Il Frictionless Sharing di Facebook può Uccidere la Content Curation?

Più veloce, ma meno efficace?

scritto da Francesco Gavello [+] il 23 dicembre 2011 | 4 Commenti in: Featured | Social Media

Cos'è la frictionless sharing di Facebook?

Non è un segreto che Facebook abbia intenzione di porsi sempre più come fulcro dell’intera attività online di un singolo.

Con l’introduzione di Timeline, Facebook mira non solo a dare una svecchiata al vecchio “wall”, quanto a rivoluzionare per sempre il modo in cui gli utenti passano la loro immagine in rete. Non più un elenco indistinto di attività l’una sotto l’altra, quanto una sorta di cronistoria di elementi importanti, modificabili secondo preferenze e molto più simili a un “blog semi-automatico” che a un muro dove scrivere di tanto in tanto.

Con la recente introduzione del frictionless sharing, Facebook potrebbe piazzare un altro paletto in quella che è la possibilità per un utente “poco skillato” di iniziare a fare una basilare, quanto potenzialmente dirompente, attività di newsmastering.

Nel concetto più semplice di newsmastering, un utente si fa carico di selezionare e filtrare notizie relative a una nicchia e di proporle in una qualche forma ai suoi contatti. Puoi fare newsmastering riportando link sul tuo blog, in sidebar, come letture consigliate. Oppure puoi aprire un blog su Tumblr selezionando le migliori ricette con, per esempio, il cioccolato. O puoi discutere di trekking tutto il giorno su Twitter, facendo ordine nel caos della risorse rete.

Tutto ciò richiede sempre due cose:

  • la volontà dell’utente di agire in questo modo
  • una minima capacità tecnica nel valutare e applicare simili strategie.

Facebook, unendo la nuova Timeline al frictionless sharing, potrebbe seriamente cambiare le carte in tavola.

Già da qualche settimana, semplicemente leggendo una news da un’app collegata a Facebook, un utente autorizza più o meno coscientemente quest’ultimo a pubblicare news della sua attività online (letture, principalmente) verso i propri contatti.

Una sorta di attività di newsmastering semi-automatica che accompagna l’altrettanto recente diffusione del plugin per ricevere gli aggiornamenti di un singolo profilo Facebook.

Scompaiono i tecnicismi, niente più strani ragionamenti per impostare una strategia di filtering dei contenuti. Se hai un account su Facebook e leggi qualcosa di legato a uno stesso ambito tutto il giorno, stai già facendo newsmastering.

Certo, forse servirà ancora qualche fix, ma nella guerra a colpi di restyle e feature tra i vari social network (ciao, Twitter), non vedo così distante uno scenario simile. Dalla sua, Facebook ha come sempre una smisurata base di utenti che, volenti o nolenti, si potrebbero trovare a sperimentare simili dinamiche per la loro prima volta.

Che ne pensi? I social media possono, o potranno, fare il lavoro di tutti quei i tool di cura e selezione delle notizie, pur facendolo …peggio?

immagine: Fotolia.com

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

4 Commenti

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. riccardo ha detto:

    Da un lato devo direi che la cosa è sicuramente affascinante, pensiamo al livello di viralità che si potrebbe raggiungere e inoltre ciò semplificherebbe notevolmente la vita a noi blogger riducendo soprattutto i tempi di gestione delle condivisioni.

    Il rovescio della medaglia lo vedo facendo un’analisi sulla futura qualità dello sharing.
    Noi facciamo una scelta quando diffondiamo una notizia e di solito condividere ha entrambi i significati della nostra lingua: quello materiale di diffusione e quello di approvazione (salvo eccezioni per articoli o notizie con cui siamo in disaccordo ma in quei casi si aggiunge un commento esplicito o un articolo di risposta).

    Con questo sistema una persona potrebbe trovarsi a diffondere in maniera automatica contenuti che magari ha consultato per se stesso e ben prima di una valutazione complessiva. Quindi non tutti i contenuti sarebbero davvero meritevoli, ma solo più raggiungibili, e questo NON è Curation.

    Al momento rimango perplesso.

    PS:
    Personalmente ho sempre preferito i tool di curation che permettessero di dare un’impronta manuale, e non troppo automatica, per quello c’è già google ma sono opinioni.

    Rispondi
  2. Stefano Prevedel ha detto:

    Mi trovo perfettamente d’accordo con Riccardo. Sono dell’idea che un minimo di content curation sia raggiungibile con una condivisione consapevole e non con una condivisione automatica o semi-automatica. L’elemento umano fa la differenza.

    Rispondi
  3. [...] I dati e le informazioni che circolano in rete stanno assumendo proporzioni giganti, e orientarsi in questo oceano sembra sempre più difficile. Quello che ci si chiede è se l’automatizzazione dello sharing sia una risposta adeguata e inevitabile per orientarsi come ad esempio sostengono qui, oppure se a questi software che lasciano poco alla fantasia (e soprattutto alla privacy), siano da preferire quei dashboards che permettono ad ogni singolo individuo di scegliere cosa condividere e cosa no, come si sostiene qui e qui. [...]

    Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!