Mi Stai Leggendo in Google Reader?

Really Simple Syndacation

scritto da Francesco Gavello [+] il 19 marzo 2013 | 8 Commenti in: Lavorare con i feed RSS

Alternative a Google Reader

Insomma, la notiziona che ha lasciato di stucco un po’ tutti è che Google abbia deciso di staccare la spina a Google Reader.

Per molti (me compreso), Reader era diventato un ottimo strumento per organizzare in maniera efficiente decine di fonti da cui prendere ispirazione. Per cercare attraverso di esse temi ricorrenti senza avere a che fare con l’impiccio di un layout.

Era parte di quel flusso di lavoro quotidiano diviso tra social media e newsletter.
E invece, a luglio dovremo dirgli addio.

In senso più ampio, Google non è affatto nuova ad azioni di questo genere. Al grido di “pulizie di primavera”, periodicamente falcia strumenti più o meno usati e più o meno remunerativi. Questa volta è toccato a un servizio effettivamente malconcio da anni, continuamente depredato di funzioni in favore del pupillo Plus.

Ma davvero così in declino?
Davvero così out, rispetto a un Latitude qualsiasi?

Forse simbolo di un’eredità oramai scomoda, viene malignamente da pensare, che ancora vedeva negli RSS un approccio per risparmiare tempo ed essere produttivi (davvero) nel fruire informazioni in rete.

Organizzare prima, in maniera certosina, per guadagnare tempo poi. Semplice. Ma esattamente il contrario di quanto serva oggi a Google Plus, social network continuamente affamato di utenti che vi spendano sopra più tempo. Tanto più tempo.

Due aspetti.

  • Se Reader chiude, FeedBurner non sta poi tanto bene
  • La tecnologia che possediamo non è davvero nostra

Google sta uccidendo gli RSS, tuona TechCrunch, e mentre persino DIGG si sveglia dal letargo per comunicare di avere un’asso nella manica, un dubbio effettivamente sorge.

Mentre 500.000 utenti migrano da Reader a Feedly, ti ricordi di come gli RSS abbiano goduto nel tempo, perlomeno in casa Google, di considerazione pressoché nulla.

Di alternative, dal Feedly di turno, passando per The Old Reader sino a soluzioni completamente gestite in proprio, certamente ne esistono.

E sotto sotto speri anche che con l’uscita di scena di Reader si possa, stranamente, tirare una boccata di aria fresca dando spazio a nuovi giocatori in grado di preservare, se non gli RSS in sè, perlomeno l’idea di fondo: avere un posto, un luogo, uno strumento dove accorpare contenuti per noi rilevanti. Filtrando tutto il resto.

Perché per una cosa così, i social proprio non vanno bene.

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

8 Commenti

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. alberico schiappa ha detto:

    A me dispiace della chiusura di Reader perche’ ormai mi ci sono affezionato … uso Google Reader perche’ estremamente semplice e pratico per leggere cio’ che mi interessa con fonti che seleziono solo io.

    Sono passato a Feedly (per ora) che e’ piu’ corposo di feature ma anche piu’ pesante sia come app che graficamente (uso abitualmente dallo smartphone) e comunque mi sembra un bel prodotto ..

    Sull’evoluzione degli RSS non saprei, i social come accennato sono troppo dispersivi, sinceramente non credo, anzi, spero che il sistema RSS non muoia perche’ altrimenti saremo in balia di strumenti che ci dicono cosa leggere …

    Rispondi
  2. Merlinox ha detto:

    Amico io sto disperatamente cercando un feed reader in grado di aggregare feed in cartelle e mettere a disposizione un feed aggregato. Inoltre, necessito anche dell’import OPML.
    Visto qualcosa di simile?

    Rispondi
  3. Palino ha detto:

    Appena passato a Feedly, mi sembra molto carino e utile

    Rispondi
  4. Antonello ha detto:

    Ho letto il tuo ebook, utile e interessante, anche se mirato per utenti WordPress, io uso Joomla.
    Credo proprio che seguitò qualcuno dei tuoi consigli. Ovviamente non ho ads sul mio blog e nemmeno mi interessa, per quei pochi visitatori che ho ;-) va bene così.
    Mentre la chiusura di Google Reader è un bel problema. NewsBlur è bello ma a pagamento.
    Gli altri (Feedly e company) necessitano ancora del logon al tuo account di Google per accedere alle proprie iscrizioni. Ma cosa succederà quando il Reader chiude? Tiene buone le nostre sottoscrizioni?
    Spero di si.
    Ciao e grazie

    Rispondi
  5. PiccoloSocrate ha detto:

    Sarà, ma per chi ha poco tempo GReader era perfetto.
    Perchè chiuderlo?
    Non possono solo smettere di aggiornarlo?

    Rispondi
  6. […] L’eredità di Google Reader – via Francesco Gavello […]

    Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!