Cosa Condiziona La Crescita del PageRank?

(se ancora lo si può considerare un valore di riferimento)

scritto da Francesco Gavello [+] il 29 gennaio 2011 | 31 Commenti in: Search Engine Optimization

Luca chiede:

Siamo da poco saliti di un punto sul page rank, da 2 a 3. Io mi sono spiegato la cosa in due modi:

1. Massiccio uso di Facebook e Twitter nell’ultimo mese e quindi leggero incremento di visite e link, oppure 2. Abbiamo inserito gli (inutili) AdSense di google.

La mia domanda è: secondo te la seconda cosa quanto influisce sulla crescita del PR?

Non mi sembra del tutto illogico che Google quando deve dare un valore al tuo spazio web per vendere i propri AdSense tenda a sopravvalutare il sito o almeno a dargli un’attenzione particolare, anche per far pagare di più l’inserzione.

Altra spiegazione: nel giro di una settimana il calcolo dei link al nostro sito è passato da 7 a 20000: che google abbia aggiornato i dati proprio in virtù della precedente spiegazione?

Se dovessi identificare un aspetto in grado di smuovere il (bistrattato, ultimamente) PageRank punterei il dito verso i link in ingresso da parte di Facebook e Twitter. E, suppongo, a una potenziale visibilità riflessa fatta di link nei blogroll e in qualche citazione forse sfuggita al tracciamento da parte di nuovi blog verso il tuo sito.

Difficile -e per quanto ne so non documentata- una correlazione tra l’inserimento di AdSense e l’aumento del PR. Difficile anche mettere in relazione una certa “spinta” di Google nel PR dei siti ospitanti i banner del proprio network solo per aumentare i ricavi. Tutto ciò andrebbe semplicemente contro la logica “l’utente prima di tutto” che Page & co. ci hanno abituato a considerare come primo mantra di Google.

Tu che ne pensi?

Quali valori hai rilevato nel tempo in grado di far aumentare il PR?
Per te, insomma, com’è andata?

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

31 Commenti

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. stefano ha detto:

    Secondo me è dovuto al lavoro che stai facendo su twitter, da quel poco che ne capisco io da moolto aiuto….

    Rispondi
  2. Marco ha detto:

    Se c’è una cosa che ho imparato, dopo aver rincorso il PageRank con ogni mezzo lecito (ma soprattutto illeciti) per 10 anni, è che oggi Il PageRank non ha niente a che vedere con l’autorità di una pagina su un certo argomento, la popolarità, la reputazione sui social media e soprattutto ben poco anche con il ranking sui risultati delle ricerche. Il PR dipende esclusivamente della topologia della rete di link che puntano alla pagina. E’ uno dei tanti ‘segnali’ che gli algoritmi dei motori utilizzano nella valutazione del ranking, valorizzandoli secondo schemi imperscrutabili e molto variabili da momento a momento; inoltre il PageRank che viene visualizzato sulla barra di Google è una specie di giocattolo che dovrebbe indicare la stima logaritimca del PR reale. Sono tutti e due effetti indotti, di cause ben più importanti. Come giustamente supponi, il numero di follower (e la loro reputazione) su Twitter sono una probabile causa (lo stesso vale per i ‘Mi piace’ di Facebook) della crescita del PR, ma è solo un effetto indiretto. Da circa un mese sappiamo ufficialmente, che la presenza e la reputazione sui social media sono entrate a far parte del criterio di ranking di Google e Bing. I retweet, i ‘mi piace’ ed i commenti nei blog saranno i nuovi link. Ma questo migliora la tua posizione sui risultati delle ricerche e la qualità del traffico, non direttamente il PR. Quello cresce come effetto secondario della tua notorietà e autorevolezza acquisita sui Social media fra la gente, che punta volentieri un link verso il tuo sito. Si tratta un risultato reale, di cui essere fiero, perché è un voto dato da persone vere, non un numero sintetico ottenuto da una rete di mini-siti fasulli o altre tecniche come il PR sculpting. Per togliere ogni dubbio devi tracciare il profilo dei link verso il tuo sito e seguirlo nel tempo; SEOMoz mette a disposizione degli strumenti perfetti per questo scopo.

    Rispondi
  3. Gianluca ha detto:

    Non ho ancora un sito, io ti seguo da un pó tramite le tue mail, non ti clicco mai un bel nulla e mi dispiace ma per pigrizia mi limito a leggere le tue mail, sono interessanti e senza questo strumento delle newsletter probabilmente non sarei piú ritornato sul tuo blog a fare il mio primo commento qui. Ciao

    Rispondi
  4. Luca ha detto:

    Grazie Francesco di avere condiviso questo mio dubbio.
    Aggiungo un elemento a quanto hai scritto.

    E’ vero, con FB sicuramente i link al sito sono aumentati. Idem quelli di Twitter.
    Ma i retweet e i Mi piace, lo devo ammettere, sono ancora molto pochi (è solo dalle feste di Natale che ci sto giocando un bel po’.
    Altro elemento: la homepage del sito presenta ora dei post un pochino più strategici e i tweets che parlano sempre di convivenza e simili. Aumentano la densità delle keywords nella homepage, ma non si tratta di link da esterni.
    Infine, aggiungo una nota: perchè tutto ad un tratto il PR si è alzato? I link da siti e simili sono sempre gli stessi, le visite sono sicuramente cresciute moltissimo, ma non certo esponenzialmente rispetto a prima.
    Quindi il dubbio rimane… Mah! :-)

    Luca

    Rispondi
  5. Walter ha detto:

    Uno dei miei blog (che ha annunci Google AdSense e sempre gli stessi link esterni e più o meno sempre gli stessi like) è passato da PR3 a PR1 senza nessunissima spiegazione apparente (e nemmeno non-apparente). Decisamente sembra che il meccanismo sia casuale, quando non arbitrario, e cercare di capirne le motivazioni (sull’argomento ho letto centinaia di possibili spiegazioni, tipo quella di Marco, tutte diverse l’una dall’altra) mi sembra come cercare di comprendere perché Dio permetta che milioni di bambini muoiano di fame…

    Rispondi
    • Quadrrato ha detto:

      Salve @Walter
      semplicemente potrebbe essere che qualche sito con PR alto che prima ti linkava, ora non lo fa più (aggiunta dell’attributo nofollow ai link oppure link non più esistenti).
      Capita molto spesso.

      Saluti, Quadrrato

      Rispondi
    • Fabrizio ha detto:

      Ciao Walter,
      cura di più i contenuti, non pensare al PR.
      Anche perchè, come già detto in un commento in fondo a questa pagina, credo proprio che il PR sia arrivato al capolinea! Non ti sei accorto che la barretta del PR sono mesi e mesi che non si aggiorna? beh, era pure ora che succedesse!

      Rispondi
  6. Sergio ha detto:

    Sono convinto che il PageRank pubblico di Google non rappresenti più nulla: a più di 8 mesi dal lancio di un sito questo è ancora “formalmente” PR 0, ma su keyword competitive sta davanti a siti abbastanza ottimizzati con PR 4.

    In sostanza non starei tanto a guardare le fluttuazioni del PR.

    Rispondi
  7. Mamma Imperfetta ha detto:

    Ciao Francesco.
    Io il PR non lo controllo mai.
    Ho dato un’occhiata adesso e ho visto che sono passata a 5!
    Non fosse per questo post non l’avrei mai saputo. :D

    Rispondi
    • Quadrrato ha detto:

      @Mamma Imperfetta
      Complimenti!
      Pr 5 credimi che è mooooolto buono!

      Pensa io sto cercando di salire almeno ad 1 (almeno un piccolo successo personale), ma niente.

      Ritornando al bel post di Francesco, dico che per ora con le varie tecniche suggerite in giro, zero, nessun risultato.
      Da quando ho letto questo post, ho creato l’account su twitter e dato sul blog la possibilità di condividere i post tramite i maggiori social network.
      Spero di ricommentare su questo post dei buoni risultati ottenuti.
      Grazie Francesco

      Rispondi
    • GASERVIZINAPOLI ha detto:

      Mi hai dato tu questa risposta?

      Ti consiglierei di non pensare al page rank, che è oramai uno tra le migliaia di altri fattori. Pensa più che altro all’usabilità del sito, ai contenuti e alla popolarità.

      Inoltre cerca di produrre contenuti da pubblicare su altri siti specializzati, con eventuali link interni al testo. Ovviamente non più di uno o due link per testo, con non meno di 1200 caratteri. Questo è il mio consiglio.
      Ti volveo ringraziare inanzitutto.
      La mia Agenzia on line si occupa di intermediazione tra Domanda e richiesta di lavoro,partira’ con un sito nuovo a Ottobre.Ma cosa intendi con pubblicare su altri siti specializzati?
      Ci sono siti che fanno pubblicare articoli?Grazie mille

      Rispondi
  8. Luca ha detto:

    E’ vero, la maggior parte dei siti non nasce per avere un PR, ma per altri scopi! Però il PR ha effetto sulle tue inserzioni pubblicitarie, e per alcuni non è certo secondario!

    Credo poi che la maggior parte die frequentatori di questo sito ci stiano attenti, quindi in qualche modo ha un effetto sulle nsotre attività, o no?!? :-)

    Rispondi
  9. Fabrizio ha detto:

    Buongiorno,
    se possibile vorrei avere una risposta da voi visto che, da quel che vedo, sono presenti grandi esperti del SEO in questa discussione.

    Considerato che attualmente il page rank (almeno a mio parere) serve solo a farci scannare…beh, obbiettivamente a cosa serve altro??
    Io conosco siti che non hanno PR, oppure PR basso, che fanno molte ma molte più visite di chi ha un PR di 4 o addirittura 5.
    Allora ditemi: quali sono i benefici dall’avere un PR alto? avere un PR alto è indice di che cosa? che il sito è curato?

    Rispondi
  10. volantini palermo ha detto:

    @luca

    stavo visionando il tuo sito ma ho visto che ad esempio tu non fai molto utilizzo di FB.

    Nonostante tutto hai un PR3.

    Rispondi
  11. Fabrizio ha detto:

    Ciao Francesco, in assenza di Nadia scrivo io ;)
    A giudicare dal tempo che è passato dall’ultima volta che è stata aggiornata la barretta del PR, credo che la “morte” del PR sia proprio arrivata, finalmente!!
    Io credo che la barretta non verrà più aggiornata.
    Anche perchè si vede chiaramente ormai che il PR non serve a nulla. Ci sono siti web con PR 4 che fanno 1000 visite al giorno ed altri con PR 2 che ne fanno 6000.

    Vorrei solo che lo capissero tutti quei webmaster che, nel momento in cui vai a richiedere uno scambio link, pretendono pagine con PR alto e non se ne fregano poi se queste pagine sono solo un elenco interminabile di link……ma Dio santo, bisogna essere tanto esperti per capire che quelle pagine non servono a nulla???

    Rispondi
  12. Marco ha detto:

    Intendiamoci, il PageRank non è la barreta che si vede sulla Google Toolbar. Il valore reale dell’indice PageRank, è ancora un fattore di ranking, anche se la sua correlazione con la posizione nei risultati è piuttosto bassa. Molto più importanti sono i link provenienti da siti attendibili (vicini al trusted seed) e la varietà delle sorgenti di link; non tutti i link hanno lo stesso effetto
    http://www.ideawebitalia.it/seo/2749/
    http://www.ideawebitalia.it/seo/1984/
    In ogni caso per avere una indicazione certa dell’autorità di un sito, indipendente dai capricci di Google e Yahoo, si può usare la Mozbar, che fornisce gratuitamente la Page Authority ed il mozrank.
    Per un’idea di ciò che i veri esperti di SEO del mondo pensano su quali siano i più rilevanti fattori di posizionamento, consiglio a tutti l’edizione 2011 del Search Engine Ranking Factors survey: http://www.seomoz.org/article/search-ranking-factors

    Rispondi
  13. GASERVIZINAPOLI ha detto:

    Salve mi chiamo Anna ho un Agenzia di servizi on line per chi cerca del personale qualificato.E ho raggiunto in 4 mesi il page rank a 2 con le mie forze e pazienza facebook e molti annunci in giro nei siti di annunci gratuiti in tutte le citta e provincia altro che goolge adwors e asdense ci vuole pazienza!!http://www.gaservizinapoli.it

    Rispondi
  14. Nadia ha detto:

    Ciao Anna.
    Ti consiglierei di non pensare al page rank, che è oramai uno tra le migliaia di altri fattori. Pensa più che altro all’usabilità del sito, ai contenuti e alla popolarità.

    Inoltre cerca di produrre contenuti da pubblicare su altri siti specializzati, con eventuali link interni al testo. Ovviamente non più di uno o due link per testo, con non meno di 1200 caratteri. Questo è il mio consiglio.

    Rispondi
  15. Fabrizio ha detto:

    Ciao Anna.
    Rispondo alla tua domanda: si esitono siti per pubblicare articoli, basta che fai una ricerca e ne trovi a centinaia. Ovviamente se vuoi ottenere dei buoni risultati ti consiglio di scegliere i più attendibili e di attenerti scrupolosamente alle loro linee guida.

    Rispondi
    • GASERVIZINAPOLI ha detto:

      Grazie Fabbrizio e Nadia che hanno risposto in modo esauriente alla mia domanda grazie
      http://www.gaservizinapoli.it
      Certo ce ne sono si siti specializzati in giro ma visto che lo scopo della mia agenzia e fornisre personale
      volevo dei consigli su quali portali inserire gratis contenuti annunci insomma dove far conoscere lo scopo della mia agenzia ad esempio kijiji e bakeca e vivastret e subito mi hanno bannata,quindi dove?Inoltre vorrei capire il consiglio di Nadia nell specifico che intende che dovrei pensare all usabilita’ del sito ai contenuti e alla popolarita’.
      Un esempio? Grazie mille

      Rispondi
  16. Fabrizio ha detto:

    Ciao Anna.
    Non credo sia questa la sede giusta per parlare di tutto quello che vuoi sapere, è un argomento così vasto quello del posizionamento che non basterebbero 100 commenti per descriverlo…..oltretutto non mi sembra giusto nei confronti di Francesco Gavello che usa per tutt’altra cosa questo spazio. Magari registrati su http://www.giorgiotave.it/forum/ e, prima di fare domande, inizia a leggerti quello che trovi nelle varie sezioni del forum.

    In alternativa, la più valida secondo me, puoi farti seguire da Francesco Gavello, che è un ottimo consulente SEO. Solo così potrai essere sicura di avere successo. Lo so che si spendono soldi per le consulenze, però ne vale la pena, fidati!

    Rispondi
  17. Fabrizio ha detto:

    Hai fatto bene Anna, hai fatto la cosa più giusta.

    Ricordati sempre: poco investimento significa molto poco successo, molto investimento significa discreto successo.
    Credo che di esperienza ne ho un pochno più di te, e il minimo che posso fare è non farti fare gli sbagli che ho già fatto io prima di arrivare dove sono arrivato :)

    Rispondi
    • GASERVIZINAPOLI ha detto:

      Io ho mandato il messaggio a Francesco Govello ma non ha risposto mah??

      Rispondi
    • GASERVIZINAPOLI ha detto:

      Fabbrizio ma tu scusa se ti do del tu
      come hai fatto?Io da parte mia gia faccio article marketing e da giugno a ora ho pagerank a 2 invece la persona che mi sta realizzando il sito ex novo sta a 3 comunque sembra che questo non conti mi sono registrata non so una trenitina di directory dmaz etc google adword non credo serva a tanto…ma tu come e’ che hai fatto?Ho creato gratis dei blog inserzioni quadi 3000 nei maggiori portali ma non si muove una foglia non posso poi investire tanto anche perche’ purtroppo i risultati come posizionamento clienti etc non e’ certo nessuno e nessuno puo darlo per certo.Spero che il rpgrammatore abbia solo la professionalita’ di ottimizzare bene il portale nuovo senno tutto cio’ che si fara’ e inutile.Non sono propio una sprovveduta ho dovuto forse come te imparare a mie spese.Il mio attuale sito e’ http://www.gaservizinapoli.it fatto mailssimo da un certo giovanni sodano
      per risprmiare ho avuto questo pacco!!

      Rispondi
  18. Fabrizio ha detto:

    Ciao Anna.
    Devi pensare che per la maggior parte delle persone il venerdì è l’ultimo giorno di lavoro. Non si può pretendere di avere risposta nel week end o comunque in tempi brevi. Ognuno di noi ha le sue tempistiche e risponde ai forum e alle email quando può.

    Ti avevo chiesto di non mettere nei discorsi il page rank, guarda è una cosa che odio proprio, credimi! non sopporto chi si fissa con il page rank.

    Rispondi
    • GASERVIZINAPOLI ha detto:

      Credo di essere stata fraintesa non pretendo che le mi si risponda in tempi brevi,ma non ero sicura che la mia mail sia sta ricevuta.Poi non sono di fretta assolutamente E non sono fissata con il pagerank ok
      Grazie

      Rispondi
  19. Fabrizio ha detto:

    Ciao Anna.
    Fai le cose quanto più naturali possibile, google non vuole forzature…se le fai sappi che puoi andare incontro a penalizzazioni che poi ci vuole la mano di Dio per capire da dove provengono.

    Devi avere pazienza e quanto prima metterti in mano a qualcuno che ti possa aiutare concretamente, se pensi di fare tutto con il “fai da te” (secondo me) sbagli. Cioè, potrebbe andar bene il fai da te ma bisogna avere delle linee guida, che solo una persona competente ti può dare.

    Attendi la risposta di Francesco e poi fai le tue valutazioni.

    Rispondi
  20. GASERVIZINAPOLI ha detto:

    Grazie per le risposte, si certo mentre attendo che finiscano il Portale, e di trovare un ottimo Professionista che mi aiuti… nel frattempo qualche partecipo a qualche forum creo dei blog e interagisco con amici su facebook etc un article marketin al giorno mai uguali piano piano.qualcosa al giorno…Spaino la strada diciamo cosi senza eccedere…Spero che di trovare un bravo Seo poi il,resto verra’ da se .Ti auguro un Buon W.And e ti ringrazio ancora per i consigli ciao

    Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!