Ama il tuo sviluppatore

Non devi fare tutto. Sul serio.

scritto da Francesco Gavello [+] il 15 marzo 2017 | 2 Commenti in: Ispirazioni

Google AdWords e programmazione: quando intervenire sul codice?

Lo scorso weekend mi trovavo in aula di fronte a una classe di studenti, intento a spiegare le meraviglie di una strategia Google AdWords ben pensata.

E alla fine è arrivata la domanda.
Che suonava più o meno così.

“Francesco, tutto ciò che sento è fantastico, ma io non sono un tecnico. Non so mettere mano al codice. E il tag di conversione. E il remarketing. E il setup di strumenti di tracciamento. Quante cose devo imparare?”

Il che, capiamoci, come ansia è anche comprensibile.
Solo, è del tutto immotivata.

Non ho mai capito perché questo fraintendimento si trascini ormai da così tanto tempo. L’idea che un advertiser che mette mano a Google AdWords – o Facebook Ads, Bing Ads, LinkedIn Ads, you name it – debba necessariamente essere un tecnico.

Voglio dire: è una gran cosa sapere leggere il codice HTML. Masticare un po’ di Javascript e di CSS, magari. Torna sempre utile, soprattutto sei si lavora in proprio o si vuole comunque gestire qualche progetto minore senza coinvolgere agli inizi troppe persone.

Tuttavia, la complessità di piattaforme pubblicitarie come Google AdWords e Facebook Ads richiede un buon programmatore al tuo fianco. Sempre.

Non devi fare tutto.
Sul serio.

Il rischio è che volendo fare tutto ci si ritrovi a mettere mano a parti di un sito – peggio ancora se nell’accezione e-commerce – rischiando di comprometterne la stabilità o la bontà dei tracciamenti. Senza tener conto di una panoramica globale che solo uno sviluppatore con esperienza può avere.

Talvolta il problema è che lo sviluppatore non c’è. Che il progetto è gestito alla meno peggio con un qualche CMS su cui sono stati installati una manciata di plugin e ci si aspetta di ottenere le performance o la precisione del dato raccolto pari a quella che potrebbe mettere in campo un programmatore senior.

Altre volte, anche su progetti piuttosto complessi, il team di programmatori è impegnato in aspetti vitali del business più ore al giorno, relegando così attività come il setup di un tracciamento e-commerce in Analytics o un paio di tag di remarketing molto più in basso in to-do di dove dovrebbero stare.

In questo caso il problema è altrove.
È la soluzione non è mai improvvisarsi tuttologi.

Avere un minimo di consapevolezza sul codice aiuta, dicevo.

Aiuta per relazionarsi con gli sviluppatori.
Aiuta per sapere cosa chiedere e come chiederlo.
Aiuta per sapere cosa aspettarsi come risposta.

Perché dietro un bravo advertiser c’è sempre un bravo sviluppatore.

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

2 Commenti

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. Silvia ha detto:

    Ciao Francesco e grazie del tuo post. Posso chiederti quali competenze deve avere un buon sviluppatore per saper interagire su WordPress e Magento?

    Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!