Non Avere Paura di Dividere le Opinioni di Chi ti Legge

Ovvero: cosa Myst (il videogioco) mi ha insegnato riguardo al blogging

scritto da Francesco Gavello [+] il 13 gennaio 2010 | 12 Commenti in: Blogging Tips

myst-island

È l’anno 1993 e sugli scaffali dei negozi di videogiochi di tutto il mondo sta per fare la sua comparsa un prodotto nuovo.

Il suo nome è Myst. È un’avventura grafica.

Myst, edito da Cyan Software (poi Cyan Worlds), ha una particolarità: non condivide pressoché nulla con le meccaniche degli altri videogame di successo di quei tempi.

Questi sono gli anni del primo processore Pentium, i monitor sono piccoli come francobolli e la rete pressoché inesistente. Ciò che va per la maggiore (soprattutto tra il ’94 e il ’96) sono i cosiddetti First Person Shooter (FPS) di ID Software: Heretic, Hexen, Quake. Con le loro arene sanguinarie presenteranno i primi vagiti di gaming online.

Poco dettaglio e tanta frenesia dominano insomma un mercato in piena espansione.

Myst, coraggiosamente, non è niente di tutto ciò.

Myst è un gioco strano, si direbbe. Le stesse possibilità di interazione con l’ambiente simulato appaiono a prima vista uno schiaffo al buon senso.

Arrivato su di una nebbiosa isola -da cui il titolo- non si sa bene come, il personaggio che interpretiamo -”Lo Straniero”- è appunto senza nome e non parlerà per tutta la durata del gioco. Né potrà portare con sé un inventario o incontrare persona in carne e ossa. Non potrà morire in alcun modo o raccontarci qualcosa del suo passato.

Niente di tutto ciò.

A dire il vero, tutto quello che il giocatore potrà fare sarà muoversi per l’isola (e tra le isole) e interagire con i complessi macchinari presenti.

Sul lato tecnico, Myst diventò il precursore di quelle che sarebbero poi state definite “avventure grafiche a diapositive”. L’interazione con l’ambiente non era dunque mossa da un qualche engine 3D in grado di riprodurre gli spostamenti del giocatore in maniera coerente, me era sapientemente affidata ad una tonnellata di rendering statici visualizzati uno in seguito all’altro come neanche le fotografie delle vacanze estive sanno fare.

Potresti mai credere che un simile titolo sia riuscito ad essere per quasi una decina di anni il titolo più venduto al mondo? :D

Un successo di vendite eguagliato solo da The Sims (Will Wright, Electronic Arts) nel 2002 e in grado di dirci molto su cosa definisca esattamente un prodotto di successo.

Tutti e nessuno

Vedi, Myst non cercava affatto di essere accondiscendente con tutti i possibili videogiocatori.

Myst era duro, chiuso a riccio, evocativo e per molti versi limitante. Si schierava contro la pochezza grafica degli allora ambitissimi motori 3D proponendo rendering maniacali e musiche da pelle d’oca. Proponeva un gameplay che non cercava di coprire tutti gli aspetti già visti in altre avventure grafiche da Maniac Mansion in avanti, ma che coraggiosamente eliminava tutto il superfluo immergendo coloro che fossero “stati ai patti” in un mondo onirico e assolutamente carismatico.

Rand e Robin Miller, ideatori, programmatori e interpreti in prima persona di questa perla videoludica, non avevano insomma nessuna intenzione di creare un prodotto che potesse acchiappare il consenso della massa.

Avevano anzi chiara in mente l’idea di aver sviluppato un prodotto di quelli che “si amano o si odiano”.

Dove voglio arrivare?

Emozioni

Un prodotto è davvero vincente quando le persone si sentono coinvolte in esso in maniera netta, forte. Quando questo spezza in due le opinioni a riguardo. La gente può adorarlo con tutta se stessa o urlare a squarciagola quanto faccia schifo. Ma in nessun caso è in grado di rimanere neutrale riguardo ad esso.

E i blog non esulano da questa meccanica.

Prendi Perez Hilton, Jeremy Shoemaker, persino John Chow. Non sono certo quelli che si possono definire “blogger per tutti i gusti” e in molti casi suscitano reazioni diametralmente opposte.

Le loro pagine sono a dir poco sature di uno stile personale e carismatico che si riflette in ogni pixel. Impongono (più o meno volontariamente) sin da subito una scelta verso i lettori. Qualcosa del tipo “Questo è ciò che sono e non scenderò a compromessi. Se non ti piace, esistono mille altri blog che puoi leggere”. Suscitano emozioni. Ti chiedono insomma da che parte della barricata intendi stare.

Questi ragazzi hanno scartato da tempo l’idea che per creare un qualcosa di successo dovessero mediare ai gusti dei molti possibili lettori per trovare un qualche tipo di (mediocre) equilibrio.

L’effetto Myst

Dunque osa. Sperimenta. Non avere paura di combinare un gran casino.

Perché è proprio dopo aver mischiato le carte in tavola che scopri qual’è la tua vera strada. Che scopri come un taglio molto più netto alle tua pagine non ti porterà via possibili lettori ma anzi ne condurrà a te di nuovi. Di certo, molti di più di quanto non farebbe il rimanere immobile nel tuo precario equilibrio con la paura di rovinare tutto al minimo accenno di cambiamento.

Insomma, non cercare di adattarti a tutto e a tutti, perché finirai presto nella mediocrità del voler accontentare (poco e male) ogni singola persona che decide di leggerti.

E quando sei tentato di farlo, ricordati di Myst: gli amanti degli FPS lo odiavano, gli eredi delle avventure grafiche vecchio stile lo osannavano.

Myst divideva in due le opinioni di chiunque ne fosse entrato in contatto. Non cercava certo di raggiungere il successo coprendo il 100% della nicchia (allora molto più piccola di quella attuale) di coloro che imbracciassero mouse e tastiera. Né i suoi autori erano ansiosi di accontentare un po’ tutti piazzando un rocket louncher nelle mani dello “straniero” di cui si prendevano le parti.

Qualcuno direbbe “i soldi stanno nelle nicchie”.
E forse sarebbe solo un altro modo di affrontare la questione. ;)

E tu, non starai mica cercando di spalmare il tuo blog su troppi fronti, cercando di accontentare un po’ tutti? Cosa stai facendo per dividere le opinioni dei tuoi lettori? :D

immagine: Cyan Worlds

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

12 Commenti

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. Giacomo ha detto:

    Ad accontentare tutti si rischia di non concludere niente di buono.

    Inoltre credo che non bisogna decidere “quanti soldi guadagnare” ma prima di tutto “cosa ci piace fare”. Prima di iniziare a scrivere sul mio blog mi sono posto degli obiettivi cercando anche di essere originale e diverso. Magari non sarò popolare come i blog “geek” ma quello che faccio mi piace e credo sia questo quello che conta! Ma forse nel mio caso non c’entra la divisione drastica delle opinioni…

    Da questo videogioco possiamo imparare che se si ha un progetto chiaro e ben definito bisogna portarlo avanti senza fermarsi a pensare ai guadagni o se sarà popolare. Infatti sono proprio le opinioni “forti” che faranno conoscere al mondo il proprio progetto.

    Spesso si preferisce la pubblicità negativa al silenzio, no?!

    Rispondi
  2. Francesco Gavello ha detto:

    Certo si deve stare attenti a quando la pubblicità negativa supera quella positiva :D ma l’idea è quella!

    Rispondi
  3. Lorenzo ha detto:

    Beh credo che sia giusto quel che dici riguardo al fatto che non si possa accontentare nessuno, sia nella vita che sul blog: le proprie scelte, gli argomenti di cui trattare, sono decisamente sempre un tira dentro/tira fuori qualcuno, è normale che sia così.

    Non mi piace però il fatto che qua si parla sempre e solo di ciò che “attrae” ovvero prendi sempre ad esempio situazioni “che hanno fatto o fanno successo”, oppure “che fanno soldi o li hanno fatti”. Insomma, sembra a volte che tu non stia facendo come Myst bensì giri il violino verso ciò che può portare visitatori e dunque qualche soldino per te, a prescindere dall’argomento. Cioè non ti interessa qualche argomento e non lo tratti se non è remunerabile, sia come visite che come soldi.

    Condivido il pensiero di Giacomo: meglio fare ciò che piace. Probabilmente è così che hanno fatto con Myst. Avevano un’idea che a loro piaceva e l’hanno realizzata. Se piaceva a loro, e magari gli piaceva tanto, hanno scommesso sul fatto che potesse piacere anche ad altri. Ed hanno vinto la loro scommessa.

    Insomma, non stai forse facendo il contrario di quel che hanno fatto quelli di Myst? :)

    Rispondi
  4. Francesco Gavello ha detto:

    Beh, non credo :)

    Mi piace bloggare, la blogosfera e tutte le sue dinamiche ed è solo questo che condiziona i miei articoli. Non vedo come potrei quindi scrivere di blogging in tutte le sue sfumature senza toccare argomenti più o meno attraenti e che potrebbero, e in gran parte effettivamente poi lo sono, monetizzabili e “in voga”. :P

    I casi “che fanno successo” indicati lassù in alto peraltro hanno valore solo se si vede la questione in termini di obiettivi di business, senza togliere assolutamente nulla a tutti gli altri blogger sulla blogopalla che forse senza sogni di gloria e ricchezza parlano di qualcosa di estremamente settoriale tagliando con l’accetta i loro possibili lettori (e ottenendo, perché no?, ottimi risultati).

    Rispondi
  5. Andrea Moro ha detto:

    Direi che ci manca un pezzo qua “….a di rendering statici visualizzati uno in seguito all’altro come neanche le fotografie delle vacanze estive …. sanno fare”.

    Bel post cmq.

    Rispondi
  6. Ivan ha detto:

    Devo dire che a me come gioco non piaceva, anche se andava riconosciuto un notevole lavoro di grafica, game player e trama. C’è da dire per contro che non abbia avuto grandissimo seguito. Io non sputerei sul concetto di “massa” e solo un altro modo di guadagnare se vendo grandi quantitativi a basso costo guadagno lo stesso.
    La verità è che per inizia e meglio vendere poco ad alto valore.

    Rispondi
  7. Enrico Giubertoni ha detto:

    Posso dirti una cosa?
    è uno dei migliori post che ho letto negli ultimi 6 mesi. Mi hai veramente colpito: hai scritto un pezzo non solamente molto vero, ma anche bello dal leggere.

    Per chi come me è stato un giocatore di quell’epoca, evocare quei videogiochi come metafora di uno stile di scrittura, mi ha colpito e spiazzato.

    Grazie per averlo scritto
    Enrico

    Rispondi
  8. Social comments and analytics for this post…

    This post was mentioned on Twitter by feedrssalessio: Non Avere Paura di Dividere le Opinioni di Chi ti Legge http://ff.im/-eeKDP

    Rispondi
  9. Economia blog ha detto:

    Myst è il gioco dei sogni che non ho mai giocato per mancanza di elementi necessari: un pc :)
    Insieme a lui c’era Monkey Island (ancora antecedente) che per fortuna ho giocato per la prima volta neanche 6 mesi fa. Che effetto fa Myst giocato oggi ? Si riesce ad immergersi nell’atmosfera o la mancanza di adeguata grafica e’ penalizzante ?

    Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!