Del Perché Adoro BackupBuddy Come Soluzione di Backup per Ogni Mio Progetto

Quanto è sicuro il tuo sito web?

scritto da Francesco Gavello [+] il 10 settembre 2012 | 11 Commenti in: WordPress Plugins

Scegliere BackupBuddy come soluzione per i backup su WordPress

Chi segue questo blog da tempo sa come non ami in particolar modo recensire prodotti.

Ci sono due caratteristiche principali di ogni recensione che abbia mai solcato queste pagine: si tratta di qualcosa di davvero notevole e (senza eccezioni) ho avuto modo di metterci le mani sopra per sufficiente tempo da poterne dare una visione davvero critica.

Per questo, oggi ti voglio parlare di BackupBuddy.

BackupBuddy è la soluzione che gestisce i backup di questo blog e di diversi altri domini facenti capo al sottoscritto. Lo fa in completa autonomia. Lo fa in maniera sicura e professionale.

Il fatto è che gli imprevisti capitano. Con la rete e più in generale con i computer, quando questi capitano c’è sempre un palmo che sbatte contro una fronte all’urlo di: “No, non ora! Non avevo fatto il backup!”.

Ti suona familiare? :P

Non è solo il backup…

Ma non è solo questo il punto.
Su WordPress in particolare, i backup sono particolarmente facili da gestire, no?

Esiste il modo di esportare tutti i contenuti di un blog con un click. Da qualche tempo anche selezionando range temporali e stato di pubblicazione. E non è poi così difficile ricordarsi di tenere da parte anche tutti i file del tema e dei plugin. Tutto (apparentemente) molto semplice.

Ed è vero, ci sono anche parecchi plugin in grado di effettuare questi backup in autonomia e spedirceli via mail (o salvarli sul server). Sono gratis, funzionano bene.

Il vero problema, il punto critico che mi ha portato a investire in BackupBuddy è ciò che avviene …dopo.

Vedi, se è vero che è difficile (ma tuttavia fattibile) avere dei backup sempre aggiornanti e funzionanti di tutti i nostri progetti, la cosa che è davvero problematica è ripartire nel minor tempo possibile con un sito funzionante qualora si verifichi un inconveniente.

Immagina che domani il tuo sito principale vada, beh, offline :) . Problemi sul server. Al di là dell’avere effettivamente i tuoi backup a portata di mano, quanto ci metteresti orologio alla mano per ripartire con un progetto davvero funzionante nei confronti dei tuoi utenti?

Pensa ai file del tema, ai plugin, alle impostazioni necessarie verso un’installazione completamente nuova di WordPress su cui ripristinare i tuoi contenuti. Troppo, troppo tempo e troppi i grattacapi.

…è il ripristino che conta!

Ecco, BackupBuddy gioca qui le sue carte migliori. Insieme a una logica di backup completa e gestibile su DropBox, Rackspace, Amazon S3 e Email (oltre al salvataggio diretto su server o FTP terzi) integra una completa gestione del ripristino del sito web con un singolo click.

Carica il backup; carica un file. Lancialo.
Voilà, il sito è perfettamente ripristinato. Rinato dal singolo file di backup.

Dal peggiore problema tecnico al tuo server sino al semplice spostamento verso un hosting migliore e più performante, puoi finalmente delegare tutti gli aspetti davvero problematici a un solo plugin.

Dal mio punto di vista, BackupBuddy è la soluzione per parlare non tanto di backup di WordPress in sè, ma di sicurezza e stabilità in senso più ampio dei nostri progetti.

I classici backup, quelli fatti a mano, ti mettono al riparo soltanto da metà del problema. BackupBuddy entra in gioco prima ma soprattutto dopo che il fattaccio è accaduto, permettendoti un ripristino lampo.

Insomma, assolutamente consigliato, e ad un prezzo ridicolmente basso rispetto a quanto potresti perdere durante una vera crisi. ;)

Tu che soluzione stai adottando al momento per proteggere il tuo sito web?

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

11 Commenti

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. Marco Famà ha detto:

    Mi sembra davvero ottimo!

    Anche il business model differente da un altro servizio concorrente – che non ricordo quale fosse, ma ben più caro.. mi pare sui 50$ al mese – è davvero allettante!

    Grazie per avermelo fatto scoprire Fra… Giusto questo weekend, maledizione.. l’avessi avuto.. Invece ho perso una giornata a sistemare i casini di un upgrade del core. :-(

    Marco
    Time Lapse Italia

    Rispondi
  2. Andrea Lombardi ha detto:

    Io mi sono scritto un semplicissimo script shell.. backuppa database e filesystem, li carica su un ftp e una copia la lascia sul server! Forse 20 righe di codice e problema risolto!!!

    Rispondi
  3. maurizio ha detto:

    [polemica mode ON]

    Del perchè a volte questi plugin ti succhiano cpu per comprimere e banda per trasferire i file e il sito sembra incartato scriverò io qualcosa a riguardo :)

    Concordo con andrea. Uno script via shell è 1000 volte più snello e slegato da wordpress.
    Inoltre, nel caso sfigatissimo, dove hai il sito compromesso e non riesci a loggarti come fai?
    Reinstalli tutto a mano?

    E poi ancora. Su installazioni di dimensioni corpose (es. > 1gb) fai il backup completo tutte le volte?

    Rispondi
    • Francesco Gavello ha detto:

      Ciao Maurizio, non nascondo che se ne scrivessi parecchio a riguardo leggerei ogni parola. :)
      Ho apprezzato parecchio il tuo intervento alla WPcon e -che dire- hai ragione: uno script è mille volte meglio di una soluzione via plugin.

      La domanda però rimane: a conti fatti quanti saprebbero ripartire al volo e pienamente operativi a partire dal risultato di uno script? Io stesso non so se ne sarei così capace…

      Rispondi
  4. Bruno Borsi ha detto:

    Salve io uso BLUEHOST che ha all’interno un servizio di BACKUP su 2 livelli BASE gratuito e PRO a 19 euro l’anno. Dato che sono meno preparato di ANDREA e MAURIZIO sarebbe bello se loro hanno questa soluzione una condivisione delle script e delle procedure STEP by STEP per usarlo. :-) …..sarebbe MOLTO BELLO. Però, ribadendo la mia ignoranza, sembra che questo script abbia L’ENORME vantaggio della semplicità…..Francesco mi confermi questo ???

    Rispondi
  5. maurizio ha detto:

    @Bruno,
    qui 2 script che uso ancora oggi (che richiedono un accesso shell alla macchina che ospita il sito): http://maurizio.mavida.com/tags/backup/

    Rispondi
  6. Bruno Borsi ha detto:

    Buongiorno Francesco e a tutti i lettori volevo informarVi che backupbuddy nella nuova versione HA GROSSI PROBLEMI con i più grossi HOST in circolazione, BLUEHOST, GODADDY etc etc in quanto la nuova procedura (modern utilizza http loopback) .
    Succede che alla richiesta al server il plugin cerca inutilmente di connettersi sino a dare errore. Spero di essere stato utile

    Rispondi
  7. Giorgio ha detto:

    Ciao Francesco,
    mi sono convinto anche io a provare BackupBuddy e lo sto testando proprio in questi giorni. Non nascondo che qualche difficoltà c’è, soprattutto per quanto riguarda il dialogo con il server (non tutti i provider hanno le stesse impostazioni e quindi a volte bisogna un po’ lavorarci).
    Volevo comunque chiederti un consiglio, ovvero la procedura che tu utilizzi per limitare al minimo il tempo di “maintenance mode” durante il restore di un backup. Infatti BackupBuddy necessita di 2 operazioni fondamentali ma un po’ lunghe ovvero:
    1 – eliminare tutti i file di WordPress precedenti sul server:
    2 – caricare il file di backup (che può essere lungo causa pesantezza).
    Come affronti questi tempi di down del sito?
    Grazie.

    Rispondi
    • Francesco Gavello ha detto:

      Ciao Giorgio,
      in questi casi disporre di un accesso dal Plesk o cPanel di turno può agevolare davvero molto l’operazione di pulizia dei file precedenti, che da FTP sarebbe leggermente più lunga.

      Per minimizzare il disservizio, il mio consiglio è di tenere sempre sotto mano un index.html, inclusivo del CSS necessario a mostrarsi dignitosamente, in cui presentare un breve messaggio -magari la motivazione del down- e qualche link alle presenze sociali. Niente contatori o altri aspetti più complessi: solo un file da lanciare al volo nella root del sito che eviti la classica pagina bianca o spezzoni di sito che tornano online a metà.

      Inoltre, gestendo il tutto da index.html ti assicuri che durante il ripristino con BackupBuddy di un sito in WordPress questo non sia influenzato dal reale index.php. Potrai poi eliminarlo a backup ripristinato.

      Rispondi
  8. Alessandro ha detto:

    Ciao Francesco,
    ho installato BackupBuddy e lo sto provando da qualche giorno ma, una volta partito il backup continua a bloccarsi dopo pochi secondi e, quando vado nella sezione:
    - View recently made backups
    lo “Status” dei backup e sempre lo stesso:
    - Failed (likely timeout)
    se clicco su
    - View Backup Log
    trovo ripetutamente questa indicazione:
    “If the backup hangs at this point try enabling the advanced setting “Force cron if behind by X seconds”. If it still persists the host may be blocking the cron loopback, possibly due to mod_security settings.”

    Rispondi
    • Francesco Gavello ha detto:

      Ciao Alessandro,
      con molta probabilità qualcosa lato server è andato storto. O meglio, alcuni componenti vitali per BackupBuddy potrebbero non essere stati attivati per il tuo hosting (in particolare CRON, che semplificando serve a programmare eventi periodici in WordPress lato codice).

      Credo che solo chi gestisce effettivamente il tuo server, con le sue specifiche casistiche, possa risolvere il problema.

      Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!