4 Tool (che io stesso uso ogni giorno) Per Monitorare le Mie Fonti

I miei quattro assi nella manica

scritto da Francesco Gavello [+] il 13 aprile 2011 | 6 Commenti in: Featured | Tool e Risorse

Il tempo è quanto di più prezioso abbiamo.
Tutti, indipendentemente dal lavoro che facciamo o di come, volenti o nolenti, decidiamo di impiegarlo.

Perché sprecarlo nel cercare di strappare alla rete i contenuti di cui hai bisogno? Quanto tempo credi serva davvero per poter rimanere aggiornato sui contenuti che desideri, iniziando oggi stesso?

Beh, ti posso raccontare ciò che funziona per me.

Riuscire a reperire le informazioni che ti servono in rete può fare -e in effetti fa- la differenza quando si tratta di arrivare primi e meglio scafati su una notizia. Fa la differenza anche solo quando si tratta di sostenere la pubblicazione di un blog rivolto a una specifica nicchia. Se non sai di cosa scrivere significa una sola cosa: probabilmente non hai cercato (e letto) abbastanza. :)

Se poi spendi buona parte del tuo tempo cercando di arrivare alla migliore fonte, se passi più tempo tra le query in Google che a scrivere effettivamente contenuti (che è la cosa che probabilmente sai fare meglio e che ti porta concreti risultati) allora dovresti rivedere le tue priorità.

Perché iniziare a monitorare attivamente le tue fonti?

  • per scoprire chi parla di te, del tuo sito o di un tuo progetto
  • per agire tempestivamente in caso di criticità
  • per scoprire opportunità di crescita e partnership
  • per identificare più in fretta influencer e sneezer

Google da solo non basta?

Sembra quasi strano a scriverlo, ma esiste ancora una larghissima quantità di persone che per monitorare le proprie fonti di informazione online usano pattern assolutamente inefficaci. Semplici bookmark, qualche query su Google e tanto passaparola su Facebook. In quest’ottica, ritrovare una buona fonte già letta o anche solo essere aggiornati dei relativi nuovi contenuti sembra piuttosto snervante.

E che dire quando invece vogliamo monitorare un nome (il nostro, magari) un brand o una discussione che si è già sparsa su più fronti? E quando la discussione finisce al di là dei portali che già conosciamo? Come seguirla? Da dove iniziare a risalire il filo per arrivare a ciò che ci serve davvero?

A questo servono gli strumenti che ti presento poco sotto. Quattro strumenti completamente gratuiti (beh, alcuni possiedono versioni a pagamento piuttosto impegnative) con cui io stesso, quotidianamente, gestisco una discreta mole di informazioni. La cosa bella è che in effetti io mi limito a fruire dell’informazione che questi recuperano, delegando al relativo servizio tutta la parte noiosa subito dopo averlo tarato sulle mie esigenze.

Iniziamo? ;)

1. Google Alert

Già. Non smetterò mai di sottolineare l’importanza di questo sottovalutato tool di Google. Alert è uno strumento estremamente efficace se ben confezionato per restituire risultati di precise ricerche direttamente nella nostra casella di posta. Puoi tracciare menzioni relative al tuo nome o al tuo sito, seguire l’evoluzione di una discussione o analizzare le menzioni di brand concorrenti. Il tutto seguendo la logica delle query avanzate e composte su Google, che probabilmente già usi in parte. Un piccolo gioiello.

2. Hootsuite & Tweetdeck

Insieme a Google Alert, un’altro strumento rapido e indolore per tenere traccia di precise discussioni in rete è rappresento dalla mia coppia di social media dashboard preferite. Rispettivamente, sempre per mie precise preferenze, TweetDeck su desktop e mobile e HootSuite da iPad, questi popolari client (ma non solo) per Twitter permettono con un minimo di setup avanzato di ottenere dati pressoché in tempo reale.

È molto più efficace entrare nel merito di una discussione su Twitter o Facebook a poca distanza dalla sua nascita piuttosto che attendere un report il giorno successivo. O no?

3. Topsy

Ah, Topsy. Topsy è semplicemente il motore di ricerca più efficace per Twitter che io conosca. L’idea di fondo è quella di fornire un servizio in grado di permettere all’utente di monitorare le discussioni e seguirne le file, più che contare le “semplici” occorrenze di un termine. Topsy è anche in grado di andare ben oltre la decina o poco più di giorni disponibili nella ricerca standard di Twitter, permettendoci quindi di andare a pescare a mani basse in un database di tweet di tutto rispetto. Ed è gratis.

4. PostRank

PostRank è un progetto di cui ho seguito l’evoluzione molto da vicino negli ultimi tempi. Nato quasi in sordina come “altra nuova metrica” per determinare la rilevanza di post e articoli sui blog, si è espanso senza sosta sino a comprendere diversi “Intelligence Products” di tutto rispetto, in grado di scandagliare la rete agli ordini di chi con la rete ci lavora. Per tutti gli altri, i relativi PostRank Labs offrono diverse integrazioni con tool di lettura piuttosto popolari. L’estensione per Chrome (o Safari) ti permette di avere a portata di mano buona parte di queste metriche direttamente in Google Reader, potendo filtrare gli articoli più letti e discussi senza colpo ferire.

La visione globale

L’idea, dal mio punto di vista, è quella di inseguire la visione globale su un determinato argomento o nicchia. Che è già di per sè un concetto utopico, vista la mole di contenuti che ci si può trovare a monitorare e il tempo (eccolo di nuovo) che tutto sommato dobbiamo imporci di limitare nel processo di filtraggio.

I tool che ti ho presentato lavorano in questo senso. Ti permettono di delegare (Google Alert), seguire discussioni (Topsy), filtrare per parole chiave, hashtag o precisi utenti (HootSuite & simili) e sveltire il processo di lettura di più fonti attraverso i cari vecchi feed RSS (PostRank).

Non raggiungeremo una vera e propria visione globale, ma almeno lavoriamo in questo senso. :)

C’è un tool a cui sei particolarmente affezionato?

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

6 Commenti

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. video slot machine ha detto:

    dire utile è dire poco…davvero ottimi suggerimenti e xme buone delucidazioni ;)

    Rispondi
  2. ENRSIGN ha detto:

    Complimenti Francesco, un post davvero illuminante .. per me che tratto il tema specifico dei musei, a livello locale ma non solo, i tuoi consigli sono preziosi! Ti terrò informato sui risultati dei miei prossimi esperimenti ^_^

    Rispondi
  3. MammaNinja ha detto:

    Rieccomi dopo una lunga assenza!
    Dunque mi piace molto questo post perché tocca dei bisogni che avverto ma che ancora non riesco a sopperire per mancanza di tempo e di pertinenza con quanto faccio quotidianamente.
    Alcuni dei tool che menzioni come Hootsuite & Tweetdeck li conosco ma non li uso ancora approfonditamente.
    Altri tipo Topsy e Postrank non li ho mai usati e mi incuriosiscono percui vedrò di trovare il tempo per scoprirli :)

    Quello di cui sento veramente il bisogno è proprio quello che dici qui:

    sveltire il processo di lettura di più fonti attraverso i cari vecchi feed RSS (PostRank).

    La mia difficoltà maggiore attualmente è selezionare e riuscire a leggere cose che davvero mi possono interessare eliminando qualsiasi altra informazione che sia solo “fonte di disturbo” nella lettura quotidiana.

    Altro post preziosissimo da conservare tra i preferiti!!!!

    Rispondi
  4. Marco Famà ha detto:

    grandissimo! davvero un bel post.
    Conosco e utilizzo Google Alerts già da un sacco di tempo, ma ignoravo del tutto l’esistenza di PostRank! Cool.. proprio utile!

    grazie

    Marco Famà’s photography

    Rispondi
  5. Non conoscevo prima il tuo sito e ad oggi (siamo al primo giorno) ho trovato vari articoli veramente interessanti.
    Non conoscevo PostRank sinceramente ma è veramente utile.

    Grazie mille e sono convinto che dedicherò un bel po di tempo per le altre sezioni e articoli del tuo sito.

    Trovare una persona che condivide i “trucchi del mestiere” non è facile… grazie nuovamente

    Rispondi
  6. Mazinga ha detto:

    Buonasera!
    vi scrivo perchè sono totalmente digiuno in materia
    e vi chiedo in pratica se è possibile capire o cominciare a capire a cosa può servire per un artigiano che ha un sito usare alcuni di questi strumenti

    sarebbe possibile fare un esempio?

    grazie

    Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!