6 Plugin per Fare E-Commerce su WordPress

pubblicato da Francesco Gavello [+] il 25 luglio 2013 | 19 Commenti in: Featured | WordPress Plugins

Migliori plugin per creare un ecommerce in WordPress

Quello che segue è un guest post di Carlo D’Angiò e Simone D’Amico. Oggi parliamo di E-commerce su WordPress, di plugin e di soluzioni praticabili dal più classico degli one man band. Buona lettura!

All’inizio del 2003 una matricola dell’università di Houston, di nome Matt Mullenweg, insoddisfatto dal modo in cui venivano gestiti gli aggiornamenti della piattaforma di blogging che stava usando, decide di iniziare un forking di b2/cafelog con un suo amico. In altre parole, si mette a lavorare su un codice sorgente già esistente e ne tira fuori un CMS che oggi è conosciuto col nome di WordPress.

Chissà se Mullenweg riusciva a immaginare anche solo in parte il successo che ha poi raggiunto la sua creatura. Del resto, all’inizio era motivato solo da una questione di aggiornamenti. Magari, pensava a un web log migliore di quello esistente. Punto.

Eppure, oggi WordPress è la piattaforma di blogging più usata al mondo. È talmente versatile e scalabile da essere utilizzata per una gamma di siti che va dai blog personali fino alle piattaforme di pubblicazione online di grandi gruppi editoriali. E a quanto pare comincia a essere una scelta interessante anche per chi vuole fare ecommerce.

La sua struttura intelligente, la sua community, la sua logica di apertura e di accesso gratuito alle risorse, ma più di tutti i suoi plugin hanno reso accessibile un settore ad appannaggio esclusivo di pochi nerd esperti di codice.

Solo pochi anni fa l’idea di un sito di commercio elettronico non poteva nemmeno essere presa in considerazione, senza un budget importante e una squadra di programmatori professionisti impegnata a scrivere codice per molti mesi.

Oggi, invece, succede questo: ho un’idea, ho dei prodotti da vendere, mi installo WordPress (magari con un tema disegnato su misura per il commercio elettronico), mi installo alcuni plugin deputati a far funzionare il carrello, gli ordini, i pagamenti etc.. E nel giro di 10 minuti sono teoricamente online con la mia piattaforma di commercio elettronico.

Il lavoro di un anno in 10 minuti. Potrebbe essere questa la sintesi narrativa della fantastica storia di WordPress in ogni sua applicazione, dall’ecommerce ai siti corporate.

C’è da dire che riguardo all’ecommerce ci sono altri CMS anche più completi e stabili, migliori di WordPress. Magento, per esempio, è una piattaforma destinata a fare bene proprio questo tipo di lavoro. È un po’ come mettere al confronto un labrador con un pastore maremmano. Il labrador può fare mille cose straordinarie, ma se ti serve un cane da guardia, il maremmano è senza dubbio la scelta migliore.

Tuttavia, anche qui, bisogna fare i conti con il fenomeno della long tail. Per i grandi progetti di commercio elettronico, Magento è la migliore applicazione. Ma quanti grandi progetti di commercio elettronico ci sono in giro? Quanti invece sono piccoli esercizi a conduzione familiare o personale basati sulla vendita di pochi o singoli prodotti?

La coda lunga dei piccoli ecommerce forma un mercato molto più interessante per WordPress. Non abbiamo dati statistici certi al riguardo, ma basta dare un’occhiata a Themeforest per capire che WordPress è leader incontrastato anche sul versante dei temi per l’eshop.

Il mercato è fatto prevalentemente di persone che hanno piccoli progetti e una forte esigenza di semplicità. E WordPress con i suoi plugin, per queste persone, è il re.

Ma quali sono i migliori plugin WordPress per l’ecommerce?

Plugin per ecommerce

Considerando l’incredibile numero di plugin messi a disposizione sul repository di WordPress è fisiologico immaginarsi un numero molto elevato di plugin dedicati allo shop. Le soluzioni offerte sono davvero tante, sia gratuite che a pagamento. Ma quale scegliere? E perché? Vediamolo insieme.

WP E-Commerce

WP E-Commerce è stato uno dei primi plugin sviluppati per fare ecommerce con WordPress. Ha all’attivo quasi 2,5 milioni di download. Ha come punti di forza la facilità di gestione dei prodotti e il numero di modalità di pagamento incluse. D’altro canto però risulta piuttosto complesso da personalizzare e da integrare all’interno di un tema già esistente. Sono tantissime le funzionalità offerte dal plugin, ma non è molto intuitiva la modalità con cui vengono gestite. Lo trovi su http://getshopped.org/.

eShop

eShop è un plugin consigliato quando si deve lavorare con prodotti multimediali e, soprattutto, con un numero non molto elevato di prodotti. Velocissimo da configurare, consente di essere operativi in pochissimo tempo. Probabilmente il miglior plugin quando si vuole utilizzare WordPress come piattaforma di landing page per vendere singoli prodotti. Lo trovi su http://wordpress.org/plugins/eshop/.

Cart66

 è rilasciato sia in versione Lite gratuita che in versione Premium con molte più feature a disposizione. Il suo prezzo nella versione a pagamento è di 199 dollari all’anno ed è fortemente consigliato per gestire membership e sottoscrizioni. Lo trovi su http://cart66.com/.

Jigoshop

Jigoshopè il plugin da cui è nato WooCommerce. Sviluppato con un codice davvero molto chiaro e pulito, è piuttosto semplice da estendere e da utilizzare. Purtroppo non è consigliabile utilizzarlo data la quantità incredibile di opzioni aggiuntive che WooCommerce fornisce. Lo trovi su http://jigoshop.com/.

WooCommerce

Come già anticipato WooCommerce è nato come fork di Jigoshop. Il plugin consente di avere differenti tipologie di prodotti: tra cui prodotti semplici, prodotti con variazioni, prodotti bundle, prodotti virtuali, ecc. Consente inoltre di configurare moltissime modalità di pagamento e di spedizione con pochissime operazioni. Lo trovi su http://www.woothemes.com/woocommerce.

Shopp

Shopp è un altro plugin premium per vendere con WordPress. Il suo prezzo base è di 55 dollari. E uno dei suoi punti di forza è la gestione dei codici di sconto e delle offerte. Consente infatti di impostare i coupon e le offerte sui prodotti in vendita in maniera più completa e semplice, rispetto ai concorrenti. Lo trovi su https://shopplugin.net/.

WooCommerce, la scelta più adatta

Tra i plugin che abbiamo appena visto, quello che riteniamo migliore è sicuramente WooCommerce Il plugin presenta una quantità incredibile di funzionalità ed è molto semplice da utilizzare sia dall’utente finale che dovrà vendere i prodotti, sia dagli sviluppatori che lavorano al codice.

Lato utente, il plugin è davvero molto intuitivo. L’inserimento dei prodotti, la gestione delle scorte in magazzino, la configurazione dei prodotti variabili, la gestione delle spedizioni, tutto è semplificato da un’interfaccia molto avanzata. Si vede subito che quelli di WooThemes hanno lavorato molto per migliorare l’esperienza utente rispetto a Jigoshop da cui hanno preso spunto.

Un’altro punto di forza del plugin è il suo orientamento agli sviluppatori. WooCommerce, infatti, rilascia un’ottima e ampia documentazione a cui possono rifarsi i developer per modificare o personalizzare le funzioni, nonché i template dello shop, permettendo in questo modo di progettare soluzioni autentiche e di grande impatto, senza limiti o costrizioni.

Conclusioni

WordPress è una piattaforma estremamente versatile. E grazie alla flessibilità dei temi e all’estendibilità offerta dai plugin veramente non ci sono limiti a ciò che può essere realizzato, persino se il progetto in questione riguarda un eshop.

A tal proposito, abbiamo visto alcuni tra i plugin più conosciuti al riguardo, ma abbiamo anche indicato WooCommerce come la soluzione attualmente più completa e facile da usare. Anche se – a dire il vero – più che di completezza, potremmo parlare di una intelligente predisposizione alla completezza. Che significa?

Per quanto possa essere completo, un plugin che si occupa di ecommerce deve avere una sua logica e una sua specifica peculiarità. Deve cioè dichiarare con chi vuole lavorare e in che modo. È una questione di posizionamento.

WooCommerce l’ha fatto, si è posizionato con successo. E ha cercato di coprire la più ampia fetta di mercato. Ma sa bene – e abbiamo detto che questo è uno dei suoi punti di forza – che non esiste un modello riproducibile capace di soddisfare a primo acchito tutte le esigenze di chi vuole fare ecommerce.

Se Tizio vuole la Wishlist, Caio è disposto a spendere più soldi per integrare un sistema di comparazione dei prodotti. Mentre Sempronio vuole a tutti i costi che i navigatori possano zumare sulle thumbnail per analizzare i dettagli dei prodotti.

Ciascuno ha le sue esigenze, i suoi vezzi, le sue ferme convinzioni riguardo a come portare avanti un progetto di commercio elettronico. Ecco perché WooCommerce, senza preoccuparsi direttamente di integrare nuove idee e soluzioni, apre il suo codice alle esigenze degli sviluppatori, offrendo la possibilità di estendere la sua struttura di base sia attraverso le API, sia attraverso una serie molto ampia di filtri e action.

Nel nostro caso, per esempio, questo ci ha permesso di sviluppare (e rilasciare gratuitamente) tutta una serie di plugin (vedi qui) che coprono le esigenze più varie di chi altrimenti non avrebbe potuto, solo con WooCommerce, avere un eshop su misura.

Questo significa intelligente predisposizione alla completezza. Lo fa WordPress, lo fa WooCommerce. E forse dovremmo farlo un po’ tutti.

Questo articolo è stato scritto da: Carlo D’Angiò e 
Simone D’Amico

6 Plugin per Fare E-Commerce su WordPress

Carlo D’Angiò - Scrittore freelance ed esperto di content marketing, cura l’organizzazione e la produzione di contenuti, nonché il copy e la comunicazione aziendale di Your Inspiration.


Simone D’Amico - Sviluppatore, esperto di User Experience, WordPress e jQuery, è Team Leader Development presso Your Inspiration.

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

19 Commenti

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. Emanuele ha detto:

    Ciao Francesco.

    Anche io ho scelto woocommerce, poi la nuova versione uscita qualche mese fa è ancora più potente e flessibile.

    Per chi fosse interessato, ho pubblicato su github il docset di woocommerce per Dash.app (Mac only). Dash consente di avere le documentazioni dei maggiori linguaggi di programmazione, librerie ecc (c’è anche il codex di WordPress, ovviamente) disponibile sul computer anche offline e sopratutto raggiungibile e filtrabile alla velocità della luce. Una manna per gli sviluppatori.

    Il docset di woocommerce non è distribuito direttamente all’interno dell’applicazione e così l’ho creato. Magari a qualcuno può essere utile. Ovviamente è gratis!

    Rispondi
  2. Il Motociclista ha detto:

    Grazie mille, stavo proprio cercando un plugin di questo tipo. Ormai sono così tanti i plugin disponibili, che il rischio è diventato quello di non riuscire più a trovare ciò che serve…

    Rispondi
  3. valentina ha detto:

    Ciao Francesco,
    io sto migrando da blogger a wp.
    banalmente vorrei un plug in per il mio blog di cucina che mi permetta di suddividere le ricette in pagine e sotto pagine in base alla categoria di ricette. Ho un visto un blog che le ha suddivise esattamente come vorrei fare io, ma non so come fare:
    http://www.unamericanaincucina.com/
    sai darmi un consiglio?
    grazie mille e buone ferie
    Valentina

    Rispondi
  4. Luigi ha detto:

    Buongiorno a tutti, sto implementando il sito http://www.cuccurullocontract.it/Shop/prodotto/pavimento-standard-plus-a-piastre-2/ anziché il prezzo vorrei far visualizzare aggiungi al carrello e poi alla fine il sistema dovrebbe spedire una richiesta di preventivo. Sapete indicarmi un plugin che faccio questo?

    Rispondi
  5. marco ha detto:

    Francesco Grazie, sei stato conciso e utilissimo!!!

    Rispondi
  6. Vincenzo ha detto:

    Salve ragazzi,
    con la mia società abbiamo sviluppato il modulo per il pagamento tramite Bnl Positivity per Woocommerce. Se vi può essere utile, qui ci sono le info.
    http://www.archaweb.com/it/index.php/2013-05-14-08-18-37/bnl-positivity

    Rispondi
  7. Andrea Camorali ha detto:

    Ciao, devo creare un e-commerce non collegata ad un sistema di fatturazione.. mi spiego meglio.
    Il sito aziendale è di sola informazionr, ne ho creato uno per essere più veloce, con blog ed info sui prodotti.
    Ora volevo dare un servizio in piupù ai miei visitatori con ka vendita dei materiali di consumo; pratica,ente mi basterebbe una griglia dove scegliere con poi invio di ordine ma i plug in provati sono molto più complessi… Cosa mi consigliate ?
    Andrea
    Il sito è http://www.multifunzioni.com

    Rispondi
  8. Fabio ha detto:

    Ciao Francesco e complimenti per il sito. Ho un sito/blog con WP che parla di moda e vorrei creare una pagina tipo comparatore prezzi alla kelkoo per intenderci utilizzando i prodotti di zanox o tradedoubler. Il problema di woocommerce è che non mi permetterebbe una gestione simile (è più orientato alla vendita diretta dei prodotti)…mi potresti consigliare qualcosa che farebbe al caso mio???
    Grazie

    Rispondi
  9. Danilo Vaccalluzzo ha detto:

    Sono stato costretto a mettere le mani al codice di un sito web di ecommerce sviluppato utilizzando wordpress con il plugin woocommerce. Inizialmente non mi sono trovato bene. C’erano diversi aspetti che non mi convincevano, avendo utilizzato spesso dei sistemi nati come cms per ecommerce. Alla fine devo dire di aver trovato un valido strumento anche se, secondo me, un sistema nato per l’ecommerce è nettamente superiore ad un plugin arrangiato…

    Rispondi
  10. Andrea ha detto:

    Devo dire che i contenuti di questo post sono ancora attuali e utili.
    Penso che Woocommerce abbia oramai preso il sopravvento anche su altri prodotti concorrenti e non solo su altri plugin di WordPress.
    Veramente utile anche il link esterno ai plugin.
    Grazie

    Rispondi
  11. codvali ha detto:

    Grazie !! Super articolo !! Complimenti !!!

    Rispondi
  12. Weber ha detto:

    Ciao,
    sono perfettamente d’accordo con voi; aggiungo anche che l’e-commerce con WordPress è stato per tanto tempo snobbato a favore di piattaforme specializzate in questo (oltre al citato magento includerei anche prestashop).A mio avviso non ha nulla da invidiare ad entrambi per progetti medio-piccoli.E’ logico che se dovessimo andare su qualcosa di più complesso il discorso è diverso.

    Rispondi
  13. Ho utilizzato WooCommerce su diverse installazioni.

    Finchè i progetti non sono troppo grandi devo dire che si comporta bene.

    Rispondi
  14. Lupo ha detto:

    Io sto utilizzando WooCommerce ma non riesco a fare effettuare il pagamento perchè il la pagina mi dice TROPPI REINDIRIZZAMENTI

    Rispondi
  15. Nik ha detto:

    Ottimo! Io sto creando un ecommerce con woocommerce. La mia cliente mi ha chiesto ricreare dei codici da dare alle blogger con cui vorrebbe collaborare. Se io fornirnissi loro un codice sconto differente da poter dare ai propri utenti, come posso “monitorare” quale blogger ha reso di più con il passaparola?

    Rispondi
  16. Tito ha detto:

    Noi non riusciamo a farlo funzionare abbiamo provato vari prodotti ma non partono le e-mail ne per la segnalazione dell’acquisto ne per la vendita.

    Rispondi
  17. Fabio ha detto:

    Ciao grazie per l’articolo. Ero indeciso se utilizzare WooCommerce…

    Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!