece molto più mia 🙂

        Sarà perché personalmente io, in questa Italia, ci sto investendo. Con tutto ciò che comporta l’aprire oggi una partita IVA e ritagliarsi la propria fetta di clienti (leggi fiducia) senza spinte esterne di alcun tipo.

        Insomma, io sono per il restare. 🙂

  4. Se potessi tornare indietro cambierei un pò di cose.

    Prima cosa la scelta del dominio, poichè come sappiamo blog che trattano informatica in generale sono tantissimi quindi il posizionamento risulta molto difficile, meglio concentrarsi su un argomento, e scegliere il dominio in base ad esso.

    Bè, vorrei tornare indietro prorpio in quel punto, peccato che non si può! XD

    1. Potresti trasformare il tuo dominio attuale in una landing page, aprire un altro dominio col nome nuovo che hai ora a mente, copia del Db, Copia di WP….ed è fatto? No?

      1. L’articolo diceva se potessi andare indietro cosa cambierei, bè cambierei proprio quello. Ovvio che c’è sempre il remedio, cioè aprire un altro dominio 😉

        Io parlavo del mio blog ( se potessi tornare indietro cambierei un bel pò di cose 🙂 ), non di aprirne un altro e copiare tutto!

    2. A volte ottenuto un discreto successo sull’idea iniziale è possibile “restringere il campo” sviluppando un progetto parallelo che seleziona una nicchia precisa e trasferisce parte della credibilità (e dell’utenza) guadagnata duramente nei primi tempi. Forse non è il tuo caso specifico ma nelle giuste condizioni anche questo è un ambito stimolante 😛

  5. “Se Potessi Reiniziare da Zero, Cosa Cambieresti?” … credo siano in pochi a poter rispondere “nulla” ma soprattutto credo che in molti direbbero “tutto”. Io, personalmente, direi TROPPO