Hey, Ci Sono Anch’Io! Come Segnalare il Tuo Blog ai Motori di Ricerca

pubblicato da Francesco Gavello [+] il 12 febbraio 2010 | 42 Commenti in: Search Engine Optimization

lab

Quello che stai per leggere è un guest post di Gianluca Crema. Gianluca ha voluto condividere con noi una panoramica dei modi più basilari che un blogger ha a disposizione per far conoscere le proprie pagine ai motori di ricerca. Un’utile introduzione, dedicata soprattutto ai nuovi arrivati. ;)

Hai scritto un buon articolo e vuoi vederlo pubblicato su questo blog? Leggi le linee guida ufficiali e contattami!

Siamo abituati a veder comparire automaticamente le pagine dei nostri siti nei risultati dei motori di ricerca grazie al lavoro dei crawler (o spider) che scansionano in modo metodico il web consentendoci di esistere nei vasti database di Google e cugini.

Questo è sicuramente un modo passivo di approcciarsi alla questione; per essere più attivi, oltre che applicare attentamente le regole SEO, abbiamo la possibilità di fare una cosa semplicissima ma molto utile: segnalare noi stessi i nostri domini ai motori di ricerca.

Di certo non ti consentirà di comparire in pochi giorni tra i primi posti della SERP, ma sicuramente ti offrirà qualche possibilità in più e ti aiuterà a risolvere eventuali problemi.

Vediamo nel dettaglio cosa ci offrono quattro colossi della ricerca su web.

La mia scelta è caduta su questi quattro perché occupano la fetta più grande della ricerca sul web e hanno soprattutto una possibilità di segnalazione dei domini più dettagliata rispetto a motori di ricerca minori, nei quali basta segnalare il link e magari una breve descrizione per essere inseriti.

La sostanza è la stessa in tutti e quattro i casi: registriamo un account, associamo uno o più domini e confermiamo di esserne i webmaster (o comunque i responsabili del sito) caricando sullo spazio web del dominio un file (HTML, XML o TXT) con un contenuto di controllo univoco oppure, in alternativa, inserendo nel codice sorgente di una pagina un meta-tag (sempre univoco) fornito dal motore di ricerca.

1. Google e gli Strumenti per i Webmaster

Ovviamente Google è il motore di ricerca sul quale ci teniamo maggiormente a comparire essendo usato nel mondo nel 90% delle ricerche sul web e in Italia nel 96%. Dopo tutto, è anche quello che ci offre gli strumenti più interessanti e merita dunque più spazio e una spiegazione più dettagliata.

Possiamo semplicemente segnalare l’indirizzo internet di un sito ma è una procedura obsoleta che non ci interessa. Noi utilizzeremo invece i Google Webmaster Tools: una serie di strumenti per i webmaster che ci consentono di fare diverse cose interessanti. A questo servizio ovviamente si accede con l’account di Google: se ancora non ne abbiamo creato uno è davvero il momento giusto per farlo.

Una volta entrati basterà cliccare su “Aggiungi un sito…” e inserire il dominio che vogliamo aggiungere: si presenterà subito la procedura a cui mi riferivo prima parlando di verifica della proprietà del sito. Non mi dilungherò su questo aspetto in particolare, dato che è decisamente spiegato bene da Google.

1.1 Sitemap

Una delle prime operazioni che ti consiglio di fare è quella di associare una sitemap (per maggiori dettagli ti rimando a questo articolo) al tuo dominio.

La procedura è elementare: sul menu di sinistra clicchiamo su

  • “Configurazione Sito” >> “Sitemap” >> “Invia una Sitemap”

definiamo l’url e la inviamo. Sarà aggiunta una nuova sitemap nella tabella che avrai di fronte e subito sotto la voce “Stato” comparirà l’icona di un orologio (che sta a significare nient’altro che l’elaborazione in corso). Dopo qualche ora o al massimo qualche giorno la tua sitemap verrà analizzata, confermata nella sua correttezza formale e saranno infine indicizzati gli URL.

1.2 Accesso crawler

Google offre un utile strumento per generare il file robots.txt. Il file robots è quel file che da istruzioni ai crawler su come comportarsi, quali pagine visitare e (soprattutto) quali escludere.

Attraverso il menu

  • “Configurazione Sito” >> “Accesso Crawler” >> “Genera file robots.txt”

basterà aggiungere regole che consentono di visitare o bloccare a certi spider o a tutti pagine o intere sezioni del nostro sito.

Per esempio se vogliamo impedire che certe immagini compaiano nei risultati di ricerca di Google Immagini basterà inserire una nuova regola con azione: “Blocca” con user-agent: “Googlebot-Image” e specificare semplicemente l’indirizzo dell’immagine.

Una volta create tutte le regole che ci interessano, copiamo o scarichiamo il file generato e carichiamolo nella cartella principale (root) del nostro sito. Attraverso la pagina Analizza robots.txt vedremo poi se sta funzionando correttamente (ricorda, ci vuole sempre qualche ora affinché il tutto si aggiorni).

Nel caso sia troppo tardi e già siano presenti link che non volevamo nella serp di Google bisognerà fare una richiesta di rimozione con:

  • “Configurazione Sito” >> “Accesso Crawler” >> “Rimuovi URL” >> “Nuova richiesta di rimozione”

1.3 Altri Tools

Oltre a questi strumenti sono presenti anche dei tool diagnostici che potresti essere curioso di testare:

  • Prestazioni del sito. Per ora tra le funzioni sperimentali, ci offre statistiche sui tempi di caricamento delle pagine e suggerimenti su come ottimizzarle
  • Errori di scansione. Per scoprire errori come il 404 (pagina non trovata) e problemi di cui non ti eri accorto dandoti la possibilità di porre rimedio.
  • Query di ricerca. Informazioni sulle ricerche degli utenti di Google che hanno restituito anche pagine del tuo sito e non necessariamente sono state visitate
  • Parole chiave. Un riassunto delle più importanti parole chiave che Google associa al tuo dominio, se tra le prime non figurano i principali argomenti del tuo sito dovresti pensare a come porne rimedio (ma questo è un altro discorso)

nd Francesco: io aggiungerei anche la sezione “Suggerimenti HTML” (sotto “Diagnostica”). È un buon modo di scoprire tutte le incongruenze a livello di codice come meta-tag description e titoli duplicati soprattutto se si usano plugin SEO configurati per metà. È un lavoraccio, ma è sempre bene affrontare questioni di questo tipo quando esistono i giusti tool a disposizione. ;)

2. Yahoo Site Explorer

Il secondo motore di ricerca più utilizzato al mondo (perlomeno per la ricerca di pagine web) è Yahoo e naturalmente anch’esso ci offre la possibilità di segnalare i propri siti attraverso questa pagina.

Dopo la verifica della proprietà del sito, similmente a quanto fatto con Google, sarà possibile inviare i contenuti aggiungendo uno o più feed RSS. Anche Yahoo offre la possibilità di verificare tutti gli errori di scansione; se abbiamo già controllato con Google in teoria non dovremmo avere delle sorprese.

In particolare, attraverso la sezione

  • “Attività” >> “Cancella le URL”

sarà possibile rifinire la presenza in SERP eliminando tutti quei risultati di ricerca obsoleti che non corrispondono più a nessuna pagina sul tuo sito.

3. Bing Webmaster Center

Il nuovo motore di ricerca casa Microsoft ha ormai preso il posto del vecchio Windows Live e merita anche lui qualche minuto del nostro tempo che potrebbe portarci più in alto o almeno renderci presenti nella sua SERP per guadagnare qualche visita.

Da questa pagina potremo raggiungere gli strumenti che offre Bing. Dopo aver inserito il dominio e averne verificato (ancora una volta) la proprietà sarà possibile segnalare i nostri contenuti attraverso le sitemap, vedere quali link in ingresso e in uscita sono presenti e quali errori ha riscontrato lo spider.

Interessante anche la possibilità di valutare la performance di determinate keyword e di validare il proprio file robots.txt.

4. Alexa

Perché Alexa?

Seppure con i precedenti motori di ricerca abbiamo ormai coperto il 98% delle ricerche su internet credo che valga la pena segnalare i propri domini anche su Alexa: non tanto per comparire sulla sua SERP quanto per migliorare il tuo Alexa Rank.

Nonostante sia sicuramente un metro di valutazione molto discusso, questo valore viene utilizzato da numerosi servizi per calcolare la popolarità (e quindi l’importanza, anche sociale) di un sito. Per accedere alla pagina di segnalazione ovviamente bisogna registrarsi oppure fare il login -anche attraverso facebook- e come nei precedenti servizi verificare la proprietà del sito, questa volta tramite un file .txt.

Per ogni sito che segnaliamo a differenza dei precedenti servizi possiamo scrivere una breve descrizione ed esiste la possibilità di inserire delle recensioni e dare una valutazione in stelline anche da parte degli altri utenti. Questo motore di ricerca oltre stabilire un traffic rank globale assegna ad ogni dominio un traffic rank relativo alla nazione a cui è rivolto così da stilare una classifica dei siti più popolari di quella nazione.

Hai già segnalato il tuo blog ai principali motori di ricerca?
Stai sfruttando appieno tutti gli strumenti che questi ti offrono?

Ci sono altri motori che includeresti assolutamente in questa lista?

Questo articolo è stato scritto da: Gianluca Crema

Hey, Ci Sono Anch’Io! Come Segnalare il Tuo Blog ai Motori di Ricerca

Mi chiamo Gianluca Crema sono uno studente di Informatica presso l'Università degli Studi di Parma, nel tempo che mi rimane mi occupo di sviluppo siti in particolare applicazioni web 2.0.
Da poco tempo ho aperto un blog/portfolio sulle tematiche che più mi interessano dall'open source al web development.

Il blog | Twitter

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

42 Commenti

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. Matthew ha detto:

    Questo articolo è stato molto illuminante… Personalmente non avevo ancora provveduto a inserire il mio blog su Bing, per esempio!
    Grazie mille!

    Rispondi
  2. Emma ha detto:

    Ma QUANTE sono le cose da fare e che non ho fatto? Mi metto al lavoro…. E grazie!

    Rispondi
  3. claudiog23 ha detto:

    Ottimo articolo, ben scritto e molto utile! complimenti e grazie!!

    Rispondi
  4. Ivan ha detto:

    Ottimi consigli, grazie :-)

    Rispondi
  5. gianluca ha detto:

    Grazie a tutti, mi fa molto piacere che vi sia stato di aiuto….
    e un grazie particolare a Francesco che mi ha dato la possibilità di scrivere questo guest post.

    Rispondi
  6. Cinefilo incolto ha detto:

    Ho qualche problema con Bing.Inserito l’indirizzo del sito mi dice
    “The site address isn’t valid”

    Rispondi
  7. regole-seo ha detto:

    Bell’articolo gianluca.
    Tempo fa ho scritto un articolo su come creare una sitemap xml secondo lo standard 0.90 supportato da Google Yahoo e MSN.
    Li, ho anche spiegato come inviare sitemap a Bing, Yahoo!, MSN, Ask, Google, Windows Live e Moreover.
    Penso di fare cosa gradita segnalando l’articolo.

    Rispondi
  8. rikysigh ha detto:

    Grande Gianluca!
    Vado subito a provare alexa!

    Rispondi
  9. Simone ha detto:

    Fra l’altro consiglio a tutti di utilizzare Bing, che nei miei siti ha scavalcato Yahoo come visite che mi porta.

    Grazie a Gianluca dei consigli.

    Rispondi
  10. Sebastiano ha detto:

    Ottimi consigli, davvero, ho scoperto così che esistono gli strumenti per il webmaster! Per prima cosa ho creato la sitemap (tramite xml sitemap) però non ho capito come poterla caricare sul mio sito (il mio è un blog su blogger, quindi entro con un account Google). Nella sezione Sitemap mi chiede direttamente un url, non un file da caricare. Mi potete aiutare? Grazie.

    Rispondi
  11. Giovanni ha detto:

    Ciao ho visto la lista molto completa ma mi chiedevo se fosse possibile aggiungere la mia http://www.primadirectory.tk ovviamente gratuita,senza registrazione nè link reciproco. Grazie mille!!!

    Rispondi
  12. [...] che mi ha fatto da guida è questo, grazie [...]

    Rispondi
  13. Vittorio ha detto:

    Finalmente ho trovato come segnalarlo a Yahoo senza tanti giri! :)

    grazie

    http://www.progettocasarredo.it

    Rispondi
  14. complimenti, molto chiaro e dettagliato

    Rispondi
  15. Gianluca Punzi ha detto:

    Semplicemente grazie per le tue perle di saggezza…

    Grazie!

    Rispondi
  16. The Journal ha detto:

    Ciao! Avrei una domanda da porre: se si realizza un blog con Blogger/Blogspot (che appartiene a Google), è comunque utile, attraverso i Google Webmaster Tools (a cui si può accere automaticamente perché sempre di Google si tratta), inviare una Sitemap? oppure, trattandosi sempre di Google, è del tutto inutile?
    Grazie!
    The Journal

    Rispondi
    • Francesco Gavello ha detto:

      Ciao!

      Quale che sia il servizio utilizzato per gestire il blog, inviare una sitemap ai principali motori di ricerca è sempre cosa buona. Non dare per scontata una qualche preferenza di Google per i propri stessi servizi (che non è, per quanto ne so, attualmente dimostrabile e spero non lo sia mai).

      Rispondi
  17. Mistero delle Rune ha detto:

    Vi segnalo il nostro Blog – Mistero delle Rune – nato da poco .. deve ancora crescere .. :) ..
    Per chi fosse interessato al mondo delle Rune .. qui potrà trovare delle notizie interessanti .. :) ..
    http://misterodellerune.blogspot.com/
    Grazie :)

    Rispondi
  18. Blog Me In ha detto:

    sto seguendo queste operazioni e nonostante il mio sia un sito giovanissimo qualche risultato già arriva ma ciò che veramente non capisco è come siti che non si aggiornano da anni possano essere in prima pagina sui motori….

    La sfida continua :)
    http://www.blogmein.it

    Rispondi
  19. Laura ha detto:

    Ciao,
    sono arrivata a questo blog perchè voglio trovare un modo per rendere più visibile il mio, ma proprio non riesco a capire come fare. La sitemap per esempio, è semplice basta associare l’url…ma quale url? Prima bisogna crearla una sitemap (mi pare di aver capito), sono andata a vedere il link che hai indicato, ho scritto un file di testo con l’html che hai scritto e giace sul mio desktop..e non ho capito come devo fare. Puoi indirizzarmi verso una spiegazione elementare per rendere più visibile il mio blog? Ho cercato un pò su google webmaster ma ci sono cose che proprio mi sfuggono.
    Grazie

    Rispondi
  20. ferdg ha detto:

    Bel post e scritto bene, ma tutto ciò che dici è applicabile anche ai normali siti…grazie

    Rispondi
  21. Gli strumenti segnalati vanno tutti bene, per altro Google è sempre più veloce nello scovare siti web nuovi, sui blog fatti in wordpress è questione di un paio d’ore anche senza fare particolari segnalazioni (almeno a me così capita spesso).
    Proprio parlando di wordpress, una cosa che noto ultimamente è che quando utilizzi i temi di terze parti, spesso nel codice non compare l’indicazione meta robots: index, follow, sebbene dalle impostazioni generali di wp sia stata abilitata la lettura da parte dei motori di ricerca. Ecco quel meta va assolutamente aggiunto altrimenti è probabile che il sito non si indicizzi nonostante tutte le segnalazioni del mondo.

    Rispondi
  22. omar mulfari ha detto:

    Bellissimo e utilissimo articolo! Grazie per i preziosi suggerimenti..c’e’ molto da fare per noi novelli :)

    Rispondi
  23. Marinapriest ha detto:

    Grazie, ho molto da fare!!
    Ma la passione è tanta (anche se sono un’autodidatta) e trovo che in rete ci siano risorse davvero infinite per la didattica (sono un’insegnante).
    Ho aperto da poco un blog per l’autoapprendimento/ripasso/rinforzo dell’inglese, sono proprio all’inizio, ma volevo un parere spassionato da un esperto, se possibile :)
    http://nevergiveupenglish.blogspot.it/
    Grazie infinite

    Marinapriest

    Rispondi
  24. tini ha detto:

    ok ma come faccio a trovare il mio sito per renderlo visibile ai motori di ricerca????????????????????????????

    Rispondi
  25. Vitalino ha detto:

    Consiglio ottimo programma Backlink Prediction per controllare la propria pagina o quella dei concorrenti. Davvero utile e semplice nell’uso, ci sono tanti altri strumenti sul sito come PageRank Checker o Backlink Checker.

    Rispondi
  26. Jlenia ha detto:

    Ciao, io non riesco a inviare la sitemap su google. Mi dice che la mia pagina e in html, formato non supportato. Che devo fare?
    Grazie.

    Rispondi
  27. Jlenia ha detto:

    Sono andata su GoogleWebmaster Tools..
    ho inserito il nostro blog e google lo ha approvato dopo la scansione. Ora non riesco a capire che devo fare!

    Rispondi
  28. Jlenia ha detto:

    Ok, ci provo. Grazie,

    Rispondi
  29. Daniele Sanna ha detto:

    Grazie mille per i tuoi aiuti; sto cercando di risolvere dei problemi di backlinking e i tuoi suggerimenti mi sono stati molto utili. Daniele

    Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!