Un Nuovo Modo per Calcolare il Valore di Facebook Per la tua Azienda

Vale di più un Like o un'Opt-in?

scritto da Francesco Gavello [+] il 27 maggio 2011 | Lascia un commento in: Featured | Social Media

Sono rimasto piuttosto sorpreso, per il semplice fatto che sinceramente non avevo mai colto l’associazione, dall’articolo di Jay Baer di qualche giorno fa per Convince & Convert.

Jay parte da una considerazione piuttosto semplice: tutte le azienda hanno in cantiere un’attività di e-mail marketing più o meno proficua, giusto?

E in un certo senso, il numero di like (fan) ottenuti da una pagina è paragonabile agli iscritti a una lista. E il numero di impression che un elemento condiviso in bacheca riceve non è poi così distante dal più classico degli open rate di ciascuna campagna.

E allora, proseguendo, se persino il numero di thumbs up e commenti può avvicinarsi di parecchio al concetto di CTR, perché non iniziare a valutare Facebook con le stesse metriche che già usiamo per valutare le performance di una campagna di e-mail marketing “tradizionale”?

Azzardato?
Forse, ma non così tanto.

Per creare un modello che potesse estrapolare questo valore Jay ha preparato un documento, scaricabile proprio dall’articolo o da Slideshare. Sostanzialmente, una volta stabiliti i parametri iniziali (aka, l’investimento e il ritorno attuale delle campagne di e-mail marketing di un’azienda) è possibile rapportare poi questi valori a Facebook.

(fatta esclusione per i costi di gestione dato che Facebook, come servizio, è gratis)

C’è da dire che volendo fare i pignoli, un’opt-in a una lista potrebbe dal mio punto di vista valere ben di più di un like su una pagina, in qualunque modo lo si voglia vedere. E ancora, se è così semplice dopotutto ignorare una visualizzazione in più nel proprio wall su Facebook, altrettanto non lo è ignorare una mail con un titolo allettante che attende quieta nella inbox sino ad un’azione diretta da parte dell’utente.

Insomma, Facebook si può valutare come una qualsiasi campagna di e-mail marketing?
Oppure dobbiamo tornare alle valutazioni empiriche e basate su sondaggi e previsioni?

immagine: r.classen – Fotolia.com

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Puoi essere il primo a commentare!

Lo sapevi che tutti i link sono NoFollow free ?

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!