Hey, Che Fine Ha Fatto Vine?

Ciak. Motore. Eccetera eccetera.

scritto da Francesco Gavello [+] il 28 marzo 2013 | 4 Commenti in: Social Media

Quanti utenti usano Vine su Twitter?

Se avessi vissuto sotto a un sasso negli ultimi mesi, il succo è che sul finire di gennaio di quest’anno Twitter ha presentato al mondo Vine, un servizio – da cui l’omonima app – in grado di appendere brevissimi filmati da 6 secondi sui nostri tweet.

A inizio marzo RJMetrics ha quindi pubblicato un interessante report proprio sull’utilizzo di quest’ultimo. Report basato su 2.500 utenti scelti a caso tra i più attivi (almeno 100 tweet) e 2.3 milioni di tweet compresi tra il 24 gennaio e il 24 febbraio.

È interessante notare come pur essendo in rapidissima crescita (Vine è ora praticamente leader di settore), solo il 4% di questi utenti campionati ha in assoluto condiviso un video attraverso la nuova app o uno dei tanti servizi concorrenti. Solo il 4%.

Sempre nello stesso report si evidenzia come oggi i tool per lo sharing di immagini e video nativi di Twitter, pic.twitter.com e Vine appunto, rappresentino praticamente lo standard rispetto a soluzioni di terze parti.

Azione!

Ora.
Domanda.

Tu, Vine, l’hai mai usato?

Intendo usato veramente.
Per comunicare qualcosa che con una semplice immagine non avresti avuto modo di dire.

Solo io non vedo, nell’immediato, tutta questa utilità?

Sarà l’inclinazione a riportare sempre tutto sul piano consulente-brand-clienti, ma credo che prima di arrivare a sfruttare davvero un micro-video di 6 secondi ci siano parecchi passi intermedi da fare. Vuoi perché scattare un’immagine e corredarla di testo è ancora più immediato. Molto più immediato. Vuoi perché un video, così come un audio, è naturalmente legato alla temporalità (leggi: devi sorbirtelo tutto per fruire appieno dell’informazione) mentre un’immagine, beh, no.

Se a questo aggiungiamo che moltissimi client non valorizzano ancora praticamente nulla in un tweet che non sia un @username o un link ecco fatto. Scoprire Vine, ricordarsi di esso, è difficile. Troppo difficile. E forse, ma è una sensazione che potrebbe cambiare in futuro non fa poi, oggi, una così grande differenza nel risultato.

Puoi sfogliare questi e altri dati sul report di RJMetrics.

Hai mai usato Vine?
Dici che mi sto perdendo qualcosa? :)

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

4 Commenti

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. Enrico Giammarco ha detto:

    Mai usato, e credo che la sua vera applicazione sia legata alle campagne social virali…quindi agenzie o giù di lì…

    Rispondi
  2. Pupixel ha detto:

    Mai usato, mai sentito nominare prima d’ora, e immagino che il web possa continuare a vivere tranquillamente senza questa applicazione.. cioè, immagino che non sia una di quelle cose che faccia la differenza ;)

    Rispondi
  3. ilenia ha detto:

    Grazie della tua opinione, pensavo di essere troppo “vintage”….invece anche tu preferisci le immagini ai video! Ho la tua stessa opinione, niente potrà essere mai più immediato di un’immagine! Io non sono un grande amante di TW quindi sono poco obbiettiva…

    Rispondi
  4. [...] delle masse. Altra cosa che mi chiedo, se non ci fosse stato Twitter a spingerlo ? Ed in questo post anche Francesco Gavello (@gavello ) si chiede che fine abbia fatto Vine, con dati molto [...]

    Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!