Miti e Realtà del Comprare Fan su Facebook

Me ne dia un chilo

scritto da Francesco Gavello [+] il 17 febbraio 2012 | 59 Commenti in: Featured | Social Media

Da dove arrivano fan comprati Facebook

Chiunque abbia anche solo marginalmente lavorato sulla pagina fan di un brand, prima o poi se l’è sentito domandare.

Sai, La domanda. Quella domanda che ti fa venire la pelle d’oca e genera un misto di panico e insofferenza per il dover ancora una volta spiegare come si tratti di una questione problematica, fuori dal tempo e, semplicemente, inefficace.

L’acquisto dei fan.

Che anche solo a scriverla, come cosa, fa piuttosto ridere.

Come se trovare persone, potenziali clienti o fedeli portavoce del tuo brand si riduca a un comprarne uno stock quanto serve. Neanche fossero bulloni.

Dice:

“Sto pensando di lanciare una bella pagina fan su [tema a scelta]. Che ne dici di questo servizio che mi garantisce n-mila fan a n-cento euro?”

Oramai ci abbiamo fatto l’abitudine, e -perlomeno nel mio caso- sfoderiamo in risposta alla richiesta tutta una sequela di riflessioni su come, qualunque servizio o agenzia si voglia prendere in considerazione, non si tratti di una buona scelta. Tuttaltro.

E alcune volte in chi pone la domanda rimane persino il dubbio che gli si voglia tenere nascosto qualcosa. Il segreto del successo di molte pagine fan, tipo. Qualcosa che sotto sotto fanno tutti e che sembra, dal loro punto di vista, il solo e unico modo per convincerli, questi dannati utenti, a interessarsi di un brand.

Così, mi torna piuttosto comodo il proporti la lettura dell’articolo di Martyn Wilson per Useful Social Media, in cui vengono spiegati alcuni retroscena sul queste agenzie riescano a proporre stock di fan, a volte più o meno geo-localizzati e pertinenti. Ci infiliamo poi, alla fine, un paio di riflessioni per capire perché l’intera attività, anche quando viene fatta “eticamente” non valga poi tanto la candela.

Materia prima

Senza troppa magia, le agenzie che propongono pacchetti di fan in vendita, operano in due modi per raccogliere la materia prima:

  • Campagne pubblicitarie (non solo attive su Facebook) che invitano l’utente a diventare fan di una pagina in cambio di un infoprodotto, un download o un bonus di diverso tipo (e su questo ci torneremo tra un istante);
  • Campagne Facebook Ads targettizzate per colpire gli utenti già fan di brand simili a quelli per i quali devono raccogliere Like. Anche in questo caso lo scambio è semplice: do ut des. Io ti do qualcosa in cambio del tuo diventare fan, a tempo determinato magari, delle pagine che ti sto proponendo.

In alcuni casi le meccaniche prevedono poi almeno un minimo di interazione sulla pagina di destinazione, quasi a mo’ di controprova (per il cliente?) che il fan sia effettivamente una persona in carne e ossa. Quasi costante, come dicevamo poco fa, lo scambio di un bonus per il fatidico clik.

Il fatto è che per quanto le agenzie di questo tipo possano diventare etiche e seguire una logica win-win per tutti (chi clicca, chi compra), è qualcosa di molto più sottile e banale che rende il tutto …fallace.

Cerco di spiegarlo con un esempio.

Do ut des

Immagina di essere uno di questi fan. Su Facebook dimostri di apprezzare e discutere di, hum, videogiochi. Nella sidebar a destra un giorno leggi un annuncio che recita più o meno “Scarica subito 10 wallpaper di [inserisci nome videogame dell’ultim’ora]” (nb. è solo un esempio).

Clicchi.

Segui un qualche percorso di conversione più o meno snello e alla fine ti viene proposto di fare click su “Mi Piace” di queste n-pagine per accedere al download.

Clicchi, di nuovo. Senza pensarci troppo, dato che hai in mente il risultato finale. E poi, chi li conosce questi nomi? Al momento non sembra un grande sforzo.

Poi, dopo qualche giorno, ecco che improvvisamente cominciano a fare capolino tra la tua bacheca Facebook messaggi del tutto nuovi, da parte di brand di cui, onestamente, non te ne può fregar di meno.

Nascondi gli aggiornamenti, nel caso migliore (e se sai come fare)
Altrimenti, torni sui tuoi passi, rimuovendo il tuo Like.

Ora.

Quale speranza credi possa avere l’amministratore di una pagina che vuole promuovere il suo portale di (per esepio) news del mondo automobilistico di ottenere buoni risultati con una tecnica del genere?

Quante delle persone acquistate “a forza” tramite questa meccanica -o una meccanica vagamente simile- saranno davvero consce di ciò che hanno fatto, e interessate a rimanere dei paraggi della tua pagina fan per più di qualche nanosecondo?

Certo, si potrebbe obiettare che se il “do ut des” di cui sopra è legato all’ambito videoludico (i wallpaper in regalo nell’esempio di prima) e la mia pagina parla di videogiochi anch’essa, il legame creato potrebbe essere più forte. O perlomeno più duraturo. Il tempo necessario a valutare ex-novo la pagina in questione per ciò che davvero fa.

Ma davvero, a questo punto, avrebbe ancora senso averli acquistati, i fan?

Ecco perché, anche nel migliore dei casi, anche il solo pensare di acquistare blocchi di utenti per la tua pagina fan non solo è un’inutile spesa che va oltre tutto ciò che il buon marketing dovrebbe essere, ma rischia anche di essere una tecnica che quando funziona davvero, non sarebbe servita comunque.

Immagine: Fotolia.com

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

59 Commenti

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. EmanueleEMC ha detto:

    Ottimo Post Francesco!
    I “Fan al chilo” sono sicuramente una pessima strategia di marketing.

    Riassumo dicendo che:

    1) non sono mai targhettizati o quanto meno poco interessati alla tua pagina
    2) molti sono utenti fasulli e molti non sono italiani
    3) spesso vengono usati trucchetti poco ortodossi per catturare fan che appena si accorgono scappano…..
    4) spesso sono ‘clicca tutto’ che hanno in bacheca migliaia di post da migliaia di pagine delle quali sono fan
    5) chi ti vende il servizio è un ragazzino o una azienda? Ti fa la fattura???

    Proprio su questo ultimo punto vorrei sentire il tuo parere:

    Finchè lo fanno i ragazzini (diciamo vabbè) ma poi quando grossi gruppi, molto presenti su internet con vari network (serve fare i nomi?) , iniziano a vendere facebook fans…. allora vale la pena interrogarsi a fondo sulla piega che il web sta prendendo.
    E’ triste pensare che i miei 30.000 fan sudati in anni di lavoro (ed idee originali) valgono poco di fronte ai 500.000 fan (ottenuti in pochi mesi) sbandierati agli occhi dello sponsor…….

    Rispondi
    • Francesco Gavello ha detto:

      Diciamo che diventa un grattacapo quando, risultati ottenuti oppure no, arriva il cliente che vuole imitare questo o quel vicino brand che in x-giorni ha ottenuto n-mila fan. E hai voglia allora a spiegargli che quel numero, tanto facile da valutare come metrica, di metrica reale ha ben poco.

      Poi certo, bisognerebbe ancora distinguere dal singolo che si è inventato una “nuova” professione con un paio di campagne adv e una landing in mano, e le agenzie che cercano di dare un tono diverso alla questione, legandolo magari a strategie un pelino più complesse.

      Rispondi
  2. Alessio ha detto:

    Anche se non ho mai utilizzato questa tecnica, sono anche io di questa idea. Visto poi che quello che conta nel social media marketing è l’interazione e non il numero di fan, direi che da un migliaio acquisiti di effettivi ne rimangono ben pochi. Quindi penso sia quasi meglio pubblicizzare da soli la propria pagina facebook, magari con le inserzioni di facebook ads.

    Per come la vedo io, quando si tratta di acquistare visitatori, leads o servizi del genere sono sempre un po diffidente. Secondo me quello che conta non è la quantità ma la qualità, meglio pochi “seguaci” ma fedele che una grande lista di persone disinteressare.

    Rispondi
  3. Paolo Ratto ha detto:

    Ciao Francesco! Davvero molto interessante. E’ un pò di tempo che anche io cerco di raccogliere info sulla questione “acquisto social fan” e curiosamente, proprio ieri, ho ricevuto alcune risposte dal gestore di uno di questi siti di acquisto fan. In questo senso l’intervista che ho pubblicato proprio oggi (http://paoloratto.blogspot.com/2012/02/acquisto-di-social-fan-tutti-i.html) credo calzi a pennello per completare il tuo articolo (ti ho citato natuaralmente). Complimenti perchè sei uno dei blogger che seguo con più costanza.

    Paolo Ratto

    Rispondi
  4. Giovanni ha detto:

    Purtroppo è sempre il solito discorso di presunzione e arroganza di chi crede che sia possibile comprare e tutto e tutti.

    Invece quella piccole cose chiamate fiducia e fedeltà è difficile “acquistarle”.

    Non sono un uomo del marketing, sono un IT, ma posso solo dirvi che se qualcuno venisse da me a spiegarmi che con un “investimento”, piccolo o grande che sia, potrei assicurarmi un container di utenti lo accompagnerei alla porta.

    Non si possono trattare le persone come scimmie. Quello che mi fa specie è: dite davvero? qualcuno vi ha chiesto di “acquistare visitatori”??
    Il mondo è bello perchè è avariato :)

    Rispondi
    • Riccardo ha detto:

      Salve a tutti, io non la definirei una pessima strategia di Marketing, in quanto non incrementa direttamente le vendite ma è solo un discorso di appeal, e in questo funziona perfettamente. La mia azienda ha una pagina Facebook con 1.163 fan, pagina istituita da poco di cui 1000 inizialmente comprati, e vi posso garantire che l’appeal ora è tutto diverso che vedere 163 fan. Pian piano i miei fan stanno aumentando, ma la mia pagina è apparsa da subito accattivante e con quel numero di fan sembrava già in piena attività.

      Quindi ripeto, se usata bene è un’ottima strategia di Marketing.
      Riccardo

      Rispondi
  5. Enrico ha detto:

    Sinceramente io non condivido a pieno le critiche a questo genere di servizi, anzi. In realtà se c’è così tanta attenzione e un così elevato interesse da parte di grandi e piccole società a spendere delle cifre importante per far aumentare le cifre sul proprio prodotto, significa che la grande comunicazione sta completamente cambiando e che anche le major danno molto più peso al pensiero degli utenti dei social network piuttosto che ai media classici e ai tradizionali veicoli pubblicitari.

    Inoltre ho notato (in risposta ad Emanuele) che alcune tra queste società di servizi offrono anche la possibilità di targetizzzare i fan acquistati, io ho fatto una prova con http://www.magicviral.com (500 fan per la mia pagina Facebook) e sinceramente i fan sono arrivati (come promesso) italiani e della fascia d’età che avevo richiesto.

    Rispondi
    • matteo ha detto:

      ma non diciamo cazzate……..
      attenzione ai fan di magic viral, provengono da scambi mi piace in cui vengono usati profili fake, quindi inutili….purtroppo ho provato il servizio e dei fan ricevuti
      nessuno lascia commenti o mette mi piace……. una bella fregatura
      non fatevi fregare

      Rispondi
      • Andrea Michelini ha detto:

        Assolutamente sbagliato. Se hai veramente comprato da loro, o stai mentendo o sei stato sfortunato. Io ho acquistato 5.000 fans da magicviral.com , tutti reali, avendone controllato la maggior parte ne sono praticamente sicuro, e soprattutto attivi. Inoltre continuano a generarsi like in automatico dopo la fine del servizio, immagine per un meccanismo “virale” che si è innescato. Faccio questo appunto perché non mi sembra giusto sparare commenti negativi su una ditta che lavora bene e con la quale si comunica meglio, sia via mail che via telefono sono sempre disponibili. Magic Viral mi è stato di grande aiuto per rilanciare la mia pagina.

  6. EmanueleEMC ha detto:

    Salve Enrico,
    non era mia intenzione demonizzare chi offre questo tipo di servizio :)

    Piuttosto mettere in guardia verso quello che potrà poi essere un reale ROI.
    Come detto, l’engagement è fondamentale, quindi oltre che targettizzati gli utenti, questi dovranno anche partecipare alla vita sociale in bacheca, ma non solo, dovranno poi anche andare realmente sul tuo sito/blog dove potrai convertire… altrimenti l’investimento non ha senso…..

    Ormai appurato che le conversioni più alte sono quelle dal traffico organico e che i social convertono pochissimo proprio per loro natura (se sei su facebook non stai sercando di acquistare un particolare libro (ad esempio) cosa che invece fai con una ricerca organica) è bene analizzare tutti i passaggi e quindi non fermarsi solo al numero di fan, anche se , come detto sopra, molti sponsor quardano solo quello.

    Se i 500 fan che hai comprato ti stanno convertendo, buon per te!
    Del resto anche Facebook stesso offre un servizio del tipo ‘vendita fan’ pubblicizzando la tua pagina, non ci vedo tutta questa differenza con i servizi esterni SERI.

    Il punto è differente, è legato tutto al ROI…. ne è valsa la pena?

    Forse con qualche buona idea è possibile aumentare i fan spendendo neanche un euro oppure veramente poco! COME???

    Posto qui due tips che penso arricchiranno questo già interessante post di Francesco :)

    1) Oltre i famosi badge (diventa fan) da inserire nel proprio blog, trovo ottime soluzioni i popup iniziali ed il meno invasivo slide a fine pagina.

    2) Fare pubblicità alla propria pagina utilizzando il servizio di Facebook. Ma impostando il ‘budget a click’ molto basso, sfruttando i periodi morti della concorrenza :)
    Come ad esempio Agosto ;)

    Se vi interessa approfondire i due punti, chiedete pure, senza problemi.

    Rispondi
    • Teo ha detto:

      Di che budget parliamo per Facebook? Ho una pagina fan per un sito di notizie, il gioco potrebbe valere la candela.

      Rispondi
      • Enrico ha detto:

        Io per 500 nuovi Fan ho speso circa 50 euro su Magic Viral.

      • Teo ha detto:

        Io voglio fan reali, non comprati al supermercato. Gente pagata per mettere “mi piace” non è un tuo fan :)

      • Andrea Michelini ha detto:

        A Teo voglio dire che i fans sono del tutto persone reali, forse se si spiegasse un attimo qual’è il metodo utilizzato per incrementare, allora non si sparerebbero più c******** contro chi fornisce servizi funzionali.
        Quello che ho potuto verificare dall’aumento di fans, è che le visualizzazioni alla pagina (che poi generano fans) sono dovute ad un servizio di marketing mediante la pubblicazione di link e banner su network molto visitati, che inevitabilmente portano traffico. Una volta raggiunta la soglia di like prefissata, i banner vengono rimossi. Semplice ed economico se viene svolto da professionisti competenti. Ed in questo caso io mi sono trovato proprio bene.

  7. scellerato ha detto:

    Salve,
    vorrei intervenire sull’argomento in quanto utilizzatore di questi “servizi”.
    Mi sembra che “la presunzione e l’arroganza” sia da attribuire più che altro agli “esperti del settore” e non a chi utilizza questi servizi.
    Non so se lo sapete ma molti di questi servizi sono GRATUITI, basta perdere 5 minuti al giorno per acquisire fan, visite video e quant’altro. Di conseguenza questo famoso ROI non credo che possa essere negativo in quanto la spesa economica è zero…
    Tutti i bla bla sull’interazione e coinvolgimento dei clienti sono delle ovvietà ridicole: è chiaro che DEVONO essere messe in atto tutte le strategie possibili per acquisire fan o visite “reali”, ma non vedo cosa ci sia di male ad aggiungere altri…

    Secondo il mio modesto parere di non esperto, voi “esperti” vi dimenticate che il mondo non è fatto di social marketer ma di comuni utilizzatori.
    Concludo con il mio esempio: 2 anni di lavoro appassionato sulla pagina per 3500 fan, in un paio di mesi l’ho portata a 8000 mila senza spendere un soldo. L’interazione ovviamente non è raddoppiata ma ho ricevuto molti complimenti…

    Saluti

    Rispondi
  8. Alessio ha detto:

    Scusa scellerato, tu che cosa intendi per acquisizione fan gratuitamente? Parli di forum marketing, article marketing eccetera? Perchè se è questo quello che avevi in mente secondo me sono due cose differenti. Mentre con questi sistemi sono i visitatori interessati a venire da te, con i sevizi esterni la strada per arrivare ad essere tuoi fan è spesso diversa. Quindi secondo me le due cose vanno divise fra loro hanno bisogno di due discorsi a parte.

    Rispondi
  9. Brunella Giacobbe ha detto:

    Hai fatto bene a prendere l’argomento.

    A volte sono proprio i clienti a chiedere ‘grandi numeri’.
    Sta a noi spiegargli in maniera professionale che ‘convertire è meglio di gonfiare’.

    Rispondi
    • Michela ha detto:

      Il problema è che talvolta è richiesto di gonfiare, soprattutto agli esordi. Le riviste che potrebbero essere interessate a pubblicare comunicati stampa prima di tutto guardano ai numeri, oltre che alle interazioni. Ed è per questo che il mio capo ha deciso di gonfiare un po’ il numero dei mi piace, anche se la cosa non ci è costata nulla. Una sorta di catena dei mi piace, non saprei come altro descriverla (anche perchè ne sono stata informata a cose fatte). Ora il mio terrore è però che la cosa ci penalizzi anzichè avvantaggiarci. Soprattutto perchè, per fare le cose in fretta mi sembra che si sia deciso di farle male. Totalmente sprecato tutto il potenziale di fb che mi dovrebbe permettere di individuare i target maggiormente interessati ai nostri prodotti. E una sfilza di mi piace da gente che comunque non interagisce. A questo punto…che fare?

      Rispondi
  10. Daniele Alario ha detto:

    “Quando la popolarità è molta vuol dire che ha dei contenuti mediocri, quando la popolarità è bassa, vuol dire che ha dei contenuti alti.” Giorgio De Chirico.
    La questione è sempre quella: POPOLARITÀ VS CONTENUTI.

    Rispondi
    • Toth ha detto:

      Passavo di qui e non ho resistito a dire due cose.
      La prima è che il purismo e l’aut aut non pagano. Mai.
      Ovviamente stiamo parlando di marketing.
      Concordo in pieno con chi, meno da una qualsivoglia vetta, miscela varie strategie senza farsi il problema “etico” ad oltranza.
      Val la pena ricordare che anche i voti politici si comprano…. e con quale risultati!!! No? Mai letto di scandali del genere??
      E la corsa allo share televisivo? Pensate sia tutto fatto di contenuti e “fedeli” consumatori di quei contenuti? Ci ricordiamo vero l’esperimento di Gianni Morandi di mettersi in mutande in diretta? Erano tutti interessati alle mutande di Morandi (… per non dire altro??):
      E per agganciarmi al discorso di WALTER… non vorrei lanciare un sasso e nascondere la mano, d’altro canto il discorso diventerebbe lunghissimo (e non mi sottraggo se il presente post avrà seguito). Tuttavia, parlare di “inconscio”, “dinamiche elementari” e “neuro-marketing” tutto d’un fiato e in una riga è l’equivalente di citare “burro”, “ferrovie” e “mio nonno in cariola” pretendendo… che ne so… o che ci sia un legame chiaro solo a lui, o che da “fedeli consumatori di post” gli crediamo sulla parola. Gli è che quei termini oltre a stare su tre universi distinti, è più facile usarli in contrapposizione che metterli come perle in un filo unico.

      Qualunquismo? Benaltrismo? Ma secondo voi pagano davvero…

      Saluti.

      Rispondi
  11. [...] risultati veri e attirare a se potenziali clienti. A quanto pare non sono l’unico a pensarla così. Se le vostre idee a riguardo sono diverse vi invito ad esporle qui sotto con un commento :) Ti [...]

    Rispondi
  12. Giuseppe ha detto:

    Ciao Francesco,
    post molto interessante che stimola riflessioni indispensabili per chi vuole operare sui social media: e mi riferisco in primo luogo alle aziende. Sembra facciano davvero fatica a comprendere quale cambiamento i social media chiedano al loro business. Se si concentrassero su prodotti/servizi/contenuti di qualità avrebbero la fila tra iscritti a newsletter, fan di facebook, follower su twitter ecc. E’ il passaparola che genera contatti e soprattutto clienti, ma va saputo fare e richiede una condotta onesta ed etica. Certe pratiche, come quelle di acquistare fan a pagamento, sono stealth marketing e prima o poi, se il gioco non regge l’azienda (o chiunque, qualsiasi cosa sia) ne pagherà le conseguenze.
    Ovviamente mi riferisco ad un certo business di livello medio-alto; le realtà piccole farebbero bene a comprendere il modo di lavorare con profitto duraturo sui sm, ma nel frattempo possono anche giocare ad avere più fan, se gli fa soddisfazione ;)

    Saluti e buon lavoro

    Rispondi
  13. [...] una certa dose di divertimento, tra i tanti addetti ai lavori, c’è anche chi sostiene che “comprare fan al chilo” serva a poco quando l’obiettivo è una promozione sana ed efficiente del proprio brand.E il [...]

    Rispondi
  14. Laura ha detto:

    Qualcuno sa darmi delle recensioni su sito sito: http://www.magicviral.com ? Ho guardato in giro sui vari siti e sembrano quelli più economici, qualcuno l’ha mai provato? Grazie, Laura.

    Rispondi
    • Giorgio Picello ha detto:

      Ciao Laura, io l’ho usato recentemente per acquistare visualizzazioni e “Mi Piace” su YouTube, i servizi promessi sono arrivati puntuali (anzi, numeri leggermente superiori rispetto a quelli acquistati) ma, la cosa più gradita, è stata l’assistenza telefonica in italiano che mi hanno dato per capire bene il funzionamento del sistema.

      Rispondi
    • mirko ha detto:

      si….e lascia perdere
      non valgono niente! ho acquistato 1000 fans, dovevano essere italiani ma sono arrivati quasi tutti stranieri………… se non ci credete…………basta guardare la loro fanpage x capirlo (100K fans provenienti dall India) :(

      Rispondi
  15. Marco Pastorelli ha detto:

    Sicuramente i fan saranno di gente non interessata alla pagine e quindi non targettizzati però spenderci magari 40 € per 1000 fan non è poi così male. Io la prenderei come un avvio alla pagina nel senso di far raggiunger i post a varie persone…..e magari poi proseguire con dei MI PIACE “naturali”.

    Saluti a tutti

    DipintiAstratti.it

    Rispondi
  16. simona mollo ha detto:

    Io con Magic Viral ho fatto un abbonamento per fan targhettizzati italiani a 1000 fan al mese per 69 euro. Non ci sono tra i pacchetti ho chiuso la trattativa via mail !!! ;)

    Rispondi
    • Andrea Michelini ha detto:

      Il servizio di Magic Viral funziona veramente bene, anche io ho acquistato un offerta arrivata via mail ed è andato tutto benone! Veramente un bel metodo per incrementare i propri like!

      Rispondi
  17. michele ha detto:

    Io ho provato Magic Viral….ma sono profondamente deluso
    sembrano profili fatti con bot o altri programmi…ossia gente inesistente che non ricevera mai nessuno dei vostri post…non mi hanno nemmeno fatto la fattura

    Rispondi
  18. simona mollo ha detto:

    Beh se mi dici così un po mi spaventi anche perchè ho comprato pure dei followers su twitter !!!
    Però ho controllato e per adesso tutti i fan sono reali e mi è arrivata la fattura tre giorni fa … ce da dire che ho sollecitato la fatturazione chiamando il centro assistenza….

    Rispondi
  19. [...] altro articolo   di Francesco Gavello  spiega chiaramente che esistono imprese che chiedono proprio quel tipo di [...]

    Rispondi
  20. Dino Tognato ha detto:

    Non lo ho mai fatto, ma penso che l’ unico uso sensato dell’ acquisto di fan un tanto al kilo sia comprarne 100/200 quando una pagina è neonata, tanto per non far sentire soli i primissimi fan.
    Ma se già gestisci pagine con qualche migliaio di fan i primi 2/300 li trovi facilmente. Che poi anche questi servano solo a fare numero è vero, la funzione di una pagina è il dialogo e l’ ascolto e per costruire fiducia serve tempo e onestà, ma da più soddisfazione e risultati che andare la supermarket del fan o follower.

    Rispondi
  21. Sebastiano ha detto:

    Ho effettuato una campagna pubblicitaria a pagamento su Facebook direttamente con FB stesso, ho ricevuto in breve un escalation di “mi piace” ma la qualitá di questi non è molto diversa da quella descritta in molti post precedenti al mio, ma che almeno si riferivano a servizi esterni al social network. Il che devo dirlo “NON MI PIACE! Quindi anche FB utilizza questi servizi esterni, che (confermo quanto sostenuto da scellerato) esistono anche gratuiti o quasi? Oltre all’evidente anomalia di alcuni profili creati ad hoc per avere molti amici o altri dal “mi piace” esageratamente facile e altri ancora provenienti da paesi esteri che avrebbero pochi motivi per essere interessati alla pubblicitá in questione, sono rimasto molto deluso dalla scarsa conversione in visite al sito web pubblicizzato, che conferma la bassa qualitá del servizio ricevuto!

    Rispondi
  22. Jacopo ha detto:

    A dire il vero la loro fanpage ha 165000 amici e pochissime interazioni :-(

    Rispondi
    • Laura Minozzi ha detto:

      Nel loro caso (Magic Viral) credo sia logico la presenza di una grossa quantità di fan con poche interazioni, poiché è chiaro che chi usa questi servizi non ci tiene probabilmente a pubblicizzarne l’uso (nel buon vecchio stile di “Lo faccio ma non lo dico”).

      Rispondi
      • mario ha detto:

        Ho provato personalmente i loro servizi e non sono affatto contento, sono poco seri e oltretutto ho scoperto che i fan che mi sono arrivati provengono da siti di scambi like, quindi profili usati ad hoc per dare il mi piace e poi inutili perche inattivi… state attenti a non buttare i soldi !!

  23. mario ha detto:

    ma avete visto la pagina facebook di magic viral ? (facebook.com/magicviral) 160.000 fans di cui 19 che parlano, e non sono nemmeno italiani …se questi sono i fan che ti vendono siamo a posto…

    Oak Forest, Illinois
    Città di maggiore popolarità

    Rispondi
  24. Enrico Brugnetto ha detto:

    Io ho una web-agency e faccio indicativamente una cinquantina di acquisti al mese presso rivenditori di Fan Facebook e anche visualizzazioni YouTube. Li ho provati davvero tutti e sinceramente trovo Magic Viral la più seria e professionale. Tra l’altro sono gli unici in Italia che hanno un’Agenzia dedicata per l’incremento mentre tutti gli altri sono ragazzini improvvisati o altre Agenzie che si occupano di tutt’altro e che nel paniere ci mettono anche questo servizio. Io li ritengo senza ombra di dubbio i migliori in Italia e sono sempre presenti (sia telefonicamente che via mail) quando si verifica qualunque genere di problematica.

    Rispondi
  25. matteo ha detto:

    Ciao io ho provato questo servizio e ho comprato 1000 Twitter Followers e 5000 Facebook fans qui su questo sito http://www.facebook-champions.com Devo dire che sono soddisfatto per i prezzi ottimi, solo 40USD e consegna in una settimana!

    Rispondi
  26. Pepsy ha detto:

    Ho letto questo articolo e altri sull’argomento con molto interesse. Personalmente essendo della stirpe “faso tuto mi” ho iniziato a sperimentare una campagna facebook sulla fanpage di un mio blog per aumentarne i fan. Ho studiato molto bene i target e le possibilità virali della campagna, e facebook ha gli strumenti adatti per farlo.
    I risultati che sto vedendo sono molto incoraggianti. Certo, sto viaggiando a una media di +50 fan al giorno, ma ho impostato una spesa giornaliera ridicola, e facendo due conti in prospettiva per raggiungere i 1.000 fan mediamente promessi da questi servizi spenderò poco più della metà dei prezzi che circolano.
    E soprattutto sto ottenendo fan genuini, e interessati.

    Morale? rimboccarsi le maniche. :)

    Rispondi
  27. Alessandro ha detto:

    Buongiorno a tutti,

    intanto complimenti per l’articolo molto interessante. Vi pongo una domanda partendo da una considerazione. Sono d’accordo che i fans a chilo hanno valore zero in termini di portata e traffico sulla pagina, ma alla luce dei servizi “offerta” estremamente vantaggiose per le piccole attività, e attivabili solo sopra ai 400 fan, non pensate possa essere una buona risorsa acquisire i primi 400 fan in maniera molto rapida per poi poter sbloccare il tools OFFERTA e incrementare cosi successivamente in modo estremamente rapido l’interazione con potenziali nuovi utenti / clienti ? Perche tutto sommato per alcune tipologie di attività quello che interessa non è la visibilità ma semplicemente la possibilità di conoscere nuovi potenziali clienti.

    Grazie mille

    Alessandro (Consulente Marketing)

    Rispondi
  28. marc ha detto:

    Io li compro qui i fans http://www.nonsolofans.com/
    ottima qualita e ottimi prezzi, i fan sono reali e provenienti dall Italia.

    Rispondi
  29. Alessio ha detto:

    Ciao Francesco,
    ti seguo spesso e ho partecipato anche a due SEO Training a Roma.
    Su questo argomento molto interessante volevo chiederti e chiedere a tutti quelli che hanno commentato sw wsistono percentuali medie di conversione dei like in azioni reali. Ad esempio: 10000 like su un evento ma poi solo 100 persone che partecipano all’evento avevano cliccato like sulla pagina. Stesso discorso per promuovere un nuovo sito internet ma poi solo pochi si iscrivono veramente… hai/avete numeri in merito? Penso che questa cosa sia molto utile a tanti per capire il valore del like anche se so che può variare tantissimo in base alla qualità dei like avuti ecc…
    Grazie

    Rispondi
    • Francesco Gavello ha detto:

      Ottima domanda: personalmente non ho mai incrociato studi che mettessero a confronto le aspettative in confronto alla partecipazione reale o conversione a un obiettivo. Molto probabilmente perché si da per più che scontato il fatto che ci sia una disparità semplicemente enorme. Idee ragazzi? ;)

      Rispondi
      • Marco Domenichelli ha detto:

        Ciao Francesco, sono assolutamente d’accordo con te quando dici che se qualcuno mettesse a confronto la conversione della reale partecipazione dei fan acquistati rispetto a quelli acquisiti il risultato sarebbe sicuramente un “rumoroso silenzio”. Però mi fa piacere segnalarti (e sentire un tuo giudizio) su questo nuovo fenomeno che si sta creando in rete che sembra differenziarsi totalmente dai venditori di fan “tradizionali”: http://www.clinkomatic.com E’ un sito dove i Like, Followers etc vengono realmente realizzati da utenti veri che vengono veramente retribuiti per le azioni che fanno. Mi sorprende infatti che, per la prima volta in tutta la rete, questa piattaforma mette a disposizione anche gli Share oltre che i Like, e questo la dice lunga sul fatto della veridicità delle azioni, perchè una condivisione FB è molto invadente sul proprio profilo facebook e di certo genare un traffico Virale REALE. Credo che questa piattaforma possa essere un’alternativa “sana” per questo fenomeno ormai senza controllo. Anche perchè almeno ci guadagniamo anche noi poveri utenti dai Like che facciamo su Facebook ;)

  30. aboghese ha detto:

    non sono affiliato a magic viral ma giusto per correttezza la partita iva esiste dal 2004.

    La verifica per la partita Iva 03904540287 ha prodotto il seguente risultato:
    PARTITA IVA ATTIVA
    Denominazione/Cognome e nome: THE SEARCH GOES ON DI CUTRINO GIAMPIETRO
    Data inizio attività: 17/02/2004

    Rispondi
  31. Wud Master ha detto:

    Giravamo (siamo un multiple name) per il web in cerca di notizie sul fenomeno della compravendida di fan e ci siamo piacevolmente imbattuti in questo post che vorremmo condividere sul nostro profilo Facebook. Vi vogliamo esprimere il nostro piccolo punto di vista attraverso questo video http://www.facebook.com/photo.php?v=134001750114639

    Rispondi
  32. filippo ha detto:

    Ciao,
    ho provato vari servizi a riguardo, mi permetto di segnalare un sito che qui non appare
    http://www.comprarefan.it i prezzi sono buoni, e la qualità è ottima, si puo scegliere tra vari target quali sesso, età e regione.

    Rispondi
  33. Mery ha detto:

    Ci sono siti stranieri tipo seoclerks ke x 1$ ti procurano 1000 Fans. È qui mi serve una domanda: visto che i Fans sono fasulli, lo sanno tutti, sono stranieri, non sono utenti che possono interagire con le nostre pagine, perché esistono comunque siti che basano il loro business su questo? Nn ci credo che quelli che acquistano Fans siano tutti dei cretini.
    Al che ho cercato di darmi una risposta: Ok sono fasulli, però secondo me il discorso di comprare Fans non va interpretato come un “compro i Fans della mia pagina” ma si fa un discorso simile a “aumento il numero di Fans, in maniera tale da attirare l’attenzione degli utenti veri che, incuriositi, aprono la pagina e possono mettere il like.

    Rispondi
  34. Fausta Germani ha detto:

    rimango dell’idea che solo facebook ti puo dare fan utili

    Rispondi
  35. Damiano ha detto:

    Anche io penso che avere 1.000 fan pagati non aiuti a vendere il tuo prodotto/servizio, però sicuramente può aiutarti ad attirare persone interessate.
    Mi spiego meglio, in Italia tendiamo a seguire le tendenze(scusate il gioco di parole) e di conseguenza se un fan interessato a quello che tu offri capita nella tua pagina e vede che tot mila di persone ti seguono, si fa un idea di te migliore rispetto al vedere 30 Mi Piace.
    Poi è chiaro che puoi usare mille altri modi per attirare fan, come ad esempio i concorsi, i download ecc ecc.

    Un saluto Damiano

    Rispondi
  36. Saverio prota ha detto:

    Lasciamo perdere i fans al chilo….e chi parla senza sapere…perche adesso si possono ottenere fans al chilo (che forse piu tanto al chilo non sono) che sono a target per città, interesse, regione od altro a prezzi molto inferiori che usando facebook adv (E allora perche non farlo?).
    Parlo dei numerosi servizi italiani competenti (Attenzione alle copie ed alle imitazioni).
    Parlo di http://www.magicviral.com, di http://www.marketing-seo.it, di http://www.venditafan.it di http://www.fansfacebook.org e di altri che lavorano orai dal 2008 senza problemi e con grandi clienti.
    Guardate mix-marketing.it ? Tra i clienti poste italiane, tiscali, moncler…e non penso siano tutti.

    Insomma, i fans al chilo no se devo prenderli ma seoclerk che li vende a 1 dollaro 1000 e NON servono a nulla ma se sono reali, targhettizzati, interessati…perche no?

    Rispondi
  37. carlo ha detto:

    PREMETTO CHE SONO IL TITOLARE DI UN AGENZIA CHE VENDE FANS.

    Comprare i fans non è inutile e non è vietato, l’importante è farlo bene. Esistono agenzie come la nostra marketing-seo.it che l’utente sopra segnala tra l’altro sono state sputtanate da agenzie farlocche che vendono i fans al chilo e usano scambio fans o profili falsi. Noi siamo attivi dal 2010, subito dopo magicviral.com il primo sito che ha trovato un sistema per vendere fans e forniamo un vero e proprio servizio di marketing reale per la vendita di fans che arrivano tramite applicazioni di cellulari o popup su siti web dopo aver visto e cliccato like consapevolmente. Per info chiamatemi e vi spiego tutto . Carlo 0583.329164

    Rispondi
  38. Antonella ha detto:

    Io mi sono trovata bene con il servizio di Payperfan… Non è tutto oro quel che luccica, certo, però nel mio caso non ho avuto problemi. Inoltre, “soddisfatto o rimborsato”, per cui male che vada.. non credo che gli andrebbe bene di ricevere pubblicità negativa, per cui… piuttosto c’è tanta concorrenza in giro e non è facile scegliere!

    Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!