Perché Hai Bisogno di Essere Presente su LinkedIn?

pubblicato da Francesco Gavello [+] il 16 novembre 2011 | 9 Commenti in: Featured | Social Media | Tool e Risorse | Trending Topic

Migliorare il profilo LinkedIn

Questo è un guest post di Luciano Cassese, formatore professionista che già da parecchio tempo si dedica allo spiegare alle persone perché l’avere un’adeguata presenza su LinkedIn è la cosa migliore che può capitare a un professionista in rete. Ho letto il suo libro, che trovi promosso a fondo articolo. L’ho letto tutto. Ed è una gran cosa.

Se ti stai ancora chiedendo per quale motivo dovresti partecipare ad un social network come LinkedIn per sviluppare la tua professione e la tua carriera ecco in questo articolo alcune semplici motivazioni che penso ti convinceranno a prendere seriamente in considerazione l’idea di fare del marketing personale su questo network.

Se ancora non lo conosci LinkedIn, beh, è il più grande social network a carattere professionale oggi esistente in tutto il web.

In questi anni LinkedIn è rapidamente diventato uno strumento indispensabile per chi cerca opportunità di lavoro, di carriera o per chi è alla ricerca di nuovi clienti per la propria attività.

Nel momento in cui scrivo questo articolo LinkedIn è in assoluto il più famoso social network professionale al mondo, superando i 100 milioni di membri in 50 nazioni. Ad ottobre 2009, i suoi utenti erano 20 milioni, a maggio 2010 circa 70 milioni. Un ritmo di crescita nell’ordine dei 3 milioni al mese.

Il 56% degli iscritti risiede fuori dagli Stati Uniti. U.S.A., India, U.K e Brasile sono i paesi col maggior numero di iscritti (quest’ultimo è anche quello che cresce più velocemente). Gli utenti europei sono oltre 22.100.000 e le nazioni che mostrano un maggiore interesse sono l’Olanda, la Francia e l’Italia.

Gli italiani su LinkedIn hanno superato 1.700.000 (a maggio dello scorso anno erano circa 1 milione).

Gli utenti LinkedIn nel complesso rappresentano il più grande pubblico al mondo di professionisti e persone influenti e ad alto livello di reddito. Non solo gli utenti di LinkedIn hanno un elevato livello di istruzione (oltre l’80% è laureato), ma sono anche persone che hanno un discreto successo da un punto di vista retributivo. Il reddito medio delle famiglie dei partecipanti a livello mondiale degli utenti LinkedIn è di circa 108.000$ all’anno, e oltre il 20% degli utenti di LinkedIn sono dirigenti di aziende di medie e grandi dimensioni e multinazionali. Più del 60% sono persone che hanno un’influenza diretta sulle decisioni chiave dell’azienda in merito ad acquisti di prodotti o servizi.

Se non lo conosci posso dirti che si tratta di un sito di social networking eccezionale, adatto a tutti coloro che comprendono appieno quale sia il valore delle relazioni interpersonali nella ricerca di opportunità di lavoro e a chi intende sviluppare una propria rete di contatti per generare occasioni professionali.

Nel momento in cui ti iscrivi su LinkedIn, la piattaforma ti offre una serie di funzionalità eccezionali per la tua personale promozione. Già al primo accesso hai la possibilità di:

  • Creare un profilo professionale, che può essere considerato una vera e propria vetrina personale con la quale promuoverti a potenziali clienti e datori di lavoro.
  • Creare e gestire una tua personale rete di contatti di persone importanti che potranno agevolarti nello sviluppo.
  • Partecipare a gruppi di discussione per il tuo settore, la tua nicchia di mercato e la tua attività.
  • Individuare e contattare potenziali clienti, fornitori e nuovi datori di lavoro.

In questo momento ti starai probabilmente chiedendo in che modo queste caratteristiche della piattaforma di LinkedIn possono esserti utili nella tua ricerca di lavoro e come possono apportare un reale vantaggio alla tua carriera professionale. Giusto?

LinkedIn non solo è una grande “vetrina di professionalità” dove le persone partecipano con l’intenzione dichiarata di ricercare clienti fornitori e dipendenti, ma è piuttosto una vera e propria piazza virtuale dove è possibile intrecciare rapporti professionali veramente significativi.

Diamo uno sguardo a cinque semplici modi in cui LinkedIn può aiutarti nella tua ricerca di lavoro e nello sviluppo della tua professionalità:

1. Visibilità. La partecipazione al network consente di farti trovare dai selezionatori e dai responsabili delle risorse umane delle principali aziende internazionali e delle principali società di selezione ed head hunter. La partecipazione a gruppi di discussione su tematiche relative al tuo settore di attività attirerà gli head hunter che cercano candidati specializzati.

2. Branding. LinkedIn è fondamentale per il tuo personal branding e per rafforzare la percezione del tuo nome sul tuo mercato potenziale. Una volta che stabilisci un contatto con una società di selezione, con datori di lavoro, o con dei potenziali clienti, questi prima di invitarti a colloquio probabilmente cercheranno informazioni su di te proprio su questo network per vedere il tuo profilo e verificare il tuo background culturale e lavorativo. Ad oggi vale il principio che se non sei su LinkedIn, in molti casi, semplicemente non esisti (come professionista).

3. Network Personale. LinkedIn ti consente di ritrovare in veste professionale tanti contatti del passato. Molte delle persone che abbiamo conosciuto nell’arco della nostra vita che abbiamo perso di vista, per un motivo o per un altro, adesso possiamo facilmente rincontrarle sul network in veste professionale ed informarle che siamo alla ricerca di opportunità, oppure possiamo informarle circa la nostra attività professionale, sui nostri prodotti o servizi. Il bello è che se incontri qualche tuo amico su LinkedIn, puoi parlargli facilmente di lavoro senza rischiare di sembrare invadente. Diversamente da Facebook, infatti, chi si iscrive su LinkedIn manifesta la precisa intenzione di “Fare Affari”.

4. Acquisizione di conoscenze. Il software di ricerca funziona in due modi: ci consente di trovare individui in base al loro curriculum oppure ci consente di ricercare informazioni nei gruppi di discussione. I gruppi di discussione sono per lo più gruppi tecnici e settoriali in cui si discute di tematiche legate al proprio business. In questo modo possiamo prepararci meglio per una riunione, o cercare informazioni su una determinata azienda prima di affrontare un colloquio di lavoro, o un incontro di affari. Possiamo inoltre postare una domanda in un gruppo di discussione su di un determinato argomento e acquisire le informazioni di cui abbiamo bisogno prima di incontrare un cliente, un fornitore, oppure prima di preparare una relazione per una riunione.

5. Creare contatti personali con nuovi clienti. Il motore di ricerca interno diventa particolarmente utile quando si prende di mira una particolare azienda presso la quale si vuole proporre una candidatura o si cerca di intercettare un individuo in particolare (come ad esempio il responsabile acquisti di un determinato settore aziendale). Su LinkedIn , si può utilizzare la propria rete per individuare persone e referenti all’interno di una determinata azienda. Inoltre LinkedIn grazie al sistema di condivisione dei contatti amplia in un modo enorme le nostre opportunità di intercettare persone di rilievo con le quali fare business.

Non appena la tua lista di contatti cresce di una due unità le tue personali opportunità crescono enormemente. Su LinkedIn, i contatti si espandono facilmente e in modo esponenziale.

Ecco come funziona: Diciamo che hai 50 persone nella tua rete, e ciascuno di loro ha 50 persone nelle sua rete. Mediante il sistema di condivisione di contatti si è quindi in grado di attingere i contatti tuoi contatti fino al terzo livello di separazione. Quindi con una base di soli 50 contatti riesci a costruire una rete di 50 x 50 x 50 contatti che fa in totale ben 125.000 persone!

Un mito da sfatare 

Molte persone mi chiedono se la loro presenza su LinkedIn potrebbe essere vista di cattivo grado dai propri datori di lavoro, in quanto in un certo senso questa avviserà i loro datori di lavoro attuali che stanno cercando una nuova posizione di lavoro. E con questa crisi che c’è in giro fare la parte del “traditore” potrebbe essere una cosa negativa.

Bene! Questa è solo una possibilità! Ed è la più miope.

LinkedIn è innanzitutto un social network per persone orientate al business, non è un sito per la ricerca di lavoro. LinkedIn è una piazza virtuale dove fare affari. Quindi, LinkedIn può essere utilizzato anche a favore della tua azienda. Anzi! Chi oggi matura una professionalità orientata al marketing su un network importante come Linkedin può fare davvero la differenza per l’azienda nella quale lavora e in questo modo non solo può conservare il posto di lavoro ma anzi può diventare una risorsa indispensabile.

Importante è comunque approcciare la piattaforma in modo professionale. E’ importante capire che il semplice essere un membro di LinkedIn farà ben poco per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi di carriera e quelli della tua azienda. Questo strumento, come anche gli altri social network richiede competenze specifiche. Uno sforzo in termini di precise azioni per costruire relazioni, aumentare la tua visibilità, e cercare nuove opportunità.

Una risorsa utile

Ebook LinkedIn Marketing

Vuoi saperne di più delle opportunità di marketing su LinkedIn ?

Linkedin Marketing ti insegnerà come ottenere il massimo da Linkedin: costruire il tuo Brand, trovare nuove opportunità, trovare nuovi contatti commerciali e padroneggiare il tuo mercato con LinkedIn.

Questo articolo è stato scritto da: Luciano Cassese

Perché Hai Bisogno di Essere Presente su LinkedIn?

Mi presento: Mi chiamo Luciano Cassese.
Sono un Formatore e un Self Marketing Coach.

Significa che per vivere organizzo corsi di formazione e mi occupo di consulenza marketing. Le mie aree di competenza sono la comunicazione, il marketing, la vendita, Il marketing con i social network, e l’internet marketing. Insomma tutto quello che può aiutare le persone a raggiungere obiettivi sempre più elevati, aumentando il loro giro d’affari. In altre parole aiuto le persone ad ottenere di più vendendosi meglio con un marketing a basso costo.

Quando parlo di Self Marketing intendo il marketing e la pubblicità a basso costo che può realizzare chiunque da se e per sè. Dipendenti in carriera, manager, freelance, professionisti , lavoratori autonomi e piccole imprese sono i miei clienti tipo.

Aspetta! C'è dell'altro!

  • Per il momento non ci sono post correlati.

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

9 Commenti

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. mauro bertuzzi ha detto:

    mi piace come luciano spiega linkedin nel suo ebook che ho acquistato.non sono un azienda, un imprenditore, ma soltanto un operaio di 47 anni da due anni disoccupato che si vuole rimettere in gioco! sono in un mlm, e credo proprio che linkedin faccia al caso mio. cosa ne pensate? consiglio vivamente a tutti di acquistare l’ebook di luciano cassanese linkedinmarketing

    Rispondi
  2. ENRSIGN ha detto:

    Un post davvero utile, soprattutto per chi, come me, svolga un’attività precaria ed è costretto a tenere sembre le orecchie tese verso il mondo del lavoro. Grazie ad entrambi!

    Rispondi
  3. Pupixel ha detto:

    Molto utile anche a me che sono freelancer

    Rispondi
  4. Monica Marzo ha detto:

    Si confermo, un network molto utile, se si sanno sfruttare le sue potenzialità. Io sono stata contattata più di una volta per consulenze e collaborazioni! Bel post!

    Rispondi
  5. [...] Perché Hai Bisogno di Essere Presente su LinkedIn? Questo è un guest post di Luciano Cassese, formatore professionista che già da parecchio tempo si dedica allo spiegare alle persone perché l'avere un'adeguata presenza … Source: francescogavello.it [...]

    Rispondi
  6. Matteo ha detto:

    Dal modo in cui è stato steso l’articolo sembra di leggere una di quelle email illusorie di marketing piramidale…!

    A me non ha convinto!

    Rispondi
  7. [...] minore rispetto ad altri social. In merito a questo argomento, permettetemi di suggerirvi questo articolo a firma di Francesco Gavello, che ho trovato ricco di spunti.Dicevamo di LinkedIn. Più modesta, a [...]

    Rispondi
  8. Paolo Dell'Aguzzo ha detto:

    Ciao! E’ stato bello imbattersi per puro caso in questo articolo perché mi ero dimenticato che nel 2011, quando l’articolo è stato scritto, le persone avevano effettivamente paura di iscriversi su LinkedIn se già avevano un’occupazione!

    Molto bello anche pensare a come le dinamiche del lavoro stiano cambiando in maniera estremamente rapida rispetto a quello che ha vissuto la storia nei secoli precedenti.

    Non so se leggerai ancora i commenti a questo articolo, ma se ti va anche io ho scritto un post di recente nei riguardi di LinkedIn :)

    https://www.paolodellaguzzo.com/blog/2017/08/03/linkedin-come-avere-un-profilo-di-successo/

    Buon Weekend :)

    Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!