5 Lezioni che Ho Imparato nei Miei Primi 12 mesi da Blogger

Efficacemente.com compie un anno e il suo autore ci racconta com'è andata

pubblicato da Francesco Gavello [+] il 06 ottobre 2009 | 23 Commenti in: Blogging Tips

Quello che segue è un guest post di Andrea Giuliodori. Il blog di Andrea compie oggi un anno esatto di vita, e condivide con te alcuni degli insegnamenti che ha tratto nei mesi passati durante il lancio di Efficacemente.com.

efficacemente

“Quando perdi, non perdere la lezione.” Dalai Lama

Sono ormai passati quasi 12 mesi da quando ho pubblicato il primo articolo del mio blog. In questi 12 mesi ho commesso tutti gli errori che possono essere fatti da un blogger alle prime armi, ma ho anche imparato lezioni importanti che mi hanno fatto maturare e hanno fatto maturare il mio blog.

Ecco le 5 lezioni che ho imparato sul blogging nei miei primi 12 mesi da scrittore in erba.

1. Un nome che conta

Insomma hai deciso di creare il tuo primo blog? Mille idee ti frullano per la testa, la motivazione è alle stelle e non vedi l’ora di scrivere il tuo primo post; ma manca ancora qualcosa: il nome, già… il nome. “Che caspita di nome posso usare per il mio blog?!” Per quanto mi riguarda, scegliendo il nome del mio blog mi sono concentrato su 3 caratteristiche:

  • Un nome facilmente memorizzabile.
    Per quanto tu possa tenere al tuo piccolo progetto, senza un nome memorabile, in pochi ricorderanno il tuo blog dopo una prima visita. Se hai scelto di non utilizzare il tuo nome, hai bisogno di un nome che rimanga impresso: prova a giocare con le parole (es. PocaCola), oppure utilizza parole di uso comune (il dominio superfragilistichespiralitoso.it dovrebbe essere ancora libero).
  • Un nome che evocasse immediatamente gli argomenti del blog. La prima cosa che si chiede chi ti visita è: “di cosa parla questo blog?“. Prima rispondi a questa domanda e meglio è.
  • Un nome “SEO friendly”. Grazie al solo nome del mio blog ho ricevuto più di 20.000 nuove visite negli ultimi 12 mesi e ho ottenuto la prima posizione della SERP per una keyword che in media ha un volume di 1.600 ricerche al mese.

Insomma, con in mente queste 3 caratteristiche, dopo un’oretta di brainstorming e una decina di nomi improbabili… boom!

Il nome del blog è arrivato come un fulmine a ciel sereno: EfficaceMente.

2. Evita di strafare: meglio pochi ma buoni

Beh ma il nome non basta, hai bisogno di riempire il tuo blog nuovo fiammante di contenuti: contenuti di qualità. Già perché il vecchio adagio “pochi ma buoni” calza a pennello per il blogging, o almeno per il tipo di blogging a cui mi ispiro.

Inoltre, voler strafare nelle prime settimane dalla nascita del tuo nuovo progetto, postando 723 nuovi articoli al giorno, può avere effetti deleteri nel lungo periodo. Passato infatti l’entusiasmo iniziale, avrai bisogno di molta auto-disciplina per sopportare il peso del tuo stesso blog! Ecco allora alcuni consigli per chi inizia la maratona del blogging:

  • Pensa a quanti articoli potresti scrivere in una settimana ed inizia scrivendone uno in meno. Farai sempre in tempo ad aumentare la tua frequenza di posting.
  • Scegli una lunghezza target per i tuoi articoli e cerca di rispettarla ad ogni post. Per quanto mi riguarda, evito di pubblicare articoli più brevi di 500 parole.
  • Creati un magazzino di articoli per i periodi in cui sarai poco ispirato. Fidati: arriveranno.

3. Fai crescere il tuo blog scrivendo per altri blog

  • Nome del blog? Fatto!
  • Contenuti di qualità? Fatto!
  • Visitatori… visitatori?! Ehm… 4 gatti!

Esistono decine di strategie per aumentare il traffico del tuo blog, ma quella che si è dimostrata per me più efficace è di certo il guest posting: scrivere articoli di qualità per blogger affermati ti aiuta a far conoscere il tuo piccolo progetto, ti permette di creare relazioni all’interno della blogosfera, senza parlare dei vantaggi in termini di nuovi iscritti o posizionamento su google.

4. Social network si, o social network no?

“Ok, il guest posting è carino, ma è una strategia troppo lenta e faticosa, io voglio migliaia di nuovi visitatori subito!” Ho ricevuto il mio primo vero spike di traffico postando un articolo sulla lettura veloce sull’odiato/amato OKNOtizie, il più noto sito italiano di editoria sociale.

C’è poco da dire: il trucchetto funziona. Pubblichi il tuo articolo, cerchi di farti votare da più persone possibili e come per magia ti ritrovi migliaia di visitatori sul tuo blog. Bello, vero? Eppure i visitatori di OKNOtizie hanno caratteristiche molto particolari: navigano il tuo sito per pochi secondi, difficilmente visitano più di una pagina e puoi anche scordarti che si iscrivano al tuo feed RSS.

La domanda allora sorge spontanea: vale la pena perdere il tuo prezioso tempo su questi social network? la risposta è ni. Se i visitatori di OKNOtizie si affezionano poco al tuo blog, altri social network come Facebook e Twitter ti permettono di creare vere e proprie community di fedelissimi, che possono garantirti un traffico costante e ad alto valore nel medio-lungo periodo.

5. Questione di stile

Secondo l’ultimo rapporto di Technorati sulla blogosfera, 184 milioni di persone in tutto il mondo hanno creato un blog (blog più, blog meno). Te lo ripeto, nel caso avessi letto male: CENTOOTTANTAQUATTRO milioni.

Eh già… Qual’è la probabilità che uno di questi 184 milioni di blogger tratti il tuo stesso argomento?

Beh, diciamo… una probabilità del 150%?! Anche se pensi di aver trovato una nicchia sconosciuta, esisterà sempre almeno un altro cugino blogger.

Come distinguersi allora? Dando per scontata la qualità dei tuoi post, cerca di trovare un tuo stile di blogging e sii persistente. Trovare un proprio stile significa strutturare i propri articoli secondo uno schema ben congegnato, significa creare titoli efficaci, significa far trasparire dagli articoli la propria personalità.

Chi legge non è interessato solo a cosa viene detto in un blog, ma anche a come viene detto e soprattutto a chi c’è dietro quello che viene detto. Se anche tu sei un blogger, che ne dici di condividere le tue lezioni nei commenti? Grazie.

Questo articolo è stato scritto da: Andrea Giuliodori

5 Lezioni che Ho Imparato nei Miei Primi 12 mesi da Blogger

Andrea ha 27 anni, lavora a Milano per una multinazionale della consulenza direzionale ed è l'autore del Blog EfficaceMente, Il blog italiano sulla crescita personale, la produttività e la motivazione. Puoi seguirlo iscrivendoti al suo feed RSS.

Il blog di Andrea Giuliodori: EfficaceMente.

Trovato questo articolo interessante?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

23 Commenti

Update 12/02/2012: Il Regolamento Commenti è cambiato! Leggi ciò che serve sapere!

  1. Alessandro ha detto:

    bisogna anche evidenziare l’utilizzo di parole chiavi adatte nello scrivere un articolo ,credo sia di fondamentale importanza,no?

    Rispondi
    • Francesco Gavello ha detto:

      La mia opinione (non so quella di Andrea) è “sì, senza esagerare”.

      Stilare una lista iniziale di keyword a tema con un paio di loro varianti e cercare di infilarle nel discorso in maniera naturale. Credo sia importante gettare sempre un occhio alla SEO, ma mai a costo di trascurare chi legge proponendogli contenuti artificiali giusto per salire nelle SERP.

      Rispondi
  2. Per quanto mi riguarda, devo ammettere che nei primi articoli ponevo molta attenzione all’utilizzo delle parole chiave. Lo faccio tuttora, ma preferisco dare uno stile riconoscibile ai miei articoli (lezione 5), piuttosto che presentare articoli pieni zeppi di parole chiave, ma… “piatti”.

    Andrea.

    Rispondi
  3. Guido ha detto:

    Dire che questo post sia stato scritto…efficacemente sarebbe riduttivo?!

    Rispondi
  4. Ahahaha, grazie Guido!
    Buona giornata,
    Andrea.

    Rispondi
  5. Ciao Andrea,

    approfitto del “compleanno” per farti i complimenti per il progetto che seguo praticamente dalla sua nascita.
    Concordo con te sui 5 punti. Penso che il peso maggiore vada attribuito al n.5: secondo me è proprio lo stile con cui ti poni e il modo di trattare gli argomenti che può farti emergere dalla massa dei 184 milioni di blogger.
    Ci si rilegge su efficacemente! :)

    Rispondi
  6. Ciao Roberto,
    grazie per il commento.

    Ci vediamo sul blog.

    Andrea.

    Rispondi
  7. Archimede ha detto:

    La dizione esatta è supercalifragilistichespiralidoso… e supercalifragilistichespiralidoso.it è già registrato… :-P

    Visto che è il mio primo commento qui, approfitto per farti i miei complimenti per il blog.

    Rispondi
  8. roberto ha detto:

    Ciao Andrea, sono del parere che il punto 2 e 5 sono la base di un ottimo blog.

    punto 2) troppi post non danno il tempo per metabolizzarli da chi li legge e di conseguenza la qualità scade. Mi piace l’idea della maratona, aiuta a pensare a lungo termine.

    Punto 5) 184 milioni di blog e 184 milioni di punti di vista per parlare e sviscerare un argomento, può essere una sfida e una fonte inesauribile di approfondimento. Lo stile di scrittura può diventare come le impronte digitali unico e irripetibile.

    Approfitto di questo commento per ringraziare anche Francesco il suo e-book mi è stato ed è molto utile per il mio blog ( un mese di vita)…

    Rispondi
  9. buona occasione oer aggiugere al feed reader efficacemente.com

    Rispondi
  10. Ciao Andrea, seguo da mesi il tuo blog ed approfitto ora nell’augurarti di consolidare e raggiungiere ulteriori obiettivi.

    Credo, come hai perfettamente detto che il punto 5 sia molto importante, soprattutto se il blog tratta argomenti di blogging.

    Ma è altrettanto importante far capire al visitatore occasionale da subito gia dall’header o in prossimità di esso di cosa parla il blog e quali argomenti tratta con una descrizione, ed ulteriormente invitando il lettore a visionare una mappa del sito.

    Rispondi
  11. Ciao Andrea,

    Complimenti per il post. In particolare, ho trovato molto utile il terzo punto, quello che riguarda la scrittura di post per altri blogger più affermati.

    Quando ho iniziato il mio blog. ostentavo a credere nella sua efficacia, ma ora ho cambiato idea!

    Buona giornata.

    Rispondi
  12. E’ a mio avviso la strategia di crescita a medio periodo più efficace.

    Andrea.

    Rispondi
  13. Supertiz - MeiHua ha detto:

    Ciao Andrea,
    innanzitutto ho stumblato questo tuo articolo perchè l’ho trovato interessante anche perchè lo sento molto vicino a quelli che scrive Francesco e facilmente leggibile e comprensibile.

    Poi ho fatto un giro sul tuo blog e nel frattempo mi sono iscritta così posso leggere con calma, inoltre ne ho approfittato per segnalarlo a due amici che lavorano anche loro nello stesso ambito. Penso sia sempre utile segnalare ad altri e ricevere suggerimenti e spunti da leggere ;)

    Mi ero già iniziata a leggere un ebook gratuito di Tony Robbins ma non essendo l’argomento di mia pertinenza non sapevo come interpretare il suo lavoro vedo invece che anche tu lo segnali e considerato che non mi sembri un “esaltato” come qualcuno in cui mi sono imbattuta, porterò a termine la lettura :)

    A questo punto ti saluto e leggo con calma i tuoi argomenti.
    Buon lavoro

    Rispondi
  14. Ornella ha detto:

    Mi piace molto il tuo stile. Il nome del blog mi ha richiamato alla “mente” il programma mediaMente . Trovo sempre molto efficace questo riferimento. Ho cominciato come blogger solo per dare voce alle mie riflessioni su alcuni libri letti. Ho adottato uno stile mio, un layout mio e ora, persistentemente, vado avanti. Non ho mire commerciali, non ho molti visitatori e non ricevo molti commenti. Andrò comunque avanti perchè alcuni post sono molto apprezzati.
    Mi sto incamminando verso la terza età e trovo stimolante condividere alcuni percorsi. Egoisticamente, mi piace scrivere e fissare sulla carta le sensazioni che un libro mi procura. Mi lascio affascinare il cuore, come canta Paolo Conte…
    Grazie per avermi aiutato a capire che quello che bisogna perseguire con costanza è la qualità e la tua realizzazione personale.Quasi naturalmente poi la condivisione con i tuoi simili arriva!
    Ornella

    Rispondi
  15. M_arioC ha detto:

    Ho appena letto 5 perle di saggezza :) Grazie! :D

    Rispondi
  16. lupus.sine.fabula ha detto:

    Bisogna essere differenti, originali, ma non eccessivamente! Bell’articolo, interessante, specie i dati.

    Rispondi
  17. Luigi ha detto:

    Grazie Molto ben scritta questa risorsa.
    Io ho iniziato da pochi mesi a scrivere un Blog sul Web Marketing per i miei clienti con buoni risultati!
    Terrò sicuramente in conto la tua fonte!

    Ciao

    Rispondi
  18. Giuseppe ha detto:

    Qualche buon trucchetto da condividere ?? Grazie

    Rispondi

Lascia un commento

Anteprima commentatore

Personalizza il tuo avatar!
Vai su gravatar.com e carica quello che preferisci!

I commenti sono modificabili entro 5 minuti dal loro inserimento.
Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Solo i commenti firmati con un nome saranno accettati. Leggi il Regolamento Commenti!