Gli Errori più Comuni di un Blog

Errare è umano, ma i popup e i testi in fuxia proprio no

pubblicato da Francesco Gavello [+] il 08 novembre 2012 | 11 Commenti in: Blogging Tips

Colori sparati, pop-up e logiche di monetizzazione a tutto spiano. Alcuni blog soffrono ancora oggi di problemi di comunicazione facilmente risolvibili. Ti presento un guest post di Christian “Krikko” Salerno. Buona lettura! :)

In questo articolo, cercherò di elencare in maniera chiara e semplice, quali sono gli errori più comuni da evitare che si trovano spesso nei blog in rete.

Per un lettore, navigare su di un blog deve essere un piacere e non una tortura. In base a come si sarà trovato deciderà se memorizzare il tuo sito fra i preferiti (e quindi ritornare) oppure metterlo nel dimenticatoio.

Lo scopo di ogni blogger, dal mio punto di vista, è quello di cercare di avere il maggior numero di follower sul proprio blog, in modo tale da poter comunicare con più persone possibili. Il Blog aumenta di importanza in base al numero di utenti che si collegano quotidianamente per leggere le news.

In pratica stiamo dicendo che più un blog è trafficato e più ha valore. Più ha valore e più questo può diventare un progetto che può aprire diverse strade. Non dico che è possibile “campare” con un Blog, dato che in Italia di casi come questi si contano sulle dita di una mano, ma il Blog può diventare sicuramente uno strumento in grado di darci un reddito extra.

Ecco come rendere il nostro blog serio e professionale, evitando tutti quegli errori che possono rendere all’apparenza il nostro, un blog amatoriale.

1. Evita Colori Sgargianti

Il mio consiglio è quello di evitare colori troppi accesi, sia all’interno degli articoli del blog, sia come Background.

Hai mai provato a leggere un articolo su di un sito con lo sfondo fuxia? Spero di no, perché è un’esperienza traumatica. Niente colori troppo accesi, e niente cambio di colore nel testo ogni 2 secondi. Il testo può essere al massimo di 3 colori

  • Nero (colore predefinito di scrittura);
  • Blu (per i link, o di qualche altro colore in tema coi colori del tuo blog);
  • Rosso (per sottolineare alcune parole essenziali, solo se necessario).

Dopodiché esiste il grassetto per dare risalto alle parole, non c’è bisogno di utilizzare troppi colori che rendono il nostro blog molto amatoriale.

Evita anche lo sfondo nero degli articoli, perché questo ti obbliga a scrivere poi utilizzando il bianco, e anche questo non crea un buon risultato.

Il nostro scopo è quello di rendere l’esperienza sul nostro blog migliore, non dobbiamo far innervosire il lettore con questi errori banali. Per riassumere: lo sfondo dell’articolo deve essere bianco o giallo chiaro, e i colori del testo devono essere al massimo tre.

2. Evita le Pubblicità Invasive

C’è una regola che devi sapere: non è mettendo più pubblicità sul tuo blog che guadagnerai di più.

Anzi, più la pubblicità è rara e più questa attira attenzione e avrai possibilità di ricevere click.

Non iscriverti perciò a quelle campagne pubblicitarie troppo invasive. Per esempio vedo tutt’oggi dei blog che fanno comparire un pop-up pubblicitario ogni qual volta che entri in homepage, e non c’è modo di chiudere quella pubblicità se non facendo click (che di conseguenza apre un’altra finestra pubblicitaria).

Una pubblicità per post è più che sufficiente a mio avviso.

Non ingannare inoltre il lettore, mischiando i contenuti del blog con le pubblicità. E’ vero, potrai ricevere qualche click in più, ma perderai la sua fiducia che… vale molto di più di 10 cent!

3. Evita Di Voler Diventare Milionario

La maggior parte di noi ha costruito un blog sia per passione, ma anche perché ha intravisto in questo, la possibilità di guadagnare un reddito extra. L’idea del guadagnare con un blog appartiene un po’ a tutti noi blogger.

L’errore più comune però è quello di fare tutto in funzione del guadagno. E’ una buona cosa avere un piano d’azione da seguire, ma è sbagliato a mio avviso concentrarsi sin da subito sul guadagno.

Reputo che un blog ha bisogno di un anno circa per farsi conoscere, svilupparsi e iniziare ad essere ben indicizzato. Solo a quel punto si può iniziare ad adottare una strategia, anche in base alle esigenze degli utenti.

Se invece si parte subito pensando al guadagno, è possibile che non si ottengono gli stessi risultati, perché alcune scelte potrebbero essere troppo precipitose. Non c’è fretta per guadagnare e non bisogna mai essere scontati.

Adsense va bene, ma sei sicuro che sia la soluzione migliore per il tuo blog? Guardati attorno, hai infinite possibilità di guadagno…sfrutta la migliore!

Per riassumere questo paragrafo:

  • Occupati della qualità e poi del guadagno.
  • Considera le varie opportunità di monetizzazione e adotta quella su misura per te.
  • Non creare un “blog doppione” ma cerca di essere originale. In rete ormai c’è quasi di tutto… sforzati per trovare la tua identità!

Quale tra questi errori consideri il più penalizzante?
Ti sei ritrovato in uno o più di essi? E nel caso, come hai risolto?

Questo articolo è stato scritto da: Christian Salerno

Gli Errori più Comuni di un Blog

Krikko è un blogger professionista da due anni. Ha iniziato la sua strada alcuni anni fa col Blog "Pianosolo" dedicato alla musica, ora diventato un punto di riferimento per molti e che conta 4.500 visite al giorno.

Contemporaneamente aprì Guadagno col Blog, nel quale racconta tutte le sue esperienze accumulate sul mondo del blog (tutt'ora aggiornato). Ha avuto il piacere di collaborare con Nicola Bertrami, Carlo D'angiò e Flavio Carretti.

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

11 Commenti

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. Emilio ha detto:

    Ottimi consigli, penso che un buon metodo di monetizzazione sia far diventar il blog una propaggine della propria attività professionale, in modo da procurarsi lavori grazie ai contatti che ci si creai. Non è quello che qui fai anche tu Franceco?

    Rispondi
    • Francesco Gavello ha detto:

      Ciao Emilio,
      assolutamente sì. Dal mio punto di vista poche sponsorizzazioni (ma buone) di materiale o software su cui ho potuto mettere direttamente le mani e tutto il resto virato al costruire fiducia nei confronti del bloggante. :)

      Rispondi
  2. Federico ha detto:

    E’ tutto verissimo. Soprattuto la parte relativa al guadagno: tutti quei blog che promettono metodi sicuri per guadagnare online cominciano a starmi sui nervi. Fanno perdere tempo a un sacco di gente , contribuiscono ad aumentare il numero di “spazzatura” online.

    Ormai siamo in troppi, se si vuole guadagnare bisogna essere creativi, rischiare, guadagnarsi la fiducia dei lettori a lungo termine. I soldi facili non sono più per il web, e forse questo è un bene..

    Rispondi
    • Krikko ha detto:

      Grazie Federico. Come hai bene detto “siamo in troppi”, ora c’è bisogno di essere creativi ed unici per riuscire ad avere visibilità nel mondo online e più nello specifico in questa nicchia ;)

      Rispondi
  3. Roberto Iacono ha detto:

    Grande Krikko, ottimo post!
    Il punto 3 è il più difficile da accettare ma è anche il punto essenziale, prima bisogna oensare ai contenuti, poi, dopo un bel po’ di tempo e di fatica, si può pensare di monetizzare il blog. Adsense va bene nel momento in cui vuoi avere una mini rendita, ma le affiliazioni sono le migliori in termini di risultati (se utilizzate propriamente), e dal tuo blog (e i tuoi ebook) c’è molto da imparare riguardo questo argomento.

    Da evitare assolutamente come la peste anche le pubblicità pop-up, odiose! Per commettere meno errori possibili, bisognerebbe impersonificarsi nell’utente e tralasciare un attimo “il guadagno”… Mi piacerebbe essere bombardato di pubblicità? Non credo proprio…

    Complimenti a Krikko e Francesco :)

    Rispondi
    • Krikko ha detto:

      Grazie mille Roberto! Lo so che tu sei “uno dei nostri” e anche tu la pensi così, e infatti dal tuo blog tutto questo è molto visibile! :)

      Sono questi i principi per poter portare avanti un blog con serietà ed onestà! ;-)

      Rispondi
  4. La Otti ha detto:

    Ciao ragazzi!!!
    Sono Ottavia,ho un mio blog da una decina di giorni,blog che tratta di me e le mie sciocchezze e che,non so a chi interessino,ma riceve circa 2000 visualizzazioni il giorno!
    Non ho ancora messo i banner,vorrei però metterli,sono un po’ imbranata e non so cosa fare!Posso chiedere a voi un consiglio?quale mi conviene mettere?
    Grazie!!!

    Rispondi
  5. El Clandestino ha detto:

    I 3 consigli sembrano totalmente inutili in quanto scontati -_-’

    Rispondi
  6. Beatrice calamari ha detto:

    Grazie per i consigli. Ho aperto alcuni blog e in tutti mi compare pubblicita’. Forse ho attivato involontariamente le pubblicazioni. Sai dirmi cosa ho combinato? Grazie!,,,

    Rispondi
  7. Davide ha detto:

    Salve Francesco seguo spesso il tuo blog e altrettanto spesso ne ho tratto ispirazione, oggi poi ho scoperto questo articolo e fatto la conoscenza di Kikko il cui video tratta argomenti che non direi per nulla scontati visti i troppi siti/blog che presentano gli errori menzionati (vedi enorme pop up che si apre impedendoti di proseguire; in questi casi scappo a gambe levate e cerco di dimenticarmene il nome). Sto da pochissimi giorni lavorando al mio blog e mi farebbe davvero piacere un vostro parere in merito alla scelta dei colori e dell’impostazione di base. C’è ancora molto da fare ma partire bene sarebbe già un vantaggio. Spero di poter contare su una vostra opinione.
    Grazie.

    Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!