Facebook, Storytelling e Annunci Pubblicitari: Ecco Perché non Dovresti Sottovalutare il Potere di una Storia

Un passo alla volta

scritto da Francesco Gavello [+] il 24 luglio 2014 | Lascia un commento in: Social Media

Quanto è efficace fare storytelling con Facebook Ads?

Cosa succede se, su Facebook, diamo in pasto agli utenti due tipi di messaggi pubblicitari, uno con le classiche call to action ripetute e rinforzate e l’altro che integra uno storytelling  più morbido e progressivo?

Si può sviluppare un vero e proprio imbuto di vendita quando siamo ancora sul social?

Ha senso?
Funziona?

Raccontami una Storia

Se l’è chiesto Adaptly, in uno studio divenuto pubblico una manciata di giorni fa e basato su un target di circa 2 milioni di utenti. La campagna, sviluppata per Refinery29 -nicchia della moda- era così divisa:

  • a un gruppo venivano mostrati tre annunci slegati tra loro
  • a un secondo gruppo venivano mostrati tre annunci legati da una storia

…più un terzo gruppo di controllo per confrontare i risultati (gruppo che non vedeva alcun annuncio).

Il percorso era tutto sommato semplice. Quattro giorni di permanenza per ciascuna creatività. Dodici giorni totali e una storia da raccontare. Inizialmente generando la più classica dell’awareness sul prodotto, poi scendendo a informare l’utente delle caratteristiche peculiari. Solo alla fine, negli ultimi quattro giorni, andando a presentare la vera call to action e stimolare un’iscrizione.

Com’è andata?
Mica male.

Adaptly ha rilevato un incremento delle visualizzazioni della landing dell’87% e delle conversioni del 56% rispetto al semplice set di tre annunci slegati tra loro. Ancora più interessante, l’interazione è stata decisamente più alta sugli utenti che certamente avevano visto tutti e tre gli annunci, rispetto a chi della storia aveva seguito solo una o due parti.

Insomma, raccontare una storia, anche quando lo si fa con un mezzo più freddo come Facebook Ads ha perfettamente senso. Non solo lo storytelling continua a essere una potente arma per qualunque brand cerchi di costruire un’Esperienza (con la “E” maiuscola) per i propri utenti, ma si dimostra efficace per portare l’utente un passettino alla volta più all’interno del brand.

Sono gli utenti che stanno diventando più schizzinosi? È solo l’effetto novità? Si tratta solo di quello spaesamento dovuto al fatto di non aver ricevuto la call to action prevista sin da subito, così facile da ignorare a cuor leggero? Oppure è Facebook che affila le armi per crescere come paid media, diverso e complementare, rispetto a un Google AdWords o un LinkedIn Ads scelto a caso?

Trovi il report completo scaricabile dal sito di Adaptly.Conosci altri brand che agiscono in questo modo?

immagine: adaptlytalks.com

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Puoi essere il primo a commentare!

Lo sapevi che tutti i link sono NoFollow free ?

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!