Analizzare in autonomia le proprie statistiche di accesso

Analizzare in autonomia le proprie statistiche di accesso
flickr.com/photos/loty

Sono in molti a considerare i log prodotti da un server come una lista interminabile di informazioni complicate, difficili da leggere e tutto fuorchè stimolanti.

Diciamocelo, in confronto a soluzioni web based, questi piccoli (ma fondamentali) file di testo ne risultanto solitamente ammaccati. Hanno contro di loro sistemi storici come Shinystat fino al più recente Google Analytics, attraversando tutta una serie di cloni più o meno simili che hanno in comune due punti di forza: sono gratuiti e offrono un buon livello di dettaglio sul traffico generato dal nostro lavoro senza farci muovere un dito.

Se però stiamo gestendo un server (reale o virtuale che sia) e abbiamo la possibilità di accedre ai log prodotti in automatico dalla macchina, potrebbe esistere una interessante alternativa: utilizzare un Log Analyzer.

Un sistema di analisi automatica dei log altro non è che un programma in grado di generare, in locale, report dettagliati sulla base delle informazioni (log) archiviate dal nostro server, garantendoci in moltissimi casi una precisione e una frequenza di aggiornamento maggiore rispetto alle soluzioni classiche sopra elencate.

È il vostro caso ?
Vi sentite sufficientemente intraprendenti per gettarvi in questo caotico mare di informazioni per mettere ordine ?

Ecco a voi un paio di link da cui partire:

  • Sawmill
    probabilmente uno dei migliori e professionali prodotti su piazza, la versione lite viene venduta a 99€ e non vi farà mai rimpiangere l’acquisto
  • AWStats
    free, multipiattaforma, rilasciato sotto licenza GNU GPL
  • Webalizer
    anch’esso free, multipiattaforma e rilasciato sotto licenza GNU GPL
Francesco Gavello

Francesco Gavello

Consulente, formatore e public speaker in Advertising e Web Analytics. Sviluppo strategie di Inbound Marketing per progetti web di grandi dimensioni. Appassionato da sempre di illusionismo, un’arte che ha molto da spartire con il marketing.

5 commenti

  1. Post davvero interessante, il tuo 😀
    Mi sono permesso di andare a cercare il link corretto all’articolo che citavi sul tuo blog e di collegarlo al commento.

    E’ bello sapere che si sono moltissime risorse come la tua, in italiano e molto complete!