Donazioni e Advertising Possono Coesistere?

Money honey

scritto da Francesco Gavello [+] il 25 giugno 2011 | 2 Commenti in: Featured | Welcome Weekend

Marco chiede:

Parlando di monetizzare attraverso un blog, secondo te è possibile far coesistere le donazioni via Paypal a fianco di eventuali banner pubblicitari? Oppure in un certo qual modo un’opzione esclude l’altra (dal momento che il visitatore potrebbe giustamente dirti “Vuoi le mie donazioni, ma vieni anche pagato dagli advertiser?”)

Credo che le donazioni possano coesistere con diversi modelli di advertising, anche se in condizioni molto precise. Non piazziamo solo un semplice bottone Paypal gettato alla meno peggio ma definiamo un progetto a cui i lettori possano partecipare e sostenere.

Presentiamo la “visione più ampia” a cui i lettori possano contribuire tanto diventando advertiser quanto inviando una piccola somma di denaro al blog stesso. E forniamo feedback, stato di avanzamento, descrizioni accurate di dove finiranno le donazioni di cui sopra.

Non so quanto abbiano mai funzionato cose come “comprami una birra” sommerse da AdSense e link a pagamento, ma se davvero si vuol fare la differenza e convincere le persone a mettere mano alla carta di credito le si dovrebbe elevare su un piedistallo e dare il giusto riconoscimento al loro impegno. Cercare soprattutto di non mettere in diretta competizione i due meccanismi ma di farli percepire come strumenti per lo stesso scopo.

E tu, che ne pensi?
Donazioni e spazi pubblicitari possono ancora coesistere?
O siamo ormai oltre logiche di questo tipo?

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

2 Commenti

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. Gregorio ha detto:

    In Italia le donazioni non hanno mai funzionato, forse in Anglosassonia, o dai tedeschi.
    Magari se uno ha un blog internazionale può anche farci una riflessione, ma se è italico meglio che ci pensi 2 volte

    Rispondi
  2. Sergio ha detto:

    Io sono del parare che tutto necessita di un equlibrio nella vita.

    La possibilita’ di Donare secondo me e’ in molti blog veramente meritevoli e’ spesso sottovalutata.

    Piu’ volte mi e’ capitato di leggere decine di articoli di un blogger VERAMENTE BEN FATTI e UTILI e voler in qualche modo ripagare (principio di reciprocita’)

    Certo si puo’ spargere la voce del blogger,linkarlo dai nostri blog ma questo in certi contesti secondo me e’ poco.

    Comunque “L’offrimi una birra” come slogan (che compare per esempio in alcuni Plugin in di wordpress e’ veramente poco persuasivo…

    1) Quindi io sono a favore della pubblicita’ UTILE purche’ circoscritta e inserita in maniera armoniosa nel contesto dell’articolo ( e su Questo anche il Panda update dovrebbe essere d’accordo) Diciamo un 20 % max 25 % del contenuto.(che deve essere tale,no solo fuffa:)

    2) Sono del parare che andrfebbe creato un progetto alternativo di sostenibitlia’ con le donazionli PAYPAL in diversi siti che hanno al lroo interne vere perle di contenuto e trazsmettono info verament eimportanti per chi le legge.

    Comunque inserirei io la cifra da donare (da 1 a 3 euro) che in blog con ALMENO 500 affezionati lettori (attenzione,non utenti ma LETTORI ASSIDUI e iscritti alle liste per esempio) calcolando un rate del 5 % (basso e pessimistico) sono almeno 25 euro al giorno.(Lordi)

    Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!