12 modi per essere linkati da altri blogger

Come ottenere link per il proprio blog
Foto di JJ Ying su Unsplash

Diciamocelo, il sogno neanche troppo recondito di ogni blogger è quello di avere tonnellate di buoni link in ingresso.

Sogno per nulla strano, dato che la qualità, e quantità, di link che un articolo riceve nel tempo contribuisce a decretare la sua posizione nelle SERP dei motori di ricerca, con tutti i vantaggi che si possono facilmente immaginare.

Certo le tecniche atte a portare link in ingresso sono tante. Una in particolare risulta però particolarmente semplice per chi gestisce un blog: il caro vecchio link baiting.

Dietro all’ennesimo inglesismo si cela in realtà qualcosa di molto limpido: riprendendo Matt Cutts possiamo definire il link baiting come qualsiasi contenuto sufficientemente interessante da attirare l’attenzione della gente.

Portare buoni link sul tuo blog è più semplice di quello che sembra. Anche se non hai mai letto Cutts e non hai nessuna voglia di trafficare con tecniche di marketing virale sul tuo blog.
In effetti, potrebbe bastarti saper scrivere bene.

Ma ci sono molti modi di scrivere bene, e molti modi di affrontare un argomento. Oggi vorrei provare ad analizzare con te 12 tipi di articoli che ben si adattano a ricevere link in ingresso.

  • Statistiche e report. Combinare insieme le giuste fonti di informazione è una capacità che non dovresti sottovalutare. Technorati e Nielsen sono due ottimi punti di partenza, dai quali peraltro nascono molti dei report che poi viaggiano sulla blogosfera nelle settimane a venire. Scovare questi dati quando ancora sono freschi e darne una visione interessante può valere più di un link.
  • Liste. Le liste sono ovunque. Ciononostante, non sentono affatto il peso degli anni e si prestano ancora agli utilizzi più disparati. Puoi utilizzare le liste per selezionare risorse, stilare classifiche, associare argomenti anche distanti tra loro con una chiave di lettura innovativa. Chi non conosce Smashing Magazine, il blog che ha fatto delle liste (anche reiterate) il suo vero punto di forza?
  • Selezioni commentate. Un conto è dare ai tuoi lettori gli strumenti per risolvere un problema, un altro è proporgli assieme delle ispirazioni che possano realmente guidarli nel giro di pochi minuti alla migliore delle soluzioni. Un esempio? Invece di pubblicare la prossima “Selezione di 10 Icone per Twitter” potresti optare per una più utile “Selezione di 10 utilizzi di Twitter Subscribtion Box nei Fotoblog”. E così via.
  • Argomenti spinosi e controversi. Si dice spesso che la blogosfera vada alla grande quando c’è da litigare su qualcosa. Molti blog toccano argomenti forti, che riguardano spesso la sfera più suscettibile delle persone. E’ normale. Quando poi di tanto in tanto spunta un’opinione veramente forte e fuori dalla massa, automaticamente questa diventa anche un’esca perfetta per una valanga di link in ingresso.
  • News. Arrivare per primi su di una notizia è un ottimo modo per diventare il centro del buzz iniziale. Tuttavia riuscire a mantenere questo status a lungo è purtroppo difficile, soprattutto quando annusano la notizia anche grandi portali o semplicemente blogger dotati di più influenza di te.
  • Freebies. Le persone adorano i contenuti gratuiti. Ma più che linkare selezioni di risorse gratuite, di tanto in tanto dovresti impegnarti nella creazione di contenuti originali da regalare ai tuoi utenti. Mettere insieme un set di icone non è più un compito così gravoso; tradurre un plugin richiede solo una frazione del tuo tempo libero ogni giorno. Tutto ciò che devi capire è cosa vogliono i tuoi utenti, per poi impegnarti a darglierlo.
  • Test. Molti dei test e delle recensioni che si leggono abitualmente in rete non sono altro che una mera copia del comunicato stampa e di (forse) un paio di schede tecniche. Ciò che ti serve invece per essere linkato è una buona recensione (neanche troppo professionale), dove sia evidente il tuo amore per il soggetto trattato. Prenditi il tempo che serve, e dona ai tuoi lettori un vero masterpiece.
  • Contest. Non devi necessariamente disporre di grandi somme di denaro per poter lanciare un contest. Se anzi hai impostato un piccolo piano di monetizzazione è possibile che il tuo blog già disponga della somma necessaria per donare qualcosa di originale ai tuoi lettori. Di più, se non appartieni ad una nicchia troppo ristretta, è altamente probabile che ci siano là fuori almeno un paio di investitori disposti a scambiare visibilità con qualcosa di succoso da mettere in palio.
  • Aggregazione di contenuti. Le persone adorano vedere il proprio lavoro promosso da altri. Ogni qual volta stai aggregando del contenuto altrui o promuovendo una serie di professionalità di terzi, sta in effetti creando un’esca che ben si presta ad essere linkata.
  • Iniziative collaborative. A volte anche lanciare un progetto esterno al tuo blog può contribuire a portarti link. Tutta la visibilità che il progetto guadagna di giorno in giorno va a riflettersi per buona parte sul suo creatore. E sul suo blog, naturalmente. D’altronde, chi non conosce BlogMagazine di Julius ?
  • Qualcosa di personale. Parla di qualcosa che ti tocca direttamente. Tira fuori una statistica, metti in gioco dati ed esperienze. Le persone adorano costruire i propri post partendo da contenuti di questo tipo. Più il nome è conosciuto, più le persone saranno recettive.
  • Articoli collaborativi. Se hai letto la recente lista di risorse per blogger dalla A alla Z, sai già di cosa sto parlando. Il vantaggio duplice di post di questo tipo è che non richiedono un grosso sforzo iniziale ma solo quanto necessario a mantenerli aggiornati. Crea qualcosa che i tuoi stessi lettori possano plasmare durante i giorni; scoprirai che le stesse persone che volentieri hanno voluto contribuire al post originale sono poi le stesse che lo hanno ripreso, imitato, linkato.

La qualità prima di tutto

Chiedere un link o una citazione ai propri lettori, all’alba del 2009, non ha più molto senso. In effetti, non credo ne abbia mai avuto. Ricorda: l’unico modo per ottenere buoni link in ingresso è scrivere qualcosa che valga la pena di essere linkato.

E’ forse più faticoso al principio, ma la fatica si ripaga ampiamente man mano che il tempo passa.

Francesco Gavello

Francesco Gavello

Consulente, formatore e public speaker in Advertising e Web Analytics. Sviluppo strategie di Inbound Marketing per progetti web di grandi dimensioni. Appassionato da sempre di illusionismo, un’arte che ha molto da spartire con il marketing.

17 commenti

  1. Come sempre un bell’articolo con tante informazioni utili. Ma non bisogna mai sottovalutare il fattore tempo: con Monetizzando, per parlare della mia esperienza, son partito meno di un anno fa e già ho un discreto numero di visite, pur non avendo fatto scambio link o viral marketing, questo perchè credo nella qualità dei miei articoli e nel modo in cui svolgo il mio lavoro. Ma non ho ancora ricevuto i backlink che avrei voluto… Forse ci vuole ancora tempo, staremo a vedere 😉

  2. Ottimo francesco. Credo che la qualità e, ancora di più l’utilità, di un articolo sia fondamentale.

    Ecco perchè le liste continuano ad essere molto linkate, perchè soddisfano una domanda precisa (quindi sono utili).

    Stefano

  3. Hai proprio ragione “La qualità prima di tutto“. Penso che l’ostacolo più grande sia proprio quello di scrivere contenuti di qualità: se ci sono questi i risultati arrivano!

    Nel recuperare link in entrata, secondo te, in che contesto si collocano le piattaforme di social network o messaging (Facebook, Twitter, ecc…)? Inoltre entrare a far parte di siti di aggregazione come Liquida,Wikio, OkNotizie,… può essere utile?

  4. @Marbio: Sono sicuramente utili, se usati con parsimonia 😉

    Il mio punto di vista?

    Pochi social network dove condividere i propri contenuti (e dove essere veramente attivi anche con i contenuti pubblicati dagli altri utenti) e ancora più selezionati aggregatori.

  5. Bellissimo post, e d’accordo su tutto…
    Un particolare, nel commento qui sopra hai scritto “pochi social network dove condividere i contenuti”. Secondo me dipende dal giro che si ha in questi social network.
    Mi spiego meglio, condividere le proprie informazioni su questi siti serve, alla fin fine, ad avere visibilità, e se si hanno contatti differenti in più social credo sia utile mostrare i propri post a più gente possibile, in modo da avere più riscontri..
    (ovviamente, non sono queste piattaforme che garantiscono la buona riuscita di un blog, ma tutto aiuta ^^ )

  6. Come sempre un’ottimo lavoro tu sei un’esempio di ” vera qualita ” nella blogosfera italiana. Ne approfitto per augurarti una buona pasqua!

  7. Mi trovo molto d’accordo con te quando dici:
    ” Ciò che ti serve invece per essere linkato è una buona recensione (neanche troppo professionale), dove sia evidente il tuo amore per il soggetto trattato. Prenditi il tempo che serve, e dona ai tuoi lettori un vero masterpiece. ”

    Esattamente quello che sto cercando di fare io col mio blog dedicato alla musica , che è una delle mie grandi passioni.
    Inoltre un’altro metodo molto efficace a mio parere è navigare e rispondere , con pertinenza , ai vari post facendosi quindi conoscere proprio come stiamo facendo qui per questo post,e magari offrendo uno scambio link… 😉

  8. Ciò che premia qualunque blog (o sito) è l’originalità dei suoi contenuti.
    Premia sempre in termini di “ritorni” in link.

    Non sapete cosa scrivere?
    Provate a tradurre un post straniero utile (fedelmente e senza errori), naturalmente linkando la fonte e assicurandovi che l’autore non abbia impostato dei limiti.

    Non conoscete le lingue straniere?
    Provate a “tradurre” in italiano, con parole molto semplici, un post molto tecnico e molto difficile da comprendere. Ovviamente, dovete sapere sempre di cosa state parlando e citare la fonte.

    Comunque sia, il fine deve essere sempre e soltanto uno: CONTRIBUIRE AD ARRICCHIRE IL WEB.

    Soltanto in questo modo si potrà sperare di essere linkati.

    Un saluto a tutti