Scelte Frettolose e Spinose Decisioni

Quando conviene tirare il fiato e ripartire (quasi) da zero?

scritto da Francesco Gavello [+] il 04 dicembre 2010 | 9 Commenti in: Welcome Weekend

Esiste un limite oltre il quale un blog, se questo non soddisfa pienamente i nostri desideri, va messo in stop e ripensato da zero?

Ci sono molti casi “spinosi” in giro per il web in cui una scelta frettolosa iniziale -di un prodotto, di un servizio, un nick o un nome a dominio- si ripercuote a valanga sull’efficacia del proprio progetto.

È questo il caso?
È quello che Marco chiede per questo Welcome Weekend:

Il mio blog si chiama ‘GoVintage’ poiche’, quando ho aperto il blog, ritenevo che il termine ‘vintage’ si riferisse al design e all’arredamento del biennio 50-60. Errore!

Nel corso della mia formazione ‘bloggereccia’ e ricercando altri blog che trattassero dello stesso argomento, mi sono reso conto che in realta’ il termine corretto non e’ ‘vintage’ ma ‘mid century’. Come potrai immaginare non e’ una differenza da poco per il traffico proveniente da un motore di ricerca.

Dilemma: Essendo in procinto di migrare su WordPress, mi chiedo se non dovrei adottare una soluzione piu’ radicale e cambiare il nome del mio blog con qualcosa che contenga ‘mid century’.

Per me non e’ un dilemma da poco e ogni giorno che passa ne aumenta il peso perche’ investo molto tempo in questo progetto e temo di buttare all’aria il lavoro fatto e i, pochi ma crescenti, risultati.

Che fare? Lasciare tutto cosi’ o saltare il fosso? :)

Cosa consiglieresti a Marco?

È possibile virare in corsa un progetto del genere (magari legando alla keyword “vintage”, così forte nello stesso indirizzo, diverse declinazioni della nicchia iniziale) o si tratta di fatica sprecata?

E non esiste la possibilità, anche riuscendo in qualche modo a correggere l’errore iniziale, di ritrovarsi in mano con un prodotto “ibrido” che non soddisfa pienamente le nostre necessità?

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

9 Commenti

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. Marco Cavicchioli ha detto:

    bel dilemma…

    io però sarei per il cambiamento. il processo di ottimizzazione è sempre un processo lento, ma costante, e prevede sempre dei cambiamenti (seppur non necessariamente strutturali). in questo caso proporrei pertanto un cambiamento lento, un sorta di “migrazione semantica” da realizzare con il tempo per non correre il rischio di stravolgere subito tutto.

    ovvero su WordPress migrerei il vecchio blog esattamente così com’è ora (perchè una migrazione tecnica è già una cosa complessa: se affiancata ad una migrazione semantica il rischio è di dover fare un vero e proprio cataclisma). una volta migrato lo trasformerei lentamente, piano piano, giorno dopo giorno in un nuovo blog tecnicamente identico al precedente, ma con una caratterizzazione semantica diversa (perlappunto: ottimizzata).

    Rispondi
  2. PiccoloSocrate ha detto:

    Punto primo
    acquisterei un dominio consono all’attività. Farai capire che stai puntando seriamente su qualcosa, in modo quasi “autorevole”. Ti costerà qualche utente meno fedele, ma amen.

    Punto secondo
    Punterei a sviluppare il mio piccolo giardino partendo da un sideblog di passaggio che allarghi l’argomento per poi focalizzare sul nuovo target, anche se piuttosto simile a quello che già possiedi.

    Punto terzo
    Andreai di novità, promozioni, marketing insomma. Qualcosa che faccia conoscere (tra gli utenti potenziali) il tuo nuovo “vestito”. D’altronde qualcuno dovrà pure ammirarlo?

    Rispondi
    • Marco ha detto:

      Hey ragazzi!
      Salve sono Marco, il detentore del ‘dilemma’ ;)

      Al momento sono piu’ propenso per la soluzione proposta da ‘PiccoloSocrate’ …mi sembra fatica sprecata continuare a investire sul vecchio dominio…

      Qualche altro suggerimento? :D

      Rispondi
  3. roberto ha detto:

    Ciao Marco.

    Prchè fatica sprecata?. Ad esempio Io non sapevo nemmeno la differenza e non conoscevo il termine “mid century”. Mi sembra che sia PiccoloSoscate che Marco abbiano evidenziato un passaggio importante. allargare il tuo campo.

    Potresti utilizzare la Key “Vintage” forse più nota e più sfruttata come traino per far conoscere e introdurre i tuoi lettori già fidelizzati al nuovo percorso che hai intenzione di intraprendere, come indicato da PiccoloSocrate.

    Due percorsi che a volte si incrociano a volte si differenziano, proprio su questo potresti giocarti le carte milgiori per ottenere maggiore visibilità e un seguito più ampio a cui parlare.

    Insomma non scartare nulla ma trasfroma un errore iniziale in una opportuità da sfruttare.

    Rispondi
  4. Fulvio ha detto:

    Mi occupo di SEO da un sacco di tempo e posso assicurarti che:

    1- cambiare nome al sito ti da perdere indicizzazione acquisita e confonde gli utenti acquisiti
    2- se passi ad altra piattaforma crea redirect 301 per ogni pagina, se cambi dominio da un redirect 301 del dominio
    3- l’anzianità del sito conta molto x google quindi tenere il vecchio GoVintage ed aggiungere key è la miglior soluzione
    4- se aggiungi una key tematica al tuo sito la scalata nella serp è molto più facile e veloce, chiaramente devo fare una landing ad HOC esempio:
    http://www.miosito.it/key.html
    E li parlare esclusivamente ed in modo esaustivo della parola che vuoi posizionare
    h1 deve avere la key nelle prime cento parole devi mettere più volte la key meglio se con strong, linca questa landing dalle pagine interne tematiche e da siti tematici. Ti consiglio poi di aggiungere landing con la key complessa ad esempio parlando di PIZZA potresti usare PIZZA AL POMODORO, VENDITA PIZZA, FARINA X PIZZA. etc

    Ricapitolando il mio consiglio è mantieni il vecchio nome fa delle landing per la key ke ti interessa, fa

    Rispondi
  5. Fulvio ha detto:

    L’iPhone mi ha troncato la risposta :-)

    Mantieni vecchio dominio aggiungi la key sia singola che complessa, se cambi piattaforma e dominio fa un REDIRECT 301 dal vecchio al nuovo e poi auguri….

    Rispondi
  6. anche io mi son posto lo stesso problema in quanto ho puntato su un prodotto molto di nicchia come spesso viene consigliato dai guru ma son finito in un vicolo cieco senza molto margine di manovra…. ma ad un certo punto mi sono reso conto che il mio blog ha dei tassi di conversione maggiori di tanti altri che fanno migliaia di visite.

    Pertanto il mio consiglio è perseverare :-)

    Rispondi
  7. Namaless ha detto:

    Anche io mi sono trovato e mi stò trovando davanti a questo dilemma, ma ormai come dicono alcuni guru del seo un sito “vecchio” è visto di buon occhio dai motori di ricerca (google in prima fila) per cui mettere mano a un sito nuovo non è detto che questo venga poi visionato e che abbia per appunto un tasso di conversione buono.

    Anche io seguendo appunto i vari consigli stò “migrando” il mio target di utenza verso un target più fidelizzato ai contenuti che voglio promuovere in questo periodo. Non perseverare è la chiave.

    Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!