Non si Linka Più Come Una Volta

almeno, non senza nulla in cambio.

scritto da Francesco Gavello [+] il 05 luglio 2010 | 13 Commenti in: Search Engine Optimization

gli-utenti-non-linkanoAlmeno, questo è quello che Michael Gray scriveva in “Case Study: I listened to Google and I fail” qualche giorno fa.

Che Google tra le sue pagine continui a ripetere il solito mantra “Content is King” poco conti. Dati alla mano, scrivere bene e aspettarsi che i propri lettori (volenterosamente) ringrazino linkandoci dai loro blog è diventata pura utopia.

Se non utopia, è qualcosa di quasi completamente trascurabile quando si mira a ottenere un buon posizionamento naturale.

Mentre continuano a rimanere saldi i buoni risultati portati da tecniche di link-baiting più o meno complesse (ma in questo caso completamente whitehat): partecipazione attiva a blog in tema con commenti rilevanti, attività su forum di settore, guest posting e così via.

Gli utenti non linkano più come una volta, insomma.
Volendo ampliare il discorso, non lo fanno se non ottengono qualcosa in cambio.

E Google, d’altronde, non può certo ammetterlo pubblicamente.

Te lo immagini se sulle linee guida ci fosse scritto: “cerca di ottenere link di qualità e possibilmente a buon mercato sfruttando le peculiarità della rete e delle persone che la abitano”. Sarebbe come spararsi su un piede, dando il semaforo verde a contenuti scritti generati ad arte per venire linkati (più di quanto già accada oggi), autorizzando i contenuti a divenire solo un “male necessario” nella complessa equazione volta a portare più traffico, più visite, più soldi in cassa.

E sempre a proposito del linkare ottenendo qualcosa in cambio, ti rimando a questo WhiteBoard Friday di inizio anno di SeoMoz, in cui un barbuto Rand Fishkin raccontava la sua visione del problema: per ogni tipo di link che vuoi ottenere ci sono delle azioni che devi mettere in pratica per concedere qualcosa in cambio.

SEOmoz Whitebeard Friday – Give and Ye Shall Receive from Scott Willoughby on Vimeo.

…troppo pessimista come panorama?

Tralasciando per un attimo l’evidente anacronismo del video (oggi qui ci saranno circa 30°C :P ), la domanda rimane: davvero gli utenti non concedono link come dovrebbero? Tu in prima persona, quando hai linkato a un contenuto rilevante dal tuo blog?

E sei soddisfatto dal numero che ottieni in entrata?

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

13 Commenti

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. PiccoloSocrate ha detto:

    Do ut des ! In fondo, forse è meglio così, no?
    Almeno saremo sempre meno popolati da siti-algoritmici e via… sano contenuto !

    Rispondi
    • Francesco Gavello ha detto:

      Direi assolutamente condivisibile (soprattutto la disavventura di MasterNewMedia per renderci conto che non si tratta di realtà così lontane o fuori dall’ordinario).

      Di scambi link a catena purtroppo si sente parlare ancora oggi anche da “insospettabili”, e non dubito che in molto ci caschino o credano ancora nella possibilità di aggirare Google con trick simili.

      Da non sottovalutare anche l’impennata improvvisa di backlink al proprio URL: appare ai motori come una situazione ambigua tanto quanto le altre riportate.

      Rispondi
  2. SeoGuru ha detto:

    Bellissimo titolo, anche per farci un sorriso. Vero, ma fino ad un certo punto.
    Si linka moltissimissimo dai social, molto meno nelle cerchie di bloggers più o meno affini.

    Io linko, abbastanza. Ci provo, almeno. In onore dei bei vecchi tempi…

    :D

    Rispondi
  3. giuseppe pastore ha detto:

    Io linko molto (con un occhio alla qualità del sito linkato, chiaro), ma rendo un servizio che ai visitatori credo piaccia. Per ora, niente remore a passare un po’ di PR e trustrank :)

    Rispondi
  4. Gigi ha detto:

    link ne metto parecchi, di qualità e noto un buon ritorno nelle posizione di ricerca Google.

    Rispondi
    • Ven ha detto:

      Potete spiegarmi una cosa? Se è vero che il pagerank è un “fluido” che passa di sito in sito, perché mai uno dovrebbe linkare un altro sito, trasferendo, anzi perdendo il proprio pagerank?

      Rispondi
  5. instantempo ha detto:

    Per quanto riguarda i link io credo che se sono fatti con criterio, nel post giusto, argomento giusto e linkano verso una risorsa utile al discorso del post ovviamente possono fare solo del bene in quanto hanno il vero valore ipertestuale, ovvero quello di aggiungere maggiori informazioni al post scritto.

    Rispondi
  6. Mario D'Aloisio ha detto:

    La tendenza è quella di appropriarsi dei contenuti di un sito modificandone abilmente il testo senza linkare la fonte… Un vero problema globale. Le informazioni circolano troppo facilmente… L’autorevolezza di un contenuto assume un contesto troppo relativizzato… I SEO gongolano…

    Rispondi
  7. hotel viserbella ha detto:

    Anche io quando posso linko gli articoli o i siti che trovo interessanti ma si sembra estremamente difficile ottenerne abbastanza di naturali se non con uno sforzo notevole, ho letto ottimi blog che hanno pochi commenti e il lavoro del blogger è titanico e spesso non sufficentemente corrisposto.
    Mi piace il tuo blog complimenti!

    Andrea

    Rispondi
    • Francesco Gavello ha detto:

      Diciamo che i risultati non esplodono subito come molti ci si aspettano, ma vengono costruiti un pezzo alla volta e non sempre sono così gratificanti nell’immediato.

      Sul lungo periodo (e i lettori di questo blog me lo confermano ogni giorno) si sviluppa però una community affiatata in grado di portare sempre più spunti di discussione. E questa è (imho) la vera soddisfazione. :)

      Rispondi
  8. forum hardware ha detto:

    Be il web è uno scopiazzare esasperante di contenuti da un sito all’altro, quale interesse dovrebbero avere certi “spudorati” a indirizzare il traffico verso la concorrenza?? Nessuno, ma va a finire che il lettore a lungo andare si accorgerà prima o poi della scorrettezza del blogger soprattutto quando i suoi argomenti non rappresentano appunto delle novità perchè copiati e non linkati! ;)

    Rispondi
  9. tavernolaincanto ha detto:

    Io link moltissimo ma il mio obiettivo primario non è quello di avere un blog di successo, quanto di fornire informazioni utili ai miei utenti. E se questo vuol dire segnalare siti di valore o contenuti provenienti da altri autori, mi sta bene.

    Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!