Non riguarda i dati, ma le azioni

Ti rivelerò un segreto

scritto da Francesco Gavello [+] il 26 luglio 2017 | Un Commento in: Ispirazioni

Web Analytics e azioni di marketing

Così, hai appena concluso la tua campagna ADV e ti stai preparando a raccoglierne tutti i dati in un ultimo, completo report. Tabelle e grafici si materializzano di fronte a te dall’infinito multiverso di possibilità. Diventando, sostanzialmente, un sacco di slide piene di parole e numeri.

Ora.
Ti rivelerò un segreto.

Al tuo cliente non importa davvero davvero dei report che stai componendo.

È la verità.

Ciò che importa al tuo cliente è cosa significano tutti quei numeri per il suo business nel breve, medio e lungo periodo. Non è banale. Chi riceve quaranta pagine di grafici vuole, semplicemente, risposte a domande molto concrete.

Qualcosa del tipo:

  • Cosa significa per il mio brand il fatto che i costi dell’attività siano stati più alti di quelli ipotizzati? Cosa significa il fatto che siano stati più bassi?
  • Cosa ha significato per il mio brand il fatto di aver portato il 30% di traffico in più sulla mia landing? Cosa cambierà questo aspetto in futuro?
  • E così via.

Spesso, è molto più rassicurante concentrarsi sul passato, presentando una storia, un contesto che si è già concluso rispetto al considerare tutto ciò come il punto di partenza per attività future.

Questo è, in un certo senso, fisiologico in determinati contesti.

Talvolta chi produce report non è colui che ha un diretto contatto con chi dovrebbe introdurre queste informazioni in un nuovo ciclo di attività. O, per diversi motivi, si perde l’energia di un dato trascurandolo troppo a lungo. Altre volte, lato cliente, ci si trova di fronte a un cambio di agenzia che spezza quell’anello che dovrebbe congiungere chi ha analizzato l’attività nei mesi passati e chi la riprenderà per il futuro. Altre volte è il cliente stesso che non coglie – da cliente, giustamente – le opportunità che l’attività appena conclusa apre nell’immediato futuro. Non ricevendo i giusti stimoli.

Diventare efficaci, davvero efficaci, come web analyst significa dotare i propri report di una storia, di un contesto, in grado di descrivere azioni concrete da mettere in pratica in futuro. Rispondere a domande concrete che guardino più in là del singolo numero, diventando strumenti di business sempre più perfezionati. Trovando il giusto equilibrio tra lo scendere sempre più in profondità nei dati e rimanere focalizzati su ciò che il cliente sente ogni giorno come il proprio obiettivo di business.

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Un Commento

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. Sermatica ha detto:

    Grazie, anche se breve è un articolo interessante.
    Quindi i dati li teniamo per noi e al cliente gli mandiamo il significato di tali dati.

    Rispondi
Cancella risposta

Rispondi a Sermatica

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!